Home Eco Viaggi Vacanze green all’insegna di campi di volontariato, lotta alle mafie e natura

Vacanze green all’insegna di campi di volontariato, lotta alle mafie e natura

2098
0
CONDIVIDI

Sfruttare le vacanze e il tempo libero per entrare a contatto con la natura e promuovere la legalità. È questa l’altra faccia delle vacanze, quelle green e sostenibili.

Anche quest’anno, diverse organizzazioni si sono date da fare per stilare un calendario di esperienze a cui tutti possono partecipare, dando il proprio piccolo contributo nel tentativo di migliorare il rapporto con l’ambiente. Vediamo alcuni degli appuntamenti disponibili.

Già da questa primavera, Legambiente dà la possibilità a ragazzi e adulti di prendere parte a campi di volontariato e di valorizzazione del patrimonio naturale.

Alcune delle prime date disponibili (le altre saranno aggiunte e aggiornate entro i primi di marzo) sono queste:

  • dal 1 al 7 aprile, sono aperti i campi primaverili all’isola d’Elba, finalizzati alla salvaguardia dell’ecosistema dunale di Lacona;
  • dal 2 al 7 aprile, al Rifugio Cascina Le Cave in Toscana, adulti e bambini puliranno le aree boschive e costruiranno giochi con materiali di riciclo;
  • dal 24 aprile al 3 maggio, appuntamento a Torre di Palme nelle Marche, per la valorizzazione del patrimonio culturale e naturale del bosco del Cugnolo e del borgo medievale;
  • dal 26 aprile al 2 maggio, chi vorrà potrà recarsi a Favignana, per la pulizia di sentieri e la lotta alle ecomafie.

Tanti anche i campi e le esperienze estero. Potete scorrere alcune delle date ed esperienze disponibili a questo link: http://www.legambiente.it/legambiente/cerca-campi-volontariato

campi di volontariato

Campi all’insegna della legalità e della collaborazione sono quelli organizzati da Libera che parte a Pasqua con la sua stagione estiva di E!State Liberi, i campi di volontariato e formazione sui beni confiscati alle mafie.

Fino a ottobre, tutti, ragazzi, studenti, giovani e anziani, provenienti da tutta Italia e Europa, potranno partecipare a un’interessante esperienza di impegno civile con i campi di volontariato sui terreni e beni che una volta appartenevano ai boss delle principali organizzazioni criminali.

Da Isola Capo Rizzuto sulle proprietà confiscate al clan Arena, alle terre un tempo appartenenti a Brusca e Riina nel corleonese, passando per la Puglia sulle tenute che erano della famiglia Screti, i volontari saranno impegnati in attività agricole, in lavori di manutenzione del bene confiscato.

A queste iniziative è possibile partecipare sia come singoli che come gruppi. L’esperienza prevede tre diversi momenti: lavoro agricolo o di manutenzione, formazione e incontro con il territorio per uno scambio interculturale.

“L’obiettivo principale dei campi di volontariato sui beni confiscati alle mafie – fanno sapere gli organizzatori – è quello di diffondere una cultura fondata sulla legalità e giustizia sociale che possa efficacemente contrapporsi alla cultura della violenza, del privilegio e del ricatto. Si dimostra così, che è possibile ricostruire una realtà sociale ed economica fondata sulla pratica della cittadinanza attiva e della solidarietà. Caratteristica fondamentale di E!State Liberi è l’approfondimento e lo studio del fenomeno mafioso tramite il confronto con i familiari delle vittime di mafia, con le istituzioni e con gli operatori delle cooperative sociali”.

Potete trovare maggiori informazioni sul sito ufficiale di Libera:

Infine, per chi ama gli animali, c’è la possibilità di partecipare per tutto l’anno ai campi a Lampedusa, organizzati dal “Progetto Tartarughe del WWF Italia“. Lì troverete un Centro per la cura e lo studio delle tartarughe a tutela della nidificazione della tartaruga marina.

Inoltre, si apprende dalle agenzie di stampa, che è stato appena firmato l’accordo tra il Dipartimento della Gioventù e il Comando generale del Corpo delle capitanerie di Porto per consentire l’avvio della settima edizione di Campogiovani: da giugno a settembre 1200 giovani potranno partecipare ad un campo di una settimana con la Guardia Costiera in attività di tutela della vita umana, del mare, delle coste e dei parchi marini.

(Foto in evidenza: 2.bp.blogspot; foto interna: motherearthnews)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here