cambiamento climatico

Il cambiamento climatico renderà vaste distese di oceani “inabitabili”

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista Nature dimostra come vaste aree degli oceani del pianeta diventeranno inabitali per molte specie marine, a causa del cambiamento climatico.

Deutsch, uno degli autori di questo studio, dice che il fatto che le aree saranno inabitabili non sarà solo perché non possono resistere a temperature più elevate.

“La temperatura da sola non spiega dove può vivere un animale nell’oceano. Bisogna considerare l’ossigeno: quanto è presente nell’acqua, quanto bene un organismo può assorbirlo e utilizzarlo e come la temperatura influisce su questi processi “, spiega Curtis Deutsch, professore associato di oceanografia presso l’Università di Washington negli Stati Uniti.

Giornata Mondiale degli Oceani 2017: ecco come li stiamo distruggendo

Una varietà di fattori determina dove alcune specie marine possono vivere negli oceani, comprese le loro caratteristiche biologiche, come il metabolismo, la temperatura dell’acqua e i livelli di ossigeno presenti nell’acqua. Dato che gli oceani si riscaldano a causa dei cambiamenti climatici, gli scienziati stanno cercando di prevedere come reagiranno gli animali marini, dai pesci scheletrici alle meduse senza spine. Esperimenti di laboratorio indicano che molti potrebbero teoricamente tollerare temperature molto più alte di quelle che incontrano oggi. Ma questi studi non significano che gli animali marini possano mantenere le loro attuali gamme negli oceani più caldi.

Cambiamento climatico: come è stato effettuato lo studio?

Il team ha modellato quali parti dell’oceano sono e non sono abitabili per ciascuna specie. I ricercatori mostrano che l’ attuale areale di una specie generalmente si sovrappone alle parti degli oceani che si prevede siano abitabili per essa. Il loro modello prevede che il gambero settentrionale, un crostaceo, dovrebbe essere in grado di ottenere abbastanza ossigeno nelle acque fredde a nord di circa 50 gradi di latitudine nord, e questa è generalmente la gamma dei gamberetti oggi. Il gattuccio dalle piccole macchie può abitare acque temperate e fresche a una varietà di profondità, ma vicino ai tropici solo le acque vicine alla superficie, sopra i 300 piedi circa, sono respirabili, il che si riflette anche nella sua portata attuale.

In molti casi, le gamme di specie sono al limite della traspirabilità, il che indica che per gli animali marini la capacità di ottenere abbastanza ossigeno può essere un importante fattore limitante nel determinare dove possono vivere, ha aggiunto Deutsch. Al di fuori di tale intervallo, gli organismi corrono il rischio di ipossia o di non ricevere abbastanza ossigeno.

La temperatura influenza sia la quantità di ossigeno che l’acqua di mare può contenere, sia la quantità di ossigeno di cui un animale ha bisogno per mantenere lo stesso livello di attività. La già stretta sovrapposizione che i ricercatori hanno visto tra la traspirabilità e gli intervalli attuali indica che gli aumenti di temperatura a lungo termine, come previsto dai cambiamenti climatici, probabilmente limiteranno gli intervalli di molti animali marini .

Waste Shark: lo squalo hi-tech che pulisce gli oceani dai rifiuti

Questo nuovo studio segue uno studio del 2015 su quattro specie dell’Oceano Atlantico del team di Deutsch e si basa sulle sue scoperte dimostrando che specie diverse in tutti i bacini oceanici abitano generalmente la gamma massima che possono attualmente.

Non si escudono ulteriori ricerche su altre specie di animali.

Foto di Francesco Ungaro da Pexels

cambiamento climatico, ossigeno acqua, riscaldamento temperature


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.