bioluminescenza messico

Bioluminescenza: un evento inaspettato sulle spiagge di Acapulco

La bioluminescenza ha sempre stupito l’universo scientifico. Questo fenomeno, prodotto da esseri viventi, si è verificato in Acapulco, in pieno isolamento da coronavirus.

Dall’imposizione delle quarantene, succede che ci sono meno persone nelle città. Questo è quello che è successo nella stazione turistica di Cancun , che ora ha pochi visitatori. Le sue spiagge, con sorpresa di molti, si sono illuminate con una grande bioluminescenza in assenza di persone.

Il fenomeno si è verificato, in particolare, nella spiaggia di Puerto Marqués . Le persone che hanno avuto l’opportunità di vederlo, sono state sorprese nel vedere le onde brillare nei toni del turchese e al neon.

L’evento è stato registrato sui social network dagli abitanti di Cancun attraverso video e immagini. È qualcosa che di solito non succede in questa città.

Cos’è la bioluminescenza

La bioluminescenza il processo attraverso il quale gli organismi viventi producono luce. Possono essere batteri, piante, alghe, funghi o insetti. Ad esempio, le libellule spesso irradiano luce.

Ci sono siti noti per questo fenomeno. È il caso della Giamaica, che ha una laguna chiamata “Acque scintillanti”. È la famosa ” laguna luminosa “, le cui acque acquisiscono una luce blu a causa dell’effetto dei microrganismi che le abitano.

Anche alcuni scienziati hanno pensato di creare alberi bioluminescenti per illuminare le strade urbane. È qualcosa che sperano di ottenere con i dispositivi genetici.

Tuttavia, a Cancun questo è qualcosa che non era stato osservato prima. Pertanto, la grande novità e la sorpresa della gente del popolo di vedere le onde di luce che si infrangono contro la spiaggia.

Leggi anche:

Bioluminescenza – Arrivano le piante che si illuminano come lampadine

La scomparsa delle lucciole, tra inquinamento, pesticidi e cementificazione

Perchè questo fenomeno naturale si è verificato a Cancun?

Si ipotizza che siano piccoli pesci, le cui squame emanano luci. Inoltre, vi sono animali marini che non osano raggiungere le coste grazie alla presenza umana.

A causa della quarantena, non c’è nessuno che faccia il bagno di notte sulle spiagge di Cancun . Questa solitudine sulle rive della città si aggiunge a un paio di mesi. A causa di quanto sopra, la zoologia marina si avvicina timidamente alle coste di Cancun . Ecco come questi organismi luminosi mostrano il loro spettacolo su spiagge solitamente sempre piene di turisti.

Tutto sembra indicare che la natura sta recuperando i suoi spazi! In Spagna, ad esempio, sono stati visti cervi camminare per le strade ed entrare nelle chiese. Un altro evento si è verificato in montagna in India. Cosa è successo lì? Bene, delle tartarughe sono arrivate in alcune spiagge dove non le avevano mai viste. Qualcosa di meraviglioso!

fonti:

millennio

L’universale


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.