Home Alimentazione Biologica Turismo sostenibile visitando i giardini botanici

Turismo sostenibile visitando i giardini botanici

922
0
CONDIVIDI

“Nonostante l’aridità della fascia climatica saheliana, il Burkina Faso è caratterizzato da una natura affascinante e da una sorprendente biodiversità. Ormai da alcuni decenni, però, la siccità si accentua e la desertificazione avanza: le terre coltivabili diventano più rare e numerosi spazi alberati si riducono, fino a scomparire in alcuni casi. L’obiettivo del progetto del Giardino Botanico di Tanlili è contrastare questo processo e creare un luogo di tutela della biodiversità. In questo spazio si possono infatti trovare piante locali, in particolare quelle più rare e in via di estinzione, e quelle di cui esistono testimonianze riguardo ai loro utilizzi tradizionali da parte delle popolazioni dei villaggi dell’Unione. E’ stata svolta anche una ricerca etnobotanica per approfondire i diversi usi delle specie in questione, a livello alimentare e della farmacopea tradizionale. Uno degli aspetti più interessanti del Giardino Botanico di Tanlili, a mio parere, è la conservazione dei saperi tradizionali riguardanti gli usi delle piante, che concernono tutti i livelli dell’esistenza di queste popolazioni: dall’alimentazione alla cura delle malattie, dalla costruzione di abitazioni alla fabbricazione di saponi ecc.Infatti i giovani conoscono sempre meno tali pratiche e, se le specie scompariranno completamente, si perderà per sempre la possibilità per le generazioni future di beneficiare e tramandare questi preziosissimi saperi.” Questo è ciò che racconta Stefania nel suo viaggio in Burkina Faso, dove potete trovare tutti i dettagli qui. Altre meraviglie ci aspettano visitando i giardini botanici di tutto il mondo, potete inviarci le vostre foto relative alle bellezze naturali incontrate in vacanza, alla nostra pagina di Facebook www.facebook.com/Ambientebio, così al ritorno dalle vacanze le potrete vedere le più belle  pubblicate a disposizione di tutto il nostro pubblico! 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here