Home Alimentazione e Salute Un pugno di frutta secca al giorno per aiutarci a dimagrire

Un pugno di frutta secca al giorno per aiutarci a dimagrire

1139
0
CONDIVIDI
rischio di cancro al seno

Noci e frutta secca per dimagrire e vivere più a lungo. Abbiamo già visto, attraverso un altro articolo, come l’introduzione della frutta secca nell’alimentazione non sia considerata più come un tabù, ma come un fatto auspicabile per la salute delle persone.

Abbiamo visto come, durante un simposio dal titolo “Nuts in Health and Disease”, organizzato dall’international Nut and Dried Fruit Council, gli studiosi abbiano completamente riabilitato la frutta secca, attribuendogli la capacità di allungare la vita e di proteggere e sostenere l’apparato cardiocircolatorio.

Ora, altri studi si aggiungono a quelli citati, per dimostrare come questi particolari alimenti, non solo facciano bene all’organismo, ma anche alla linea.

Secondo le ultime scoperte, infatti, contrariamente a quanto in genere si crede, visto l’elevato contenuto di grassi presenti in questi cibi, sembra che mangiare quotidianamente noci, mandorle e nocciole, aiuti a mantenere il peso forma.

I grassi insaturi in essi presenti vengono metabolizzati molto più velocemente dal nostro corpo e apportano numerosi benefici per la nostra salute. Non solo, il contenuto di proteine, fibre, vitamine, acidi grassi essenziali omega 3, presente all’interno della frutta secca, sembra che aumenti il senso di sazietà, inducendo quindi a mangiare meno.

Questo almeno quanto risulta da uno studio condotto dalla Loma Linda University in California e pubblicato sulla rivista Plos One. Secondo la ricerca, quindi, mettere ogni giorno in tavola la frutta secca aiuta a rimanere in linea e mette al riparo da malattie come il diabete.

Per giungere a tali conclusioni, gli esperti hanno seguito 803 individui divisi in gruppi in base alla quantità di frutta secca consumata quotidianamente. Secondo le osservazioni condotte, è risultato che il gruppo che ne consumava di più aveva una probabilità inferiore del 37-46% di essere obeso, rispetto a coloro che mangiavano la quantità più esigua di frutta secca.

Inoltre, secondo i dati, i consumatori assidui di frutta secca hanno un rischio inferiore di soffrire di sindrome metabolica, una patologia che è l’anticamera del diabete e che è associata a rischio cardiovascolare.

Di recente, sul New England Journal of Medicine è stato pubblicato anche un altro studio che dimostra come mangiare un pugno di nocciole o mandorle o noci (o altra frutta secca) al giorno allungherebbe la vita, riducendo mediamente del 20% il rischio di morte per qualunque causa. In particolare il consumo quotidiano di frutta secca riduce del 29% il rischio di morte per patologie cardiovascolari e dell’11% per tumori.

Consumare frutta secca, quindi, ci fa sentire bene, più sazi e ed è un valido aiuto per la salute, anche per quella dei bambini. Le noci, ad esempio, contengono omega 3 e altre sostanze che proteggono il cuore, ma anche ferro, potassio, calcio fosforo, vitamina A, B e C: sono una bomba di energia!

Le nocciole, invece, sono utili per prevenire arteriosclerosi e malattie vascolari e proteggono i tessuti dall’invecchiamento. Le mandorle, beh, le mandorle le conosciamo bene e sappiamo quanto bene facciano all’organismo.

Via libera dunque alla frutta secca, ma sempre con moderazione!

Fonte

Fonte

Fonte

(Foto: Lamees (L.Y.S))

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here