Home Nuove Scoperte Diabete di tipo 2: la dieta miracolosa che sta stupendo gli scienziati

Diabete di tipo 2: la dieta miracolosa che sta stupendo gli scienziati

58185
0
CONDIVIDI

Le diete macrobiotiche di Mario Pianesi stanno stupendo la comunità scientifica grazie ai suoi benefici per le persone affette da Diabete di tipo 2.

Sconfiggere il diabete di tipo 2 con la dieta macrobiotica. Sembra essere questa la rivelazione a cui sono arrivati alcuni studi recenti sul lavoro di Mario Pianesi che per primo al mondo, 40 anni fa, ha cominciato una coraggiosa sperimentazione nel settore.

Oggi la sua proposta finisce su Nature ed è consacrata dagli scienziati di tutto il mondo. Vediamo di cosa si tratta e come interviene sul diabete di tipo 2.

La dieta Ma-Pi 2

Il reparto di endocrinologia e diabetologia dell’Università Campus Bio-Medico di Roma ha di recente sperimentato l’efficacia della dieta Ma-Pi2, proposta da Mario Pianesi, in un “rigoroso studio clinico controllato e randomizzato”. Condotto su 56 pazienti affetti da diabete di tipo 2, i ricercatori hanno comparato l’effetto della dieta di Pianesi con quella proposta dalle principali società scientifiche internazionali.

Dopo 21 giorni di studio, “si è osservata una riduzione maggiore e statisticamente significativa nella glicemia a digiuno, in quella post-prandiale e nell’omoglobina glicosilata”, nei pazienti che seguivano la Ma-Pi 2, rispetto alla dieta abitualmente consigliata. Un risultato straordinario.

Straordinaria anche la conferma che il regime alimentare ha prodotto tantissimi altri benefici per l’organismo. La riduzione dell’indice di insulino-resistenza, per esempio. Così come il calo del colesterolo totale e di quello Ldl, considerato cattivo. Riduzione del rapporto Ldl/Hdl, del peso e della circonferenza di vita e fianchi.

Paolo Pozzilli, uno dei ricercatori coinvolti, ha raccontato la sua immensa sorpresa nel valutare i risultati: Devo ammettere che, alla curiosità intellettuale verso l’approccio nutrizionale [di Pianesi], si accompagnava in me un sano scetticismo dettato dal dubbio cartesiano. I risultati di questi studi sono stati pubblicati su importanti riviste internazionali, si sono basati su rigorose ricerche scientifiche e, come tali, sono da ritenersi conclamati, validati e indiscutibili”.

“Questo è un aspetto fondamentale”, prosegue, “che fa delle diete Ma-Pi un unicum nel panorama delle proposte dietetiche alternative. Con le diete macrobiotiche Ma-Pi possiamo quindi affermare di aver arricchito il nostro “arsenale” di molte armi in più nella lotta contro queste importanti patologie”. Risultati che sono confermati anche nella prevenzione del diabete di tipo 2 e quindi come efficace strumento della riduzione del rischio di contrarre la malattia.

Che cos’è il macrobiotico

Lo stile di vita macrobiotico nasce dalle filosofie orientali. Vivere macrobiotico significa mantenere in costante equilibrio lo yin e lo yang, le due forze fondamentali dell’universo. È un concetto tipico delle filosofie tradizionali cinesi, come il taoismo e il confucianesimo. L’alimentazione è solo una parte di questo stile di vita completo.

Sul fronte del cibo, si effettua una divisione in due gruppi. Lo Yin rappresenta gli alimenti alcalini: frutta, tè, etc. Lo Yang, invece, è l’acido: sale, carne, pesce. C’è un’altra categoria di prodotti che si colloca al “centro” di questa suddivisione. Sono i cosiddetti cibi bilanciati: cereali, legumi e semi oleosi. Ed è soprattutto su di essi che si basa la dieta Ma-Pi 2. Di solito vengono presentati, nello stesso piatto, cereali, verdure e legumi integrali.

Tutti prodotti senza l’uso di sostanze chimiche di sintesi. Un altro punto forte della dieta di Pianesi, infatti, è la sostenibilità ambientale. Già negli anni ’70, con i suoi “Punti Macrobiotici”, Pianesi sperimentava la coltivazione senza l’uso di prodotti chimici, presso agricoltori locali che recuperavano colture ormai dimenticate e sementi antiche non ibride, in grado di autoriprodursi. Un sistema agricolo che prevede la consociazione di cereali, verdure, legumi e alberi da frutto sullo stesso terreno, nonché la piantumazione degli alberi ogni 5 metri.



In questo modo, la dieta pianesiana garantisce un apporto di fibre unico nel suo genere, sia per qualità che per quantità.

Che l’alimentazione aiuti a contrastare e combattere il diabete, lo sappiamo da tempo. Abbiamo visto infatti i 7 frutti che aiutano a prevenirlo e altri 10 alimenti, preziosi alleati nel contrasto della malattia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here