fbpx
allevamenti intensivi

Allevamenti intensivi di malattie: come la produzione industriale di polli sta allevando la prossima pandemia

Allevamenti intensivi: Almeno otto tipi di influenza aviaria, tutti in grado di uccidere gli esseri umani, circolano negli allevamenti intensivi del mondo e potrebbero essere peggiori del Covid-19. Riportiamo anche a fine articolo la dichiarazione di Unaitalia, associazione che rappresenta la quasi totalità della produzione avicola nazionale – per una più completa e puntuale informazione.

Nel The Guardian si racconta: “Un giorno dello scorso dicembre, 101.000 polli in una gigantesca fattoria vicino alla città di Astrakhan, nel sud della Russia, hanno iniziato a collassare e morire . I test del centro di ricerca statale hanno mostrato che un ceppo relativamente nuovo di influenza aviaria letale noto come H5N8 era in circolazione e in pochi giorni 900.000 uccelli nello stabilimento Vladimirskaya sono stati frettolosamente macellati per prevenire un’epidemia.”

L’influenza aviaria è l’altra pandemia in corso nel mondo e l’H5N8 è solo un ceppo che ha dilaniato migliaia di allevamenti di polli, anatre e tacchini in quasi 50 paesi, inclusa la Gran Bretagna, negli ultimi anni e non mostra alcun segno di volersi fermare.

Ma l’incidente di Astrakhan era diverso. Quando sono stati testati 150 lavoratori della fattoria, si è scoperto che cinque donne e due uomini avevano la malattia, anche se lievemente. Era la prima volta che si sapeva che H5N8 passava dagli uccelli agli umani.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) è stata allertata ma, essendo al culmine della pandemia di Covid-19, poca attenzione è stata prestata anche quando Anna Popova, capo consigliere per i consumatori della Federazione Russa, è andata in tv ad avvertire “con un certo grado di probabilità” che la trasmissione da uomo a uomo dell’H5N8 si evolverà presto e che il lavoro dovrebbe iniziare immediatamente sullo sviluppo di un vaccino.

L’attenzione globale è fissa sulle origini del Covid-19, in natura o in laboratorio, ma otto o più varianti dell’influenza aviaria, tutte in grado di infettare e uccidere l’uomo e potenzialmente più gravi del Covid-19, ora sferragliare regolarmente negli allevamenti intensivi del mondo a malapena notati dai governi.

Stiamo assistendo a un’esplosione senza precedenti di epidemie di nuovi virus dell’influenza aviaria.

Non ci sono state ulteriori segnalazioni di infezioni umane da H5N8 nel 2021, ma la preoccupazione della scorsa settimana si è rivolta alla Cina , dove un altro tipo di influenza aviaria nota come H5N6 ha infettato 48 persone da quando è stata identificata per la prima volta nel 2014. La maggior parte dei casi è stata collegata a persone che lavorano con uccelli d’allevamento, ma c’è stato un picco nelle ultime settimane e più della metà di tutte le persone infette sono morte, il che suggerisce che l’H5N6 sta accelerando, mutando ed estremamente pericoloso.

L’OMS e i virologi cinesi sono stati abbastanza preoccupati da chiedere ai governi di aumentare la loro vigilanza. “La probabilità di diffusione da uomo a uomo è bassa [ma] è urgentemente necessaria una più ampia sorveglianza geografica nelle aree colpite dalla Cina e nelle aree vicine per comprendere meglio il rischio e il recente aumento delle ricadute sugli esseri umani”, ha affermato una regione del Pacifico dell’OMS. portavoce in un comunicato.

All’inizio di questo mese, il Centro cinese per il controllo delle malattie [CDC] ha identificato diverse mutazioni in due recenti casi di H5N6. La diffusione del virus H5N6 è ora una “grave minaccia” per l’industria del pollame e la salute umana, hanno affermato Gao Fu, direttore del CDC, e Shi Weifeng, decano della sanità pubblica presso la Shandong First Medical University.

“Il potenziale zoonotico degli AIV [virus dell’influenza aviaria] garantisce un monitoraggio continuo e vigile per evitare ulteriori ricadute che potrebbero provocare disastrose pandemie”, affermano.

Allevamenti intensivi e malattie

L’OMS sospetta , ma non ha prove, che il Covid-19 sia legato all’allevamento intensivo di animali nei numerosi allevamenti di fauna selvatica a malapena regolamentati del sud-est asiatico . Le principali epidemie degli ultimi 30 anni, tra cui la febbre Q nei Paesi Bassi e le epidemie di influenza aviaria ad alta patogenicità, sono state collegate all’allevamento intensivo del bestiame .

I governi e le industrie avicole e zootecniche da 150 miliardi di sterline all’anno sottolineano come l’agricoltura intensiva sia generalmente estremamente sicura e ora essenziale per fornire proteine ​​alle popolazioni in rapida crescita, ma le prove scientifiche mostrano che condizioni stressanti e affollate guidano l’emergere e la diffusione di molte malattie infettive e agiscono come un “ponte epidemiologico” tra la fauna selvatica e le infezioni umane.

Organismi delle Nazioni Unite, accademici ed epidemiologi riconoscono il legame tra l’emergere di virus dell’influenza aviaria altamente patogeni e l’allevamento di pollame sempre più intensivo.

Secondo l’ Organizzazione delle Nazioni Unite per l’ alimentazione e l’agricoltura (FAO): “I virus dell’influenza aviaria si stanno evolvendo in un pool genetico virale ampio e diversificato… Un agente patogeno può trasformarsi in un agente patogeno ipervirulento; nelle monocolture che comportano l’allevamento di massa di animali geneticamente identici selezionati per un’elevata conversione alimentare, un patogeno ipervirulento emergente si diffonderà rapidamente all’interno di un gregge o di una mandria”.

Gli uccelli selvatici sono regolarmente accusati dai governi e dall’industria di diffondere l’influenza aviaria lungo le rotte migratorie, ma le prove sta crescendo il fatto che gli allevamenti intensivi sono potenziali “miscelatori” di nuovi virus mortali.

“Incolpare gli uccelli acquatici migratori… chiaramente non è più una posizione sostenibile”, afferma Rob Wallace, un virologo americano che sostiene che i nuovi ceppi di influenza emergenti si stanno adattando alla produzione industriale di pollame. “L’infiltrazione dell’influenza nel bestiame industriale e nel pollame è così completa che questi allevamenti ora fungono da serbatoi [di malattie]”, dice. “Sono la loro stessa fonte.”

Con oltre 20 miliardi di polli e quasi 700 milioni di maiali allevati in qualsiasi momento, Wallace afferma che le possibilità che nuovi ceppi e varianti influenzali emergano e si diffondano sugli esseri umani sono alte.

È sostenuto da Sam Sheppard, un biologo della Bath University, che afferma che l’uso eccessivo di antibiotici, il sovraffollamento e la somiglianza genetica tra gli animali forniscono le condizioni ideali affinché molti batteri, virus e altri agenti patogeni si uniscano, mutino, si diffondano e poi saltino negli esseri umani.

Sheppard studia come tenere gli animali chiusi insieme innesca cambiamenti genetici in insetti comuni come il campylobacter, che ora sono diffusi nel pollame, suini e bovini. “Questi sono emersi per la prima volta nel XX secolo, in coincidenza con un forte aumento del numero di bovini allevati. Gli insetti ora sono resistenti agli antibiotici a causa dell’uso eccessivo di medicinali”, afferma.

Né si tratta solo di pollame e maiali. L’emergere di malattie respiratorie come la Mers nei cammelli, i coronavirus negli allevamenti di visoni e la BSE nei bovini suggerisce che l’allevamento intensivo di qualsiasi animale aumenta i rischi di infezione.

La prossima pandemia

Marius Gilbert, epidemiologo dell’Université Libre de Bruxelles in Belgio, e altri hanno dimostrato come l’influenza aviaria sia collegata alla rapida intensificazione dell’allevamento di pollame, che ora sta rendendo più pericolosi i virus dell’influenza aviaria.

Gli esperti di sanità pubblica hanno a lungo messo in guardia sui pericoli dell’agricoltura industriale, ma dal momento che Covid la posta in gioco è diventata più alta poiché si vedono i costi completi di una moderna pandemia, afferma il medico e storico Michael Greger, autore del libro Bird Flu: A Virus of Our Covata propria.

Greger sostiene che ci sono state tre ere di malattie umane: in primo luogo, quando abbiamo iniziato ad addomesticare gli animali circa 10.000 anni fa e siamo stati infettati dalle loro malattie, come il morbillo e la varicella; poi nel XVIII e XIX secolo, quando la Rivoluzione Industriale portò a epidemie di diabete, obesità, malattie cardiache e cancro; e ora, a causa dell’intensificazione agricola che sta portando a malattie zoonotiche o di origine animale come l’influenza aviaria, la salmonella, la Mers, il Nipah e il Covid-19.

“In termini evolutivi, l’allevamento di pollame, bovini e suini in condizioni ad alta intensità, affollate, confinate e del tutto innaturali può essere l’alterazione più profonda della relazione uomo-animale in 10.000 anni”, afferma

“Stiamo assistendo a un’esplosione senza precedenti di epidemie di nuovi virus dell’influenza aviaria, che storicamente hanno presentato il maggior rischio di pandemia e sicuramente hanno il potenziale per essere peggiori del Covid”.

Gilbert afferma che non sono solo gli allevamenti intensivi che portano alla pericolosa influenza aviaria, ma i cambiamenti che gli esseri umani stanno apportando all’ambiente in generale. “La maggior parte dei virus che circolano negli uccelli selvatici sono di basso pericolo e causano solo effetti lievi. [Ma] di tanto in tanto entrano nel sistema avicolo, dove subiscono cambiamenti evolutivi, per lo più legati alle condizioni in cui vengono allevati gli animali. Abbiamo visto virus a bassa patogenicità acquisire patogenicità negli allevamenti”.

Questo può creare un circolo vizioso in cui un virus muta in una fattoria e poi si riversa nella popolazione di uccelli selvatici dove può diffondersi ulteriormente attraverso percorsi migratori, dice. “Ogni volta che le persone vengono infettate c’è il pericolo che i virus diventino più pericolosi o trasmissibili”.

Dichiarazione Unaitalia (associazione che rappresenta la produzione avicola nazionale)

Gli allevamenti non sono responsabili dello spillover e delle pandemie. Il salto di specie è un fatto casuale e si verifica solo in condizioni di estrema promiscuità tra uomo e animali selvatici, che non dovrebbero essere mai portati a vivere a contatto con gli ambienti domestici umani.

Ad esempio, non è stata dimostrata alcuna correlazione tra Covid e allevamenti. L’unica eccezione è stata infatti rappresentata dal caso degli allevamenti dei visoni, partito in Danimarca, che hanno dimostrato una particolare recettività (per via delle peculiarità dei recettori del loro sistema immunitario) e per i quali l’Ue ha adottato un principio di precauzione.

Gli allevamenti italiani sono ben gestiti e controllati sotto il profilo sanitario con adeguate misure di biosicurezza e soggetti alle severe norme Ue, per questo non rappresentano un rischioLe filiere aderenti ad Unaitalia, infatti, mettono in atto da tempo severe misure di biosicurezza emanate dal Ministero della Salute a partire dal 2005 a tutela della salute degli animali per prevenire l’introduzione e la diffusione del virus negli allevamenti avicoli.

Il virus dell’influenza aviaria non si trasmette in maniera efficiente da persona a persona. L’aviaria è un virus animale che, come dimostrato da numerosi studi epidemiologici, ha bersagli ben diversi dall’uomo.

È infatti ampiamente dimostrato dalla letteratura scientifica che i recettori per i virus dell’aviaria sono poco presenti nell’organismo umano e che il virus non trova nell’uomo un terreno fertile dove attecchire. Per essere contagiati bisogna esporsi a una grandissima carica virale, come nel caso di situazioni di forte promiscuità tra uomini e animali, cioè attraverso il contatto diretto con gli uccelli infetti vivi o con ambienti contaminati e/o loro escrezioni fresche (feci, urine, saliva e secrezioni respiratorie).

Come già ribadito, in Italia abbiamo un imponente sistema preventivo di monitoraggio e controllo, sia della avifauna selvatica sia degli animali allevati, volto all’individuazione precoce dei primi segni di malattia, in modo che possa essere attivato il collaudato sistema di interventi per la massima tutela tanto degli animali quanto del consumatore.

allevamenti intensivi, aviaria


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter