Home Rimedi Naturali Rosmarino: benefici, usi e coltivazione

Rosmarino: benefici, usi e coltivazione

2741
0
rosmarino

Il rosmarino è una pianta originaria della regione mediterranea, Rosmarinus è un nome che deriva dal latino e significa “rosa dal mare.”

Per i Romani, il rosmarino rappresentava l’amore e la morte, e utilizzavano la pianta come un portafortuna. 

E’ una pianta ampiamente utilizzata in cucina, ma nella medicina popolare veniva utilizzato nel trattamento di varie malattie. Si ritiene possa 3, valido aiuto nelle malattie respiratorie e  riduce i sintomi di reumatismi. 

Proprietà medicinali e benefici

• reumatismi;
• depressione;
• stanchezza;
• cattiva circolazione;
• gas intestinali;
• insonnia;
• mal di testa;
• crampi mestruali;
• ferite che devono essere guarite.

Il rosmarino agisce come un rilassante antinfiammatorio, tonico, cicatrizzante, antisettico e antibatterico.

Un’altra buona notizia è che l’erba ha una grande quantità di antiossidanti, in grado di ritardare l’invecchiamento delle cellule e di eliminare le tossine dal nostro corpo.

Come fare un salutare tè al rosmarino

Il tè al rosmarino è indicato per il trattamento di disturbi digestivi, come la dispepsia. In caso di coliche e mestruazioni dolorose l’ideale è di prendere lo sciroppo con rosmarino e camomilla per alleviare il dolore.

Il tè rinfrescante è indicato in casi di stanchezza, mentre nel caso di dolori reumatici è utile strofinare la parte interessata con l’olio essenziale di rosmarino

L’infuso si usa per:

  • Abbassare il colesterolo;
  • Combattere il mal di denti;
  • Combattere la caduta dei capelli;
  • Depurare il fegato;
  • Favorire la diuresi;
  • Fare bagni ricostituenti;
  • Combattere i dolori addominali;
  • Antidiarroico;
  • Regolarizzare la pressione.

L’olio essenziale è più adatto per:

  • lenire il mal di testa;
  • lenire i dolori articolari;
  • debellare parassiti;
  • ritrovare l’energia;
  • combattere la depressione.

Come coltivare il rosmarino

Potete andare oltre se volete produrlo in casa, e vedere come coltivarlo!

È possibile infatti moltiplicare la pianta per talea tagliando un rametto semi legnoso di circa 10 centimetri.

Loading...

Togliete tutte le foglie che si trovano più in basso e lasciate solo quelle in cima, adagiate la talea in un vasetto con sabbia e terra in parti uguali fino a marzo, successivamente sarà sufficiente trapiantare la nuova pianta in un vaso più grande.

Il rosmarino si può moltiplicare anche con talea in acqua. In pratica, il rametto va fatto radicare in un vaso di acqua non calcarea.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.