Home Alimentazione Biologica Legumi: proprietà e benefici delle diverse tipologie

Legumi: proprietà e benefici delle diverse tipologie

4003
0
CONDIVIDI

I legumi sono tra gli alimenti più salutari e diffusi nelle nostre cucine. Sono vari e ognuno di essi ha delle caratteristiche specifiche e un potere nutrizionale e curativo da non sottovalutare.

Ricchi di proteine vegetali, sali minerali (come ferro e calcio), possono essere abbinati a vari tipi di cereali, costituendo un alimento completo e utile al corretto funzionamento del nostro organismo.

Lenticchie, fagioli, ceci, ce ne sono di tutti i tipi e per tutti i gusti! Impariamoli a conoscerli meglio.

Fagioli

I fagioli sono tra i legumi più conosciuti e adoperati nel nostro Paese, anche se sono diffusi un po’ in tutto il mondo. Di diversi tipi, racchiudono proprietà nutritive eccezionali. In 100 grammi di fagioli borlotti freschi, ad esempio, sono racchiusi 5,7 grammi di proteine e 4,2 grammi di fibre. Sono ricchi di vitamine A, B, C, ed E, contengono sali minerali e oligominerali, come potassio, ferro, calcio, zinco e fosforo. Non solo, sono ricchi di lecitina, un fosfolipide che favorisce l’emulsione dei grassi. Mantengono il cuore sano, sono privi di colesterolo, aiutano nella lotta contro il cancro e a gestire il diabete. Secondo uno studio canadese, consumare legumi, in particolar modo fagioli, è utile ad abbassare i livelli di colesterolo cattivo nel sangue, aiutando a proteggere il cuore.

Lenticchie

Le lenticchie sono conosciute soprattutto grazie al loro apporto di proteine, calcio e ferro. Si stima, infatti, che in 100 grammi di prodotto secco siano contenuti: 25 grammi di proteine vegetali, 54 grammi di carboidrati, 5,1 milligrammi di ferro, 127 milligrammi di calcio e 3 milligrammi di vitamina C. Contengono un elevato quantitativo di fibre solubili, utili ad abbassare il colesterolo e sembra siano i legumi più antichi conosciuti e consumati dall’uomo. Hanno delle preziose proprietà antiossidanti, ci ricaricano di energia, proteggono il nostro intestino e sono utili in gravidanza, grazie al loro contenuto di acido folico. Si digeriscono meglio se condite con origano e timo.

Ceci

Buonissimi per preparare un quantitativo infinito di piatti, i ceci sono tra i legumi più versatili e gustosi da adoperare in cucina. Possono essere utilizzati per realizzare zuppe, minestre, vellutate, falafel. Sono ricchi di minerali, come magnesio, calcio, fosforo, ferro, potassio, rame, zinco e vitamina A. Sono inoltre una delle migliori fonti vegetali di proteine. Grazie alla vitamina B9, i ceci contribuiscono alla formazione dei globuli rossi e globuli bianchi, aiutando a prevenire l’anemia e mantenere la pelle sana. Inoltre, mantengono sotto controllo i livelli di glucosio nel sangue e fanno bene alla circolazione.

Fave

Dal bassissimo contenuto di grassi, le fave forniscono un alto apporto di proteine, fibre, ferro e fosforo. Fanno bene al cervello, sono utili contro l’anemia, riforniscono l’organismo di acido folico e fibre che aiutano a mantenere in salute l’intestino. Inoltre, sembra che abbiano delle spiccate proprietà antitumorali. Purtroppo non possono essere mangiate da coloro che soffrono di favismo, malattia genetica ereditaria dovuta alla mancanza di un enzima normalmente presente nei globuli rossi.

Cicerchia

La cicerchia è un legume ormai dimenticato, coltivato solamente in alcune zone dell’Italia centrale. Eppure, è un alimento ricco di proprietà. Fornisce un buon apporto di carboidrati e proteine, pur contenendo pochissimi grassi. Al link trovate una ricetta su come realizzare un’imbrecciata di ceci e cicerchia: http://ambientebio.it/imbrecciata-di-ceci-e-cicerchia/

Piselli

Nonostante le loro piccole dimensioni, i piselli sono dei legumi densi di nutrienti, molto di più di quanto altri ortaggi importanti lo siano in realtà. Sono particolarmente ricchi di acqua e sono una fonte eccezionale di acido folico. Aiutano a combattere il cancro, riducono le infiammazioni e sembra che siano utili anche a combattere la pressione alta e garantire la salute dell’apparato cardiocircolatorio.

(Foto: homami)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here