Home Alimentazione Biologica Erba di grano: benefici per la salute e come coltivarla

Erba di grano: benefici per la salute e come coltivarla

1865
0
CONDIVIDI

L’erba di grano è un alimento senza glutine, preparato a partire dai giovani germogli del grano. Le foglie verdi, a differenza dei chicchi, infatti, non contengono questa sostanza e sono quindi un alimento che va bene anche a chi presenta intolleranze al glutine.

Nel mondo occidentale questo prodotto ha iniziato a essere consumato solo a partire dal 1930, quando un chimico americano, Charles L. Schnabel, ha iniziato a diffonderlo e a farlo conoscere.

L’erba di grano è un alimento ricco di proprietà e il suo consumo può apportare notevoli benefici alla nostra salute. Vediamone qualcuno.

È ricca di clorofilla

Una delle maggiori proprietà dell’erba di grano è il fatto che sia ricca di clorofilla, un composto proteico presente nelle foglie verdi delle piante. È ciò che conferisce alle piante il loro tipico colore verde e che consente i processi di fotosintesi clorofilliana. Per il nostro organismo, la clorofilla è un potente purificatore del sangue e ci offre continue ricariche di energia. Aumenta i livelli di emoglobina nel nostro corpo, consentendo un maggior ricircolo di ossigeno. Questo ci fa stare meglio e ci protegge da numerose malattie.

Facilita la digestione

L’erba di grano contiene un buon quantitativo di enzimi digestivi e il suo uso è noto per la cura di diverse problematiche legate proprio alla digestione. Sembra che questo prodotto aiuti a lenire i sintomi derivanti da sindrome da intestino irritabile e reflusso acido. Grazie anche al suo alto contenuto di fibre, l’erba di grano è un rimedio utile anche per combattere stitichezza e intestino pigro.

erba di grano

Fonte di nutrienti

L’erba di grano è un alimento ricchissimo di sostanze nutrienti. Da solo, è in grado di fornire tutti gli elementi di cui il corpo ha bisogno. Contiene infatti minerali, vitamine, enzimi e aminoacidi.

I minerali contenuti sono: calcio, fosforo, potassio, ferro, manganese, magnesio, zinco e rame.

Le vitamine sono le più varie: vitamina A, beta-carotene, B1, B2, B6, B12, PP, C, E, acido folico, acido pantotenico, bioflavonoidi. Tutti in forme facilmente assimilabili. Aminoacidi ed enzimi consentono il rinnovamento delle cellule e aiutano il corpo a eliminare le tossine.

Nessun alimento può dare al corpo i principi nutritivi in modo così equilibrato. L’erba di grano, infatti, è un supplemento nutritivo per la salute, eccellente, molto più potente dei multivitaminici che si trovano sul mercato.

Dove trovarla

L’erba di grano è un prodotto ampiamente diffuso e può essere reperito sotto forma di polvere, di estratto, di capsule o compresse. L’importante, comunque, è accertarsi della provenienza di questo prodotto, del fatto che provenga da coltivazioni all’aperto, gestite in luoghi incontaminati. Esistono diversi produttori di erba di grano certificati. Evitate prodotti cinesi e accertatevi che il prodotto sia “vivo” e quindi non cotto, perché solo così può mantenere inalterati tutti i suoi principi attivi. Attenzione infine che non siano presenti aggiunte di malto destrina e che i prodotti provengano esplicitamente da coltivazioni biologiche.


Si trova ovviamente nei negozi biologici, ma anche online e nelle erboristerie.

Per maggiore sicurezza, potete anche pensare di coltivare l’erba di grano da soli in casa. La procedura è molto semplice e su internet potete trovare dei video tutorial che possono aiutarvi a farlo.

Come coltivarla

Ecco alcune indicazioni per coltivare da soli l’erba di grano. È necessario intanto avere un vassoio alto circa 5 cm e mezzo. Stendete uno strato di terriccio biologico, nel quale andrete a piantare i semini di grano (anche questo biologico). Innaffiate e, per velocizzare la crescita del grano, tenete coperto il tutto per i primi due giorni, riparandolo dalla luce. Quando vedete che inizia a germogliare, esponete la vostra erbetta alla luce e fate in modo che possa crescere a una temperatura di 18 gradi circa. Dopo 10-12 giorni, potete tagliare l’erba e consumarla in 4-5 giorni, prima che lo stelo si indurisca.

Fonte

Fonte

(Foto in evidenza: Stevendepolo; Foto interna: Thebittenword.com)