semi di zucca e aglio

Come rimuovere i parassiti dall’intestino con aglio e semi di zucca

Ansia, cattiva digestione, prurito, affaticamento, mal di testa … Hai avuto molti di questi disturbi e non sai da cosa sono causati? Se la tua dieta non è equilibrata, potresti avere parassiti intestinali, un problema di salute molto comune che di solito non è facilmente individuabile, ma che può peggiorare notevolmente la nostra qualità di vita.

Come faccio a sapere se ho i parassiti?

A volte è difficile rendersi conto che si soffre di parassiti intestinali, poiché sebbene siano molto più frequenti di quanto si pensi, i loro sintomi possono essere facilmente confusi con altri disturbi comuni. I più importanti sono i seguenti:

  • Disturbi dell’appetito (eccesso o mancanza di fame senza motivo apparente).
  • Occhi gonfi.
  • Ansia e nervosismo.
  • Prurito sulla punta del naso, negli occhi o nella zona anale.
  • Mal di testa.
  • Pupille dilatate.
  • Disturbi intestinali (costipazione, diarrea).
  • Insonnia senza motivo apparente.
  • Fatica.

Possono anche colpire i bambini e sono ancora più difficili da rilevare. Presteremo particolare attenzione se si grattano la punta del naso o la zona anale e se li notiamo più nervosi senza una causa apparente.

Perché compaiono?

Il motivo principale della comparsa dei parassiti è una continua cattiva alimentazione, in cui predominano i seguenti alimenti:

  • Zuccheri
  • Farine raffinate.
  • Fritto.
  • Bevande alcoliche.
  • Derivati ​​del latte (creme, creme, gelati, ecc.).

Il rischio di subirli è maggiore quando si soffre di disturbi intestinali come costipazione o diarrea. In caso di stitichezza l’accumulo di scorie provoca fermentazione o putrefazione per favorirne la comparsa, e in caso di diarrea, anche il danno permanente subito dalla flora intestinale è terreno di proliferazione per loro, per mancanza di difese naturali.

Come rimuovere i parassiti dall’intestino con aglio e semi di zucca

Aglio

semi, zucca, zucca, aglio, parassiti, intestini

L’aglio è un alimento medicinale che funziona come un antibiotico naturale e ci aiuta a prevenire molte malattie  In caso di parassiti è anche molto efficace. L’unico problema che ha è il suo odore e che ci sono persone che non lo digeriscono bene.

Come lo prendiamo?

  • Il più efficace ed economico è prenderlo crudo a stomaco vuoto.
  • Per chi non lo tollera bene, le capsule con olio all’aglio sono vendute anche in dietologia ed erboristeria.
  • Un’altra opzione è fare la  cura tibetana all’aglio , un’antica tecnica in cui noi stessi prepareremo questo estratto a casa e lo prenderemo gradualmente per abituarci al nostro corpo.
  • Inoltre, ci abitueremo a mettere l’aglio nei nostri pasti in modo che il nostro corpo si abitui a digerirlo.
  • Gli animali domestici possono anche ricevere uno spicchio d’aglio crudo nascosto in alcuni alimenti, come antiparassitario naturale.

Semi di zucca

I semi di zucca sono uno degli alimenti più potenti che abbiamo per prevenire ed eliminare i parassiti. Ha proprietà nutritive grazie al suo apporto di vitamina A, acido linoleico, ferro e zinco.

semi di zucca

Questi nutrienti coesistono con la cucurbitina, un principio attivo di tipo alcaloide con proprietà vermifughe che paralizza i parassiti intestinali come la tenia o la tenia e gli ascaridi. e una volta immobilizzati si staccano dalla parete intestinale ed è allora che è facile espellerli prendendo un lassativo.

Come li prendiamo?

  • Dobbiamo prenderli crudi, senza arrostirli e preferibilmente a stomaco vuoto.
  • Possiamo anche preparare una bevanda vegetale simile schiacciando 50 g di semi di zucca insieme a 250 cc di acqua. Possiamo addolcire la bevanda con un po ‘di stevia.
  • Infine possiamo macinarli e aggiungerli come condimento a tutti i nostri pasti.

Un’altra opzione: purea di semi di zucca

Prendi una zucca e tagliala a metà. Con un cucchiaio togli i semi e il tessuto in cui si  nascondono . Mettete il tutto in una pentola a pressione con pochissima acqua e due cucchiai di zucchero. Cuocere per circa 10 minuti e quando si sarà raffreddato unire i semi fino a ottenere una purea. Se necessario, puoi usare la stessa acqua in cui li hai cucinati. Se lo trovi più appetibile, puoi aggiungere qualche goccia di vaniglia per insaporire.

Metti questa purea in un barattolo di vetro assolutamente pulito e consumane due o tre cucchiai a stomaco vuoto per tutto il tempo necessario. Se la parassitosi è grave si può consumare fino a tre volte al giorno ma sempre lontano, almeno due ore, dai pasti abituali.

Questo rimedio è molto efficace per tutte le età, compresi i bambini di età superiore a un anno e gli anziani.

Altri suggerimenti

  • Eviteremo tutti quegli alimenti che abbiamo detto essere nocivi, e lo faremo rigorosamente, almeno per un mese.
  • Possiamo prendere un integratore per ripristinare la nostra flora intestinale.
  • Dobbiamo trattare naturalmente i nostri disturbi intestinali per evacuare normalmente e quotidianamente.
  • Se abbiamo sofferto di stitichezza prolungata, può essere molto utile eseguire un po ‘di idroterapia del colon in un centro sanitario specializzato.
  • Possiamo massaggiare quotidianamente la nostra pancia con olio essenziale di origano diluito in un po ‘di olio vegetale (oliva, girasole, mandorle, ecc.).
  • Saremo molto attenti all’igiene intima per evitare continui contagi.

Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.