Lavatrice ciclo delicato microfibre plastica

Ciclo di lavaggio delicato: i vestiti rilasciano centinaia di migliaia di microfibre in più

Nella lavatrice, milioni di microfibre di plastica vengono liberate da indumenti che contengono materiali come nylon, poliestere e acrilico. Queste fibre dette anche microplastiche sono così piccole che escono dalla lavatrice e spesso si fanno strada nell’ambiente marino, dove vengono ingerite dagli animali.

Due anni fa, gli scienziati dell’Università di Newcastle hanno dimostrato per la prima volta che le microfibre sono ora presenti nelle parti più profonde dell’oceano. In un nuovo studio, il team ha scoperto che la quantità di acqua utilizzata durante il ciclo di lavaggio è il principale fattore che influenza il rilascio di microfibre dagli indumenti. 

Gli scienziati hanno scoperto che sono state rilasciate più fibre in volumi più elevati di acqua, indipendentemente dalla velocità o dalla forza di rotazione della lavatrice. Inoltre, gli esperti hanno determinato che durante un lavaggio delicato sono state rilasciate 800.000 fibre in più rispetto a un ciclo standard.

L’autore dello studio spiega come accade

“Contro quello che si può dedurre, abbiamo scoperto che cicli” delicati “rilasciano nell’acqua più microfibre di plastica e quindi nell’ambiente, rispetto ai cicli standard“, ha spiegato l’autore principale dello studio e dottorando Max Kelly.

“Ricerche precedenti hanno suggerito che la velocità alla quale gira il tamburo, il numero di volte in cui cambia la direzione di rotazione durante un ciclo e la durata delle pause nel ciclo – tutte note come agitazione della macchina – è il fattore più importante nella quantità di microfibra rilasciata “.

“Ma abbiamo dimostrato qui che anche a livelli ridotti di agitazione, il rilascio di microplastica è ancora maggiore con rapporti volume-acqua-tessuto più elevati. Questo perché l’elevato volume di acqua utilizzato in un ciclo delicato che dovrebbe proteggere gli indumenti sensibili dai danni, in realtà “allontana” più fibre dal materiale “.

Il bucato è stato precedentemente riconosciuto come uno dei principali responsabili delle particelle di plastica, ma ottenere una misurazione precisa è stato difficile. 

Il team di Newcastle ha utilizzato un tergotometro, un dispositivo da banco composto da otto recipienti di lavaggio che simulano il lavaggio domestico su larga scala, che ha permesso agli esperti di testare in condizioni diverse. È stato quindi utilizzato un sistema di imaging digitale a colori per calcolare la quantità di microfibre rilasciate.

I risultati dello studio mostrano che le precedenti raccomandazioni per spostarsi verso elevati volumi di acqua e bassi livelli di agitazione stavano solo peggiorando il problema delle microplastiche.

La tecnologia può aiutarci?

“L’industria degli elettrodomestici ha iniziato a introdurre filtri per la microfibra in alcune nuove lavatrici e l’industria tessile sta cercando di ridurre i livelli di perdita di fibre dei nuovi capi di abbigliamento”, ha affermato il co-autore dello studio Neil Lant, che è ricercatore presso Procter & Gamble in Newcastle. “Speriamo che il problema alla fine sarà risolto da tali azioni, e il nostro lavoro sulle cause meccanicistiche aiuterà nello sviluppo di queste soluzioni.”

Kelly ha sottolineato che ridurre la quantità di inquinamento da plastica è una responsabilità di tutti e che spesso sono i piccoli cambiamenti a fare la differenza.

“Evitando lavaggi elevati del volume di acqua sul tessuto, come i cicli delicati e garantendo carichi di lavaggio completi, possiamo tutti fare la nostra parte per contribuire a ridurre la quantità di queste fibre sintetiche che vengono rilasciate nell’ambiente”, ha affermato Kelly.

“Speriamo che questi risultati possano essere utilizzati anche dai produttori per influenzare il design delle future lavatrici e ridurre la nostra impronta di plastica. Nel tempo questi cambiamenti potrebbero anche vedere una riduzione globale della quantità di energia e acqua necessaria per lavare i nostri vestiti. “

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Environmental Science and Technology .

Fonte: www.earth.com

Foto

ciclo delicato, microfibre di plastica, microplastica, microplastiche, particelle di plastica


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto