cina aria più pulita

L’aria più pulita durante il lockdown della Cina ha salvato migliaia di vite

In uno studio sorprendente della Yale School of Public Health , i ricercatori hanno scoperto che durante la pandemia in Cina, sono state evitate più morti premature a causa di aria più pulita di quelle perse a causa del coronavirus . 

Dopo che il virus ha iniziato a diffondersi, il governo cinese ha emesso restrizioni di viaggio in tutto il paese dal 10 al 14 marzo che limitavano le emissioni automobilistiche e miglioravano drasticamente la qualità dell’aria.

Il team di Yale ha scoperto che l’aria più pulita ha evitato 12.125 morti premature. A partire dal 4 maggio, ci furono 4.633 morti per coronavirus.

“Questo è un risultato molto sorprendente. La pandemia continua ad essere una cosa terribile per la Cina e il resto del mondo, ma la riduzione delle emissioni che l’ha accompagnata ha effettivamente conferito alcuni risultati positivi sulla salute “, ha affermato il primo autore dello studio, il professor Kai Chen. “La domanda è: come possiamo avere l’uno senza l’altro?

Secondo il professor Chen, ci sono probabilmente benefici per la salute simili dall’aria più pulita anche in altre regioni. Ha spiegato che, sebbene i risultati non possano essere applicati direttamente ad altri paesi a causa della diversa gravità e delle risposte a COVID-19, nonché dei vari livelli di inquinamento dell’aria e delle caratteristiche della popolazione, sono stati rilevati livelli di inquinamento dell’aria ridotti negli Stati Uniti e in Asia e in Europa a seguito di blocchi.

Morti per inquinamento e morti per Covid

Gli autori dello studio hanno stimato le diminuzioni del biossido di azoto (NO2) e del particolato (PM2.5) in tutta la Cina. Successivamente, hanno calcolato il numero di decessi evitati in base all’associazione a breve termine tra questi inquinanti e la mortalità giornaliera. 

L’analisi si basava sui dati di un precedente studio epidemiologico su 272 città cinesi e sui dati sulla mortalità dell’Annuario statistico sulla salute e la pianificazione familiare della Cina 2018.

Lo studio ha rivelato che tra le migliaia di morti evitate, circa i due terzi provenivano da malattie cardiovascolari evitate e broncopneumopatia cronica ostruttiva.

I ricercatori hanno affermato che i risultati illustrano i sostanziali benefici per la salute umana legati alla morbilità e alla mortalità delle malattie cardiovascolari che possono essere raggiunti quando vengono messe in atto misure di controllo dell’inquinamento atmosferico aggressive per ridurre le emissioni dei veicoli, ad esempio attraverso restrizioni al traffico legate alla mitigazione del clima o sforzi per accelerare il passaggio ai veicoli elettrici.

Questo inaspettato beneficio per la salute suggerisce che se dovessimo affrontare la crisi climatica in modo aggressivo mentre combattiamo la pandemia di COVID-19 con una forte volontà politica e un’azione urgente, potremmo prevenire gli enormi oneri sanitari associati ai cambiamenti climatici“, ha detto lo studio co -autore Professor Paul T. Anastas.

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Lancet Planetary Health .


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.