bile orso

Cina: la bile d’orso è stata promossa come trattamento per COVID-19

Meno di un mese dopo aver vietato definitivamente il commercio e il consumo di animali selvatici vivi per il cibo, il governo cinese ha raccomandato l’uso di Tan Re Qing, un’iniezione contenente bile d’orso, per trattare casi gravi e critici di Covid-19.

La National Health Commission of China ha pubblicato un elenco di trattamenti raccomandati contro Covid-19 in cui sono raccomandate iniezioni contenenti polvere di bile d’orso nonostante il fatto che non ci siano prove scientifiche per dimostrare la loro efficacia contro la malattia. Diverse associazioni ambientaliste hanno lanciato l’allarme.

È uno dei numerosi trattamenti consigliati per il coronavirus, sia tradizionale che occidentale, in un elenco pubblicato il 4 marzo dalla National Health Commission of China, l’ente governativo responsabile della politica sanitaria nazionale. Questa raccomandazione evidenzia ciò che gli ambientalisti affermano essere un approccio contraddittorio alla fauna selvatica: da un lato, interrompere il commercio di animali vivi per il cibo e, dall’altro, promuovere il commercio di parti di animali come trattamento medico.

Secreta dal fegato e immagazzinata nella cistifellea, la bile di diverse specie di orsi, compresi gli orsi neri asiatici e gli orsi bruni, è stata utilizzata nella medicina tradizionale cinese almeno dall’VIII secolo. Contiene alti livelli di acido ursodesossicolico, noto anche come ursodiolo, che è clinicamente testato per aiutare a sciogliere i calcoli biliari e trattare le malattie del fegato. In effetti, l’acido ursodesossicolico è disponibile come droga sintetica in tutto il mondo da decenni.

Tuttavia, l’Organizzazione mondiale della sanità afferma che non esiste una cura per il Covid-19, sebbene alcuni farmaci, come antidolorifici e sciroppi per la tosse, possano trattare i sintomi associati alla malattia.

I professionisti della medicina tradizionale cinese usano spesso Tan Re Qing per curare la bronchite e le infezioni delle vie respiratorie superiori. 

Clifford Steer, professore presso l’Università del Minnesota a Minneapolis, ha studiato i benefici medici dell’acido ursodesossicolico. Non conosce prove che la bile d’orso sia un trattamento efficace per il nuovo coronavirus. Ma, dice, l’acido ursodesossicolico si distingue dagli altri acidi biliari nella sua capacità di mantenere in vita le cellule e può alleviare i sintomi di Covid-19 grazie alle sue proprietà antinfiammatorie e alla sua capacità di calmare la risposta immunitaria.

La legge cinese sulla protezione della fauna selvatica, emanata nel 1989, considera gli animali selvatici una risorsa a beneficio dell’uomo. Nel 2016, è stato modificato per legittimare ulteriormente l’uso commerciale della fauna selvatica, affermando esplicitamente che gli animali possono essere utilizzati per la medicina tradizionale cinese, scrisse all’epoca Peter Li, specialista della politica cinese della Humane Society International.

È vero che in Cina è legale usare la bile d’orso da animali in cattività, ma la bile da orsi selvatici è proibita, così come l’importazione di bile d’orso da altri paesi. Secondo Aron White, un sostenitore della fauna selvatica per l’Environmental Investigation Agency (EIA), un’organizzazione no-profit con sede a Londra che denuncia i crimini contro la fauna selvatica, la sua organizzazione ha appreso delle raccomandazioni del governo cinese per affrontare Covid-19 tramite post sui social media di commercianti illegali. “Abbiamo visto come i trafficanti hanno utilizzato questa raccomandazione del governo per pubblicizzare i loro prodotti illegali come trattamento”, afferma White. La bile illegale degli orsi selvatici viene prodotta in Cina, dice, e viene importata anche da orsi selvatici e in cattività in Laos, Vietnam e Corea del Nord.

I sostenitori della fauna selvatica temono che l’uso raccomandato dalla Cina di iniezioni di Tan Re Qing, che contengono polvere di corno di capra ed estratti di varie piante, oltre alla polvere di bile, aumenterà il commercio di prodotti illegali della fauna selvatica e giustificare l’abuso di animali. “C’è una preferenza costante tra i consumatori per il prodotto selvatico, che è spesso considerato più potente”, spiega White. “Il mantenimento di questo mercato legale per i produttori di animali in cattività non riduce la pressione sulle popolazioni selvatiche, in realtà si limita a mantenere la domanda che spinge il bracconaggio”.

Negli allevamenti di bile d’orso in Cina e in tutto il sud-est asiatico, gli animali possono essere tenuti per decenni in piccole gabbie. La bile viene regolarmente rimossa inserendo un catetere, una siringa o un tubo nella cistifellea. Tutti i metodi di rimozione della bile sono invasivi e “causano gravi sofferenze, dolore e infezioni”, secondo Animals Asia, un’organizzazione senza scopo di lucro dedicata a porre fine alla coltivazione della bile d’orso. L’incuria e le malattie sono comuni in queste fattorie e i consumatori sono a rischio di ingerire la bile da orsi malati, che può essere contaminata da sangue, feci, pus, urina e batteri, secondo la stessa organizzazione.

Un altro medicinale tradizionale nell’elenco approvato dalla Commissione sanitaria nazionale che potrebbe essere utilizzato contro il Covid-19 è una pillola chiamata Angong Niuhuang Wan. Il rimedio, usato per curare la febbre e varie malattie, contiene tradizionalmente il corno di rinoceronte, che è severamente vietato nel commercio mondiale. Secondo la legge cinese, le pillole devono contenere corno di bufalo, spiega White, ma alcuni commercianti continuano a promuovere pillole che contengono corno di rinoceronte.

La promozione di iniezioni di Tan Re Qing e di altri trattamenti a base di fauna selvatica in un momento in cui Pechino sembra intenzionata a chiudere il commercio del paese di animali selvatici vivi “mostra davvero i messaggi contrastanti che il governo cinese offre in questo momento “, dice White.

Ma in Cina, l’uso della medicina tradizionale, la maggior parte della quale è a base vegetale, abbraccia migliaia di anni ed è stata la principale forma di assistenza medica fino all’inizio del 1900. Il governo spesso indica le cure tradizionali come un pilastro. della cultura cinese e nel 2018 l’Organizzazione mondiale della sanità ha incluso le diagnosi di medicina tradizionale nel suo compendio medico. Durante la pandemia di coronavirus, i funzionari hanno sottolineato il suo utilizzo e l’85% dei pazienti con Covid-19 riceve una qualche forma di trattamento a base di erbe, secondo il Ministero della Scienza e della Tecnologia.

Tutti gli allevamenti di fauna selvatica presentano rischi per la salute, indipendentemente dal fatto che gli animali vengano allevati per la carne o per la medicina tradizionale. Ad esempio, in entrambi i casi, centinaia di animali selvatici sono spesso ammassati e le persone spesso interagiscono con le carcasse. “Sia per il consumo come carne o come medicina, i rischi continuano a esistere nel modo in cui gli animali vengono macellati, raccolti e conservati, lavorati, consumati”, afferma White. Se la Cina sta chiudendo fattorie che producono carne da animali selvatici come pavoni, istrici e cinghiali perché rappresentano un rischio di malattia “perché non stanno guardando le fattorie, con allevamenti di orsi o allevamenti di tigri?” sostiene White.

bile orso, coronavirus, covid


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.