covid e visoni

Covid e visoni: focolaio in un allevamento. Grave e irresponsabile il silenzio del Ministro della Salute

Covid e visoni: nei mesi l’elenco dei casi legati al contagio di animali positivi al Covid è salito, questo in vari paesi, ma l’Italia sembrava stranamente immune a tutto ciò.

Ora grazie all’impegno della LAV si viene a scoprire che anche in Italia gli allevamenti di visione sono stati colpiti dal Coronavirus ma che i primi contagi risalgono addirittura ad agosto senza che la notizia fosse trapelata.

In altri paesi europei la positività al coronavirus ha costretto all’abbattimento di migliaia di animali. Il rischio era ed è che i contagi di questi animali passino agli allevatori (come è stato dimostrato in altri allevamenti, in uno dei rarissimi contagi interspecie verificati) e siano una fonte di pericolo per l’uomo.

La richiesta della LAV e il silenzio delle istituzioni

Successivamente ai primi abbattimenti, il numero dei casi aumentava, ma in Italia tutto taceva ancora. L’Italia non ne era immune e infatti i primi casi risalgono ad agosto ma le autorità sanitarie lo ammettono alla LAV solo in questi giorni. Dopo numerosi e insistenti appelli e istanze di accesso agli atti al Ministero della Salute, al Comitato Tecnico Scientifico, alle Regioni e all’IZS (della Lombardia ed Emilia Romagna).

“Grave e irresponsabile silenzio ed inerzia delle Autorità sanitarie per non avere dato notizia di visoni infetti da SARS-CoV-2 in allevamento e scoperti già ad agosto. Invece di avviare un rigoroso screening con test diagnostici in tutti gli allevamenti di visoni in Italia, anche dopo conclamati casi di positività, il Ministero della Salute (e le Regioni) hanno continuato a limitarsi all’osservazione clinica pur sapendo che i visoni, come le persone, possono essere asintomatici” dichiara Simone Pavesi, Responsabile LAV Area Moda Animal Free.

“Di fatto, questi allevamenti, oltre a causare gravi sofferenze agli animali, sono anche dei serbatoi del coronavirus. Non avere condotto accertamenti specifici su tutti gli allevamenti di visoni in Italia ha esposto, ed espone tuttora, la salute pubblica ad un oggettivo rischio. La LAV rinnova l’appello al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ed al Ministro della Salute Roberto Speranza affinchè vieti, con urgenza, questi allevamenti. Altri Stati europei lo hanno già fatto ed ora non corrono questo ulteriore rischio di diffusione del coronavirus”. Conclude Pavesi.

Ciò nonostante il Ministero della Salute (così come le Regioni) non ha ritenuto opportuno dare seguito alle richieste della LAV, avanzate dal mese di maggio, di attuare uno screening rigoroso che prevedesse almeno lo svolgimento di test diagnostici su tutti i visoni che per qualunque ragione – anche senza sintomi ascrivibili all’infezione da SARS-CoV-2 – muoiono in allevamento.

Questo è il protocollo avviato invece dall’Olanda, così come poi sta facendo anche la Danimarca, e che ha consentito di individuare allevamenti focolaio.

Il Ministero della Salute (così come il CTS) oltre a non avere ancora dato alcuna risposta alla LAV, ha proseguito nell’attuazione della blanda indagine epidemiologica (ai sensi della propria Circolare 11120 del 14/05/2020 “Raccomandazioni e
adempimenti per il commercio e l’allevamento di mustelidi”), basata sulla mera osservazione clinica degli animali e per la quale resta totale discrezione del veterinario pubblico (ASL/ATS) o del veterinario aziendale (se presente) decidere se o meno conferire all’IZS di competenza campioni per test diagnostici.

Covid e visoni: in Europa cosa succede?

Questo in un contesto internazionale assolutamente preoccupante con:

• crescente diffusione del coronavirus tra i visoni (ad oggi in Olanda sono stati intercettati 67 allevamenti-focolaio, in Danimarca 149 e anche in Spagna almeno 1 allevamento è risultato infetto così come anche in Svezia proprio questa settimana sono emersi” i primi visoni positivi)
• evidenze scientifiche sulla rapida evoluzione e mutazione del virus all’interno degli allevamenti intensivi dei visoni;
• documentati centinaia di casi di persone (oltre agli allevatori stessi ed
operatori del settore, anche nella comunità) che hanno contratto la malattia
Covid-19 proprio dai visoni (e che presentano lo stesso sequenziamento
genomico del virus isolato in questi animali).

In una risposta trasmessa alla LAV in data 19 agosto, Regione Lombardia dichiara “[..] verifiche hanno escluso la presenza di visoni con alterazioni delle funzionalità respiratorie o gastroenteriche o con altri segni clinici riconducibili ad infezione da SARS-CoV-2. Non sono inoltre emerse variazione della mortalità. Sono tuttora in corso ulteriori accertamenti epidemiologici e diagnostici.

Eppure, che i visoni possono essere portatori del virus SARS-CoV-2 ma asintomatici era una evidenza scientifica già ampiamente documentata nei focolai di allevamenti olandesi, tanto che il Ministero della Salute descrive questa particolarità proprio nella Circolare 16241 DGSAF “SARS-CoV-2 nei visoni in alcuni Paesi europei.

Regioni e Ministero della Salute decidono di non fare nulla

Intensificazione dell’attività di sorveglianza e prevenzione” pubblicata due giorni dopo dalla risposta della Regione Lombardia, il 21 luglio 2020, e con la quale dichiara “gli animali [i visoni] non presentavano alcuna sintomatologia ma sono risultati positivi alla PCR-RT sia su tamponi orofaringei che rettali.”

Coronavirus: gli animali domestici non possono contagiarci

Eppure né il Ministero né le Regioni avviano alcuno screening negli allevamenti italiani.
In Italia abbiamo circa 60.000 visoni negli 8 allevamenti attivi (3 in Lombardia nelle province di Brescia, Cremona; 2 in Veneto nelle province di Padova, Venezia; 2 in Emilia-Romagna nelle province di Forlì-Cesena, Ravenna; 1 in Abruzzo, in provincia de L’Aquila).

Attualmente sembra che in un solo allevamento di visoni in provincia di Cremona sono stati condotti alcuni test diagnostici per rilevare la presenza del virus SARS-CoV-2. Ma non è chiaro se questi test sono limitati ad animali che presentano sintomi, quindi escludendo la possibilità di intercettare tutti gli asintomatici, così come non è chiaro per quale ragione test diagnostici non vengono condotti in tutti gli allevamenti di visoni in Italia.

La LAV già attiva con una petizione https://www.lav.it/petizioni/emergenza-vison che invitiamo i cittadini a firmare, al fine di tutelare animali e salute pubblica, si rivolge al Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, affinché l’attività di allevamento di visoni per farne pellicce venga bandita con la massima urgenza, quindi già entro l’anno, evitando così di avviare nuovi cicli di “produzione” di quelli che ormai sono vere e proprie fabbriche di virus.

GUARDA IL VIDEO Contro l’allevamento dei Visoni

Approfondimenti nel PDF – Visoni e Coronavirus
• Attività LAV di accesso agli atti e richieste avanzate a REGIONE LOMBARDIA
• Covid e Visoni: contesto europeo ed evidenze scientifiche
• Covid e Visoni: dichiarazioni di esperti scientifici
• Petizione LAV: https://www.lav.it/petizioni/emergenza-visoni

coronavirus, covid e visoni


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.