Festival di Gadhimai

Festival di Gadhimai: il più grande sacrificio di animali al mondo, ignorando il divieto. Più di 200mila animali uccisi

Festival di Gadhimai: Ogni 5 anni in un angolo remoto del Nepal, migliaia di bufali vengono massacrati nel festival indù, nonostante gli sforzi per porre fine alla tradizione. I fedeli indù hanno iniziato a uccidere migliaia di animali in quello che è considerato il più grande sacrificio di animali del mondo

Il festival di Gadhimai è iniziato nelle prime ore di martedì, con il massacro cerimoniale di una capra, ratto, pollo, maiale e un piccione. 

Metà degli asini nel mondo vengono uccisi dalla grande richiesta della medicina cinese per la loro pelle

Circa 200 macellai con spade e coltelli affilati hanno poi camminato in un’arena murata più grande di un campo di calcio, avendo davanti a loro diverse migliaia di bufali, mentre pellegrini eccitati salgono sugli alberi per intravedere.

Pettirosso in via di estinzione: catturati e uccisi a migliaia per la “polenta e osei”

Migliaia di fedeli dal Nepal e dalla vicina India avevano trascorso giorni dormendo all’aperto e offrendo preghiere in vista dell’evento nel villaggio di Bariyarpur, vicino al confine indiano. I fedeli portano le loro offerte in animali da sacrificare alla dea indù del potere.

Circa 200.000 animali che vanno dalle capre ai ratti sono stati macellati durante l’ultimo festival di due giorni di Gadhimai che di è tenuto nel 2014 , celebrato in onore della dea.

Ogni 25 minuti muore un elefante. Entro 20 anni si estingueranno

Molti speravano che la tradizione secolare sarebbe finita dopo che le autorità del tempio avevano annunciato un divieto nel 2015 e la corte suprema del Nepal ha ordinato al governo di scoraggiare lo spargimento di sangue un anno dopo.

Gli attivisti per i diritti degli animali affermano che le agenzie governative e i comitati del tempio non sono riusciti ad attuare queste sentenze.

Il Giappone riapre ufficialmente la caccia alle balene

Negli ultimi giorni le autorità di frontiera e i volontari indiani hanno sequestrato decine di animali trasportati attraverso la frontiera da commercianti e pellegrini senza licenza, ma ciò non è riuscito a fermare il flusso.

Secondo la leggenda, i primi sacrifici a Bariyarpur furono condotti diversi secoli fa quando la dea Gadhimai apparve a un prigioniero in sogno e gli chiese di istituire un tempio per lei.

Festival di Gadhimai


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.