test creme solari

Test creme solari: chiesto il ritiro dal mercato di due prodotti per bambini con protezione 50 che in realtà hanno fattore 20. E nel frattempo le Hawaii le mettono al bando per salvare le barriere coralline

Test creme solari: l’associazione Altroconsumo ha sottoposto ad un test 16 prodotti solari per bambini con protezione 50, per verificare la veridicità della cosa. Dai test è emerso che di tutte due arrivavano malapena a 21.

Applicare sulla pelle dei bambini fattori di protezioni alti è importantissimo in quanto  “Tra i fattori di rischio per lo sviluppo dei tumori cutanei in età adulta c’è proprio l’intensa esposizione al sole in età infantile, con scottature ed eritemi”, è il monito di Altroconsumo.  Per questo motivo è importante applicare sulla pelle dei bambini una crema ad alta (Spf 50) o altissima protezione (Spf 50+) quando giocano sotto il sole e limitare l’esposizione diretta dalle 11 alle 16, nelle ore in cui i raggi Uv sono più forti”.

Risultati dei test creme solari fatto da Altroconsumo

I risultati dei test creme solari effettuati danno comunque risultati rassicuranti, i dubbi emergono esclusivamente su questi prodotti, segnalati al Ministero della Salute e dove è stato richiesto il ritiro dal mercato, Rilastil Baby transparent spray wet skin e di Isdin Transparent spray wet skin.

Rilastil Baby transparent spray wet skin, nelle prove di laboratorio la crema con Spf 50+ ha raggiunto solo una protezione media con Spf 20,9, sono state ripetute le analisi per scrupolo in un secondo laboratorio e il risultato è stato ancora più basso 16,3.

Isdin Transparent spray wet skin invece nel primo laboratorio il test ha dato risultato di 16,5 Spf mentre il secondo laboratorio 14,1.

Le aziende coinvolte nel frattempo si erano affrettate ad intervenire dichiarando:

Rilastil affermava che i propri test confermavano il livello di protezione 50+ scritto in etichetta.

Isdin aveva ribattuto sostenendo che il campione analizzato due mesi fa era stato in Spagna e non in vendita in Italia.

Aspetteremo di sentire eventuali nuove informazioni in caso dal Ministero della Salute.

Sostanze pericolose nelle creme solari

Sappiamo anche che molte creme contengono sostanze pericolose per la salute e alcune aziende si sono ridimensionate eliminando gli ingredienti imputati.

Oltre a questo contengono sostanze chimiche che sono devastanti per coralli sensibili e altre forme di vita marina.

Lo stato delle Hawaii ha appena approvato un disegno di legge che vieterebbe le creme solari contenenti sostanze chimiche note per danneggiare le barriere coralline. Una volta firmato dal governatore David Ige, il conto SB2571 sarà la prima legge del genere in tutto il mondo, con effetto dal 1° gennaio 2021.

I prodotti chimici di interesse sono l’ossibenzone e l’ottossato, ingredienti comuni in oltre 3.500 creme solari, compresi quelli prodotti da Coppertone, Banana Boat e Hawaiian Tropic, di gran voga nelle americhe e anche alle Hawaii.

Come agiscono le sostanze chimiche

Queste sostanze chimiche filtrano e assorbono la luce UV, bloccando la radiazione solare e prolungando la quantità di tempo che una persona può trascorrere al sole; ma poi questi si bagnano anche nell’acqua circostante, causando gravi danni a coralli e pesci. I ricercatori stimano che circa 14.000 tonnellate di creme solari finiscono ogni anno nelle barriere coralline del mondo.

L’oxibenzone e l’octinoxato compromettono i nutrienti dal corallo, lo sbiancano e riducono la sua resilienza di fronte ai cambiamenti climatici. NPR scrive che “anche una piccola goccia è sufficiente a danneggiare i coralli delicati”.

 

I danni e l’alta concentrazione di inquinanti

Le sostanze chimiche sono noti perturbatori endocrini, causando femminilizzazione del pesce maschio, malattie riproduttive e deformazione embrionale. Haereticus Environmental Laboratory afferma che l’oxibenzone è dannoso per tutti i mammiferi:

“Nei mammiferi, in particolare nell’uomo, è stato dimostrato che l’oxibenzone induce una dermatite foto-allergica da contatto nel 16-25% della popolazione.L’oxibenzone causa tossicità per lo sviluppo degli spermatozoi e vitalità degli spermatozoi, ridotto peso prostatico nei maschi maturi e ridotto peso uterino in età giovanile le femmine “.

In altre parole, l’uso di queste sostanze chimiche ha un costo molto più alto di una brutta scottatura solareI campioni di acqua prelevati a Hanauma Bay dall’ecotossicologo Craig Downs nel novembre 2017 hanno rilevato una concentrazione media di ossibenzone di 4.661 nanogrammi / litro di acqua di mare, con la più alta misurazione intorno ai 29.000 nanogrammi / litro.

“Qualunque cosa al di sopra di 50 nanogrammi per litro di acqua di mare di ossibenzone può indurre tossicità in una varietà di organismi marini che colpisce coralli, alghe, ricci di mare, mangiatori di alghe, tutti quanti, ecco perché c’è meno pesce”.

Un misura tardiva ma necessaria: le Hawaii bandiscono le creme solari per salvare la barriera corallina

Mettendo al bando tutti i filtri solari che contengono questi prodotti chimici, le Hawaii sperano di evitare la devastazione delle sue barriere coralline, o almeno rallentare il processo e dare al corallo la possibilità di recuperare. Agire inoltre assicura che le famose spiagge e le aree per lo snorkeling restino attraenti per i turisti e la gente del posto.

Prendere tali misure è estremamente necessario, anche se non sono state formulate in legge prima di adesso. Alcuni siti del patrimonio mondiale dell’UNESCO vietano l’uso di tutti i prodotti per la protezione solare, mentre altri luoghi sensibili vietano l’accesso ai turisti del tutto, come il National Marine Sanctuary della Florida Keys con le sue “aree ad uso speciale” e le agenzie di risorse naturali in alcune parti dell’Asia. In Messico, gli “eco-parchi” vietano l’uso di filtri solari contenenti oxibenzone.

Se ti stai chiedendo che cosa è sicuro da usare, controlla la Guida EWG di Sunscreens e ricorda che i filtri solari devono sempre essere l’ultima linea di difesa.

Leggi anche: le creme solari servono davvero?

barriere coralline, crema solare danni, creme solari, Hawaii, sostanze chimiche, test creme solari


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter