Home Ambiente Scelte di vita sostenibile

Scelte di vita sostenibile

4249
0
CONDIVIDI
scelte di vita sostenibile

Uno stile di vita più sano e sostenibile è alla portata di ognuno di noi.

Le scelte di vita sostenibile si riferiscono a comportamenti e situazioni che possono da un lato ridurre gli impatti ambientali e sociali, condizionando, come consumatori, il miglioramento dei processi produttivi “a monte” (incidendo sull’innovazione dell’ intera filiera di fornitori), lungo tutte le fasi di vita dei prodotti (materie prime, trasformazione, produzione, distribuzione, consumo, rifiuti).

Dall’altro, con comportamenti e azioni quotidiane di scelte “consapevoli”, ma anche responsabili, pratiche e innovative. Con l’idea che anche la minima inversione di tendenza, anche il lavoro che il piccolo può fare cercando di lasciare sempre meno “tracce di se” su questo mondo, per rinnovare il rapporto dell’uomo con la natura, può essere fondamentale per il futuro.

Il primo esempio che vogliamo seguire è Simone Perotti.

Simone Perotti è uno scrittore di libri di successo che si definisce cittadino del mediterraneo, un uomo che ha deciso di cambiare, di prendere in mano la sua vita e ci è riuscito. E’ uno di quelli che può dire di avercela fatta, di essersi allontanato da questo sistema che giorno dopo giorno ci soffoca e ci priva del nostro tempo, e di una prospettiva di vita più a “misura d’uomo”, verso scelte di vita sostenibili per se e per ciò che lo circonda.

Inizia la sua carriera come consulente e manager in agenzie e aziende italiane e multinazionali, coltivando le sue vere passioni, scrittura e navigazione in mare, come skipper e poi istruttore di vela. Finchè ad un certo punto arriva a dire…basta!!

Dopo quasi vent’anni di carriera nel settore delle comunicazioni, lascia tutto e decide di dedicarsi a tempo pieno alla navigazione e alla scrittura. Racconta nel romanzo “Adesso Basta – Lasciare il lavoro e cambiare vita“, la sua esperienza, il cambiamento consapevole e volontario di ridimensionare la sua vita. Viene descritto in particolar modo il downshift, come un fenomeno legato al modo di vivere la vita sostenibile, con più calma, con una maggiore consapevolezza; un modo di riprendere in mano i propri tempi e i propri spazi,  cambiando rotta rispetto ad una società che ci vuole tutti omologati e frenetici.

Rompere le catene – Scelte di vita sostenibile tra viaggi e benessere

Ricordiamo delle “Scelte di vita” di AvoiComunicare e abbiamo le testimonianze di Marco Nacci e di Enrico De Luca. Scelte di vita che cambiano la nostra passata realtà per proiettarci in una situazione che amiamo che apprezziamo e che sentiamo integrante con il pianeta. Marco Nacci sceglie di essere vegano, lui è un personal tranier e un preparatore atletico, è vegano da 6 anni e ciò dimostra come questo non incide con la sua attività come alcuni possono presumere, sentiamo direttamente la sua testimonianza.

Altra scelta interessante e responsabilmente compatibile con l’ambiente è stata fatta da Enrico De Luca, il quale ha fatto della sua passione per i viaggi un lavoro, collabora con una Onlus che si occupa di viaggi responsabili nel mondo. Una realtà che gli permette di conoscere nuove culture, relazionarsi con persone e realtà che hanno livelli di vita e sostenibilità molto diversi. Sentiamo direttamente da Enrico De Luca la sua esperienza personale.

E’ stato creato nel 2015 anche un Osservatorio sulle scelte di vita sostenibile, che nel 2017 mostra una tendenza al rialzo per gli interessi delle nuove generazioni soprattutto verso il risparmio energetico. Quando si parla di sostenibilità, in cima alla lista dei temi più urgenti ci sono gli investimenti nelle fonti di energia pulita e rinnovabile, segnalato dal 90 per cento degli italiani.

Cambiare vita per ricreare un armonia fra il nostro essere e il pianeta, per avere un benessere fisico e mentale è possibile. La soluzione è dentro di noi, si tratta di conquistarla facendo ordine, buttando via ciò che è inutile e arrivando al nocciolo di chi siamo.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here