amazon

La plastica generata da Amazon nel 2019 farebbe il giro della Terra 500 volte

Amazon: Oceana, l’organizzazione internazionale dedicata alla conservazione e alla difesa degli oceani, ha pubblicato uno studio che rivela che lo scorso anno Amazon ha generato 211 milioni di chili di rifiuti di imballaggi in plastica che includono cuscini d’aria, pluriball e altri articoli da imballaggio di plastica utilizzata nei quasi 7 miliardi di spedizioni effettuate nel 2019. Il lavoro stima che tutti i rifiuti di plastica di Amazon, se li mettiamo come cuscini d’aria collegati, farebbero il giro della Terra più di 500 volte.

La ricerca stima anche che fino a 10,17 milioni di chili di rifiuti di plastica sarebbero finiti negli ecosistemi marini e d’acqua dolce del mondo lo scorso anno. Questa cifra è stata ottenuta combinando i dati sugli imballaggi dell’e-commerce con i risultati di un recente studio pubblicato sulla rivista Science, ed è equivalente a scaricare in mare il carico utile di plastica di un furgone convenzionale ogni 70 minuti. “La quantità di rifiuti di plastica generata dall’azienda è sbalorditiva e cresce a un ritmo spaventoso”, ha affermato il vicepresidente di Oceana Matt Littlejohn.

“Il nostro studio ha rivelato che gli imballaggi in plastica e i rifiuti generati dai pacchi Amazon non finiscono principalmente nell’impianto di riciclaggio, ma nelle discariche, nell’inceneritore o nell’ambiente, tra cui, purtroppo, il nostro corsi d’acqua e il mare, dove la plastica può danneggiare la vita marina. È tempo che Amazon ascolti i propri clienti che, secondo recenti sondaggi, desiderano alternative prive di plastica e si impegnino davvero a ridurre la loro impronta plastica.

La plastica è una delle principali fonti di inquinamento e sta devastando gli oceani del mondo. Studi recenti stimano che il 90% di tutti gli uccelli marini e più della metà delle tartarughe marine abbiano ingerito plastica. Le tartarughe marine e altri animali oceanici scambiano la plastica dell’Amazzonia per cibo, il che alla fine può rivelarsi mortale.

L’88% degli animali che hanno ingerito o sono rimasti impigliati nella plastica , secondo un recente studio Oceana, erano specie elencate come “in via di estinzione o minacciate di estinzione” ai sensi dell’Endangered Species Act degli Stati Uniti Vari rapporti scientifici Hanno calcolato che solo il 9% di tutta la plastica prodotta fino ad oggi nel mondo è stata riciclata e il 91% è finito in discarica, incenerimento o nell’ambiente, inclusi gli oceani.

“Il rapido peggioramento della crisi dell’inquinamento da plastica deve essere risolto dai principali inquinatori come Amazon, adottando misure per ridurre la plastica, piuttosto che usare frasi vuote sul riciclaggio”, ha aggiunto Natividad Sánchez, direttore della campagna. delle plastiche di Oceana in Europa.

Il rapporto rivela che il tipo di plastica che Amazon usa spesso negli imballaggi, chiamato film plastico, non viene effettivamente riciclato, nonostante le affermazioni dell’azienda contrarie. La maggior parte dei programmi municipali di raccolta dei rifiuti per il riciclaggio nel Regno Unito, in Canada e negli Stati Uniti non accetta questo tipo di plastica. Ad esempio, solo il 4% del film plastico di polietilene residenziale negli Stati Uniti è stato riciclato nel 2014.

Come Amazon è diventata un gigante pandemico e perché potrebbe essere una minaccia per tutti noi

In una dichiarazione, Amazon afferma di condividere l’ambizione di Oceana di proteggere e ripristinare la vita negli oceani e ridurre l’uso della plastica. Tuttavia, sostengono che questa organizzazione ha calcolato erroneamente l’uso della plastica da parte dell’azienda e garantisce che sia stata fatta una stima superiore del 350% rispetto alla realtà. “Usiamo circa un quarto degli imballaggi in plastica stimati dal rapporto Oceana”, dicono da Amazon.

Amazon e quelle promesse (vane) su sostenibilità e diritti dei lavoratori

“Dal 2015 abbiamo ridotto il peso dei nostri imballaggi di oltre un terzo e abbiamo eliminato quasi un milione di tonnellate di materiale da imballaggio. In qualità di membro fondatore di The Climate Pledge, noi di Amazon ci impegniamo a proteggere il pianeta e accogliamo favorevolmente un dialogo costruttivo e informato su questi temi con le ONG e qualsiasi altra parte interessata “, affermano.

Fonte https://noticiasambientales.com/

Amazon, plastica


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto