buco ozono

Inedito: il buco nello strato di ozono nell’Artico chiuso

L’enorme buco era stato prodotto da temperature insolitamente gelide al Polo Nord. Nelle scorse settimane è stato chiuso grazie ad un’ondata di caldo che ha invaso la zona.

L’Artico era una delle aree del mondo con il più grande buco nello strato di ozono stratosferico ma nelle ultime settimane, a causa di un’ondata di caldo, è stato chiuso, secondo l’Atmosphere Monitoring Service sul proprio account Twitter

Il buco dell’ozono si sta chiudendo: notizie positive dalla NASA

In questo modo, lo strato di ozono si sta riprendendo completamente . Sebbene molti credessero che fosse una conseguenza positiva della pandemia di coronavirus che ha ridotto l’inquinamento globale, la buona notizia è legata all’ondata di caldo anormale che ha invaso il Polo Nord .

” Il vortice polare è stato diviso, consentendo l’irruzione di aria ricca di ozono nell’Artico, un ciclone persistente su larga scala nell’area situata nella troposfera media e superiore e nella stratosfera ” , hanno spiegato da Copernico e hanno aggiunto che sebbene il vortice polare non è ancora giunto al termine e si riformerà nei prossimi giorni, i valori dell’ozono non torneranno ai livelli molto bassi visti all’inizio di aprile. 

Il buco di oltre un milione di chilometri quadrati nello strato che protegge la Terra dalle radiazioni ultraviolette è stato scoperto alla fine di marzo. Ad aprile, l’Agenzia spaziale europea (ESA) ha confermato la sua esistenza utilizzando i dati del satellite Sentinel-5P di Copernicus.

Gli scienziati attribuiscono la sua formazione a condizioni atmosferiche insolite e insolitamente gelide nella stratosfera che hanno causato l’apertura di questo buco nello strato di ozono stratosferico sull’Artico questa primavera.

Dovrebbe essere chiarito che queste alte temperature polari non dureranno a lungo . Tuttavia, quando la condizione gelida si ristabilisce, si prevede che l’apertura dell’ozono rimanga chiusa; anche se con poco spessore e densità.

Tuttavia, è ancora una notizia incoraggiante . È importante che ci sia continuità nella copertura dell’atmosfera. Non dimenticare che è l’unico modo per mantenere la protezione dai raggi ultravioletti.

In questo modo, sembra che la natura abbia dimostrato le proprie risorse per equilibrare il pianeta . Tuttavia, questo ha un dettaglio: il calore fa sciogliere la calotta polare. Tuttavia, l’ondata di caldo dovrebbe finire presto.

Anche l’anidride carbonica altera l’equilibrio atmosferico . Finché questo gas continuerà ad essere rilasciato senza scrupoli, il nostro strato di ozono avrà ancora una volta pericolose aperture. È qualcosa che dobbiamo evitare!

Artico, buco ozono, Cambiamenti climatici, polo nord


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.