Home Alimentazione Biologica Ritirata Coppa contaminata da Listeria. 13 ammalati, tra cui 2 morti

Ritirata Coppa contaminata da Listeria. 13 ammalati, tra cui 2 morti

325
0
CONDIVIDI

Ritirati in via precauzionale alcuni lotti di Coppa di testa per presunta contaminazione microbiologica da Listeria. Tredici i casi di persone ammalate, tra cui due morti anziani e affetti da patologie croniche.

Due anziani di 77 e 78 anni, già debilitati e affetti da patologie croniche, sono morti nel mese di agosto nelle province di Ancona e Macerata dopo aver contratto un’infezione da Listeria.

La listeria è un batterio molto diffuso nell’ambiente, tollerato entro limiti fissati dalle norme europee anche negli alimenti, ma che può rappresentare un rischio per persone immunodepresse.

L’Agenzia regionale sanitaria, i Dipartimenti di prevenzione dell’Asur e gli Istituti zooprofilattici sperimentali di Umbria-Marche e Abruzzo-Molise stanno ricercando le cause dei 13 casi di Listeriosi umana che si sono registrati nel 2015 nelle province di Pesaro Urbino, Ancona e Macerata, a partire dal maggio scorso.

Gli accertamenti, condotti in collaborazione con l’Istituto superiore di Sanità e il ministero della Salute, hanno consentito di identificare ”uno specifico ceppo di Listeria, isolato in 13 pazienti di un’età media di 72 anni. Dodici di questi pazienti erano affetti da patologie o condizioni debilitanti, o erano in terapia con farmaci che riducono la risposta immunitaria”. Due uomini da tempo malati sono appunto deceduti l’estate scorsa.

Le indagini epidemiologiche e microbiologiche sin qui effettuate hanno indicato, per uno dei 13 casi umani, come verosimile fonte dell’infezione, un alimento a base di carne, denominato “coppa di testa”, la cui produzione e distribuzione è stata subito bloccata in via precauzionalefa sapere la Regione.




A scopo precauzionale, il Ministero della Salute ha diffuso un avviso ai consumatori di non consumare tutte le tipologie di prodotti della ditta Salumificio Monsano srl di Monsano (AN) (CE IT 1523 L) , via Toscana n. 27 eventualmente in loro possesso.

Nessun allarmismo comunque. Come sottolinea Giuliano Tagliavento, dirigente della Promozione e Prevenzione salute dell’Agenzia sanitaria,”la maggior parte dei soggetti adulti in buona salute dopo il consumo di alimenti contaminati da Listeria, non presenta alcun sintomo, o manifesta sintomi simili a quelli influenzali o gastroenteriti. Il rischio di sviluppare una malattia grave (sepsi e meningiti) è elevato solo nelle persone affette da altre patologie, che determinano la diminuzione delle difese immunitarie. Nelle donne in gravidanza l’infezione può causare aborti o sepsi neonatali”.

Il salumificio ha comunque indicato i lotti che possono presentare una contaminazione microbiologica da Listeria monocytogenes. E sono:

Lotto n.60111 scadenza 11/02/2016

Lotto n.60112 scadenza 12/02/2016

Lotto n.60118 scadenza 18/02/2016

Lotto n.60126 scadenza 26/02/2016

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here