Home Alimentazione e Salute Fico: caratteristiche e proprietà di un frutto miracoloso

Fico: caratteristiche e proprietà di un frutto miracoloso

2551
0
CONDIVIDI
Il fico e le sue innumerevoli proprietà

Il fico è un preziosissimo alleato naturale per tantissime necessità del nostro organismo. Conosciuto sin dall’antichità, può essere consumato fresco, secco e come marmellata.

Inizia settembre, è il tempo del fico! Questo frutto dolcissimo e disponibile in tante varietà, non è solo una leccornia per buongustai. Si tratta di un frutto dotato di numerose proprietà utili per l’organismo. In genere è conosciuto per le sue doti organolettiche, ma in realtà le sue caratteristiche sono davvero tante. Vediamone alcune.

Caratteristiche

A seconda delle varietà, il fico matura tra la fine di luglio e l’inizio di novembre e può essere consumato sia fresco che secco. Per non parlare della gustosa confettura!

100 grammi di prodotto fresco contengono l’82% di acqua, il 10% da zuccheri e il 2% di fibre. Il fico è ricco delle vitamine A, B1, B2, B3 e C, oltre che di calcio, potassio, magnesio, ferro e fosforo.

Come abbiamo accennato, possono essere mangiati freschi o anche secchi. Il frutto può essere asciugato al sole, mediante sbollentatura in acqua leggermente salata o in forni speciali. Esistono poi diverse ricette per preparare la deliziosa marmellata di fichi.

Frutto organolettico

L’utilizzo del fico come lassativo naturale è una consuetudine antica. Sono note infatti le sue proprietà organolettiche, di nutrimento e tonificazione dell’intestino, grazie al suo elevato contenuto di fibre. È talmente efficace che è consigliabile non mangiarne troppi insieme, per evitare spiacevoli complicazioni!

Ricco di prebiotici, aiuta la nostra flora intestinale e il nostro processo digestivo nel suo complesso.

Ci aiuta a dimagrire

Così come tutti gli alimenti ricchi di fibre, il fico ci dà senso di sazietà, aiutandoci a dimagrire. Quando abbiamo fame e il pranzo è ancora lontano, possiamo mangiare uno o due come spuntino: ci aiuterà a far passare quella smania di cibo che spesso ci rovina la dieta a metà mattinata!

Bilancia il sodio

Come ben sappiamo, nelle nostre diete consumiamo fin troppo sale. E questo porta a una serie di problemi al nostro organismo. Troppo sodio, infatti, può provocare un deficit in potassio: uno sbilanciamento che conduce a problemi seri come l’ipertensione. Il fico ci aiuta anche in questo: contenendo molto potassio, ci aiuta a ritrovare il giusto equilibrio tra questi due minerali importanti, riducendo la pressione arteriosa.

Calcio

Come abbiamo visto qualche tempo fa, il fico è anche ricco di calcio. Ci aiuterà quindi a rinforzare ossa e denti, senza dover ricorrere per forza ai latticini, e diminuirà il pericolo di osteoporosi.




Sostituto dei grassi

C’è chi suggerisce di utilizzare i fichi secchi anche come sostituti dei prodotti grassi nella preparazione di dolci e prodotti da forno. Via libera quindi al frutto al posto di margarina, olio e burro. Con il fico è possibile preparare una purea, ma attenzione: quando la si usa nei dolci, bisogna dimezzare le quantità necessarie. Se, per esempio, in una ricetta è necessario mettere 100 grammi di margarina, è bene sostituirla con 50 g di purea di frutto.

Antinfiammatorio e antiossidante

A quanto pare, il fico è utile anche contro le infiammazioni urinarie e polmonari, come febbrifugo e per contrastare le gastriti. I polifenoli di cui è ricco, inoltre, hanno delle proprietà antiossidanti, che ci aiutano a mantenere il sistema cardiaco in buona salute. Il fico avrebbe anche capacità antitumorali.

Fonte di energia

Come abbiamo visto, il 10% del contenuto dei fichi sono gli zuccheri. Ecco perché è considerato un grande apportatore di energia al nostro organismo, rendendolo lo spuntino perfetto. Il suo apporto calorico, inoltre, può essere molto elevato, soprattutto se mangiato secco: 250 calorie ogni 100 g. 50 cal per 100 g, quando è fresco.

Afrodisiaco

A quanto pare, gli antichi greci consideravano il fico come un frutto sacro e un afrodisiaco naturale. Simbolizzava, infatti, la fertilità e l’amore. Un utilizzo simile è stato riscontrato anche nell’India antica. E a quanto pare c’è un fondo di verità. Dal momento che è ricco di zinco, manganese, magnesio e ferro, il fico può davvero contribuire al benessere dell’apparato riproduttivo.

Altri usi

Oltre alle proprietà derivanti dall’assunzione dei fichi come alimenti, ci sono altri usi di questo frutto straordinario. Le sue doti antinfiammatorie possono essere sfruttate anche sotto forma di impacco, da applicare su ascessi e foruncoli. Il liquido bianco presente sul fico ancora acerbo può essere utilizzato per ridurre calli e verruche.

Si può assumere anche sotto forma di infuso. Fate bollire 3 fichi (freschi o secchi) in mezzo litro d’acqua, insieme a una foglia di alloro, 3 chiodi di garofano e la scorza di un limone. Da bere tiepida, questa bevanda vi aiuterà a contrastare infiammazioni digestive, respiratorie e cutanee. Per addolcire il gusto, si può aggiungere del miele dopo il filtraggio.

L’estratto di fico sarebbe infine un rimedio molto efficace contro mal di pancia e coliti. 30 gocce di gemmoderivato di Ficus in mezzo bicchiere d’acqua, a digiuno, ogni mattina, dovrebbe aiutarvi a prevenire questi problemi.

Foto: DavidGeen on Flickr

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here