cartoni della pizza

Cartoni della pizza pericolosi: rilevata presenza di Bisfenolo A, ritiro dei NAS

Il problema legato alle sostanza contenute nei cartoni della pizza , rimane un tema scottante. Recentemente i Carabinieri del Nas di Bari hanno sequestrato ben 25.000 contenitori in cartone per pizza da asporto, questi erano privi delle indicazioni per la rintracciabilità.

Analisi sui cartoni della pizza

Recentemente “Il Salvagente” ha effettuato delle analisi indipendenti che hanno dimostrato la presenza di Bisfenolo A (BpA) in 2 cartoni su 3. I dati che emergono solo allarmanti in quanto il Bisfenolo A è noto da anni per essere un interferente endocrino che è stato bandito nel 2011 nei biberon di tutta Europa.

Dopo la pubblicazione delle analisi del Salvagente, il Codacons ha fatto un esposto a 104 Procure della Repubblica e ai Nas di tutta Italia, in modo tale che venissero effettuati degli accertamenti per verificare i rischi sanitari per i consumatori.

Presenza di Bisfenolo A

Come interferente endocrino, il Bisfenolo A, un composto di sintesi utilizzato nella produzione della plastica, è in grado di alterare lo sviluppo del sistema ormonale, mettendo a repentaglio la fertilità.

Nonostante sia stato dimostrato da anni la sua pericolosità, ecco che a sorpresa si ritrova nei cartoni della pizza. 2 su 3 presentano concentrazioni elevate, superiori a quelle consentite nei contenitori di plastica e in più che sono stati prodotti con carta riciclata, vietata dalla legge per i contenitori per la pizza.

Bisfenolo A: interferente endocrino

Il Bisfenolo A continua ad essere presente spesso in oggetti di uso quotidiano benchè sia stato ampliamente dimostrato il suo ruolo come interferente endocrino. Anche se per legge è ammesso un quantitativo minimo teniamo sempre presente l’effetto cocktail delle sostanze, dove è stato scoperto che il nostro organismo contiene un mix fino a 300 sostanze esterne dannose che possono avere enormi effetti collaterali.

I 3 contenitori che sono stati presi in esame sono:

  • Liner Italia
  • Garcia de Pou (spagnola)
  • Izmir (tedesca)

Delle 3 aziende prese in esame è emerso che nei contenitori della Liner non è stata rilevata presenza di BpA migrato nell’alimento, nelle altre due invece è stato rilevato rispettivamente 179ppb nei cartoni di Garzia de Pou e 311ppb nei cartoni della Izmir, ovviamente di prodotto rilasciato nell’alimento.

La regolamentazione sul BpA è riferita a contenitori in plastica, questi quantitativi sarebbero illegali pertanto ma il problema è che nei contenitori in cartone non c’è regolamentazione. Sarà necessario fare un aggiornamento delle norme.

Sul problema della carta riciclata la legge (decreto ministeriale 21/3/1973) parla chiaro: le confezioni di cartone per la pizza da asporto devono contenere solo cellulosa “vergine”, ma non è così per l’Unione nazionale consumatori, secondo la quale la parte esterna delle scatole spesso è prodotta con cellulosa ricavata da carta riciclata che, provenendo dal macero, possono rilasciare sostanze tossiche, in particolare il Dipb (diisobutiliftalato), un solvente utilizzato nel riciclaggio della carta per togliere inchiostri e coloranti.

Ne avevamo già parlato in precedenti articoli dei rischi connessi a determinati cartoni della pizza che vengono prodotti con materiale riciclato e non con cellulosa vergine.

bisfenolo a, cartoni della pizza, RITIRO CARTONI PIZZA


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto