new delhi batterio xanax

Xanax trovato nel sangue per trasfusioni negli USA: 70% del campione di indagine

Gli scienziati che hanno testato un campione di sangue pronto per le trasfusioni hanno scoperto che il 70% conteneva tracce di Xanax.

Scrivendo nel Journal of Pharmaceutical and Biomedical alla fine del 2019, i ricercatori sono rimasti sorpresi dal livello di psicofarmaci rilevati in lotti di sangue apparentemente puliti, in particolare dalle concentrazioni rilevanti dei farmaci anti-ansia.

I test hanno anche rivelato che tutti i 18 lotti di sangue esaminati contenevano caffeina, suggerendo che l’amore dei donatori per il caffè, il tè e altre bevande contenenti caffeina.

Scopo dell’indagine sul sangue

Lo scopo dell’esercizio era scoprire la purezza dei campioni di sangue prima che fossero usati e testare un metodo per esaminare l’effetto dei prodotti fitoterapici sulla metabolizzazione dei farmaci. I vegetali sono piante o estratti di piante presi per motivi medici o terapeutici, come:

echinacea

olio di CBD

gingko

“Dal punto di vista della” contaminazione “, la caffeina non è una grande preoccupazione per i pazienti, sebbene possa essere un segno della tendenza della società attuale“, ha detto in una nota il coautore Luying Chen, uno studente di dottorato presso la Oregon State University (OSU) .

“Ma gli altri farmaci e psicofarmaci come lo Xanax, presenti nei campioni potrebbero essere un problema per i pazienti, oltre a rappresentare un problema per quelli di noi che fanno questo tipo di ricerca perché è difficile ottenere campioni di sangue pulito“.

I risultati dello studio e la % di Xanax nel sangue

Alla fine, i ricercatori hanno dovuto rifiutare tutti i lotti di sangue testati ad eccezione dei campioni di due donatori che avevano concordato prima della donazione di non bere o mangiare qualcosa contenente caffeina.

Otto dei campioni (44 percento) contenevano un medicinale per la tosse da banco chiamato destrometorfano. Tredici (72 percento) contenevano il farmaco anti-ansia alprazolam, che viene venduto con il marchio Xanax.

I ricercatori hanno anche testato il sangue per un farmaco usato per trattare il diabete di tipo 2 (tolbutamide), ma non hanno trovato tracce del medicinale nei lotti testati.

Sacche di sangue
Gli scienziati hanno trovato rilevanti concentrazioni di Xanax in sette su dieci lotti di sangue testati.

Mentre questo risultato ci fornisce una visione preoccupante sul notevole consumo di Xanax, lo scopo della ricerca intrapresa da Chen e Richard van Breemen, un professore di chimica farmaceutica, era scoprire come gli integratori dietetici vegetali influenzano il modo in cui i farmaci vengono scomposti dall’organismo.

Capire questo è importante poiché l’uso di prodotti fitoterapici è in aumento. Un rapporto pubblicato dall’American Botanical Council ha rilevato che le vendite di integratori a base di erbe sono aumentate dell’8,5% nel 2017, superando per la prima volta gli 8 miliardi di dollari.

La domanda di prodotti vegetali sembra essere guidata dalle tendenze della salute e del benessere e da una crescente preferenza per i prodotti naturali per la salute, secondo la ricerca e i mercati .

Campione di sangue piccolo ma significativo

“Un’altra cosa da considerare è che abbiamo trovato i farmaci che ci è capitato di cercare nel momento della convalida dell’utilizzazione farmacologica: quanti altri ci sono anche quelli che non cercavamo?” Si chiedono i protagonisti dello studio.

Alla fine, lo studio ha coinvolto un campione relativamente piccolo di sangue. Ciò significa che può essere difficile dedurre quanto sia realmente diffuso il problema della contaminazione da farmaci nel sangue donato senza ulteriori test su una dimensione del campione molto più ampia da una vasta gamma di fonti.


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.