neve tossica

Neve tossica: fenomeni di neve verde e nera nelle città della Russia

I residenti di Pervouralsk sono rimasti scioccati quando le sostanze chimiche fuoriuscite da una fabbrica di cromo trasformavano la neve bianca in un colore verde acido.

Un episodio simile era successo a gennaio, a Kuzbass nella Siberia del sud, la neve era nera per colpa dell’emissioni di carbone delle fabbriche, adesso a Pervoouralsk, la neve invece è verde acido.

Questi fatti hanno scatenato ulteriori proteste in Russia, dove i consensi del presidente Putin sono diminuiti. In forte discussione vi erano anche i piani di inviare la spazzatura di Mosca nelle zone più povere e incontaminate del nord, dove importanti segnalazioni erano partite in seguito al ricovero di bambini avvenuto inseguito ad avvelenamento legato a una discarica locale.

Inquinamento e riscaldamento globale

I poli industriali in Russia hanno origini vecchissime, le prime fabbriche risalgono al 1700 e nonostante ci siano moderni impianti di stoccaggio dai fanghi tossici, l’inquinamento trasforma la neve di tutti i colori, prima nero e poi verde. Più e più volte sono stati denunciati dagli attivisti questi fenomeni, da una parte la neve nera è diretta conseguenza delle polveri rilasciate durante la combustione di fossili nelle centrali a carbone, quella verde del cromo.

Come spiega il Daily Mail, la colorazione verde fluorescente della neve di Pervoouralsk proviene da un impianto di cromo mal funzionante. Il problema principale oltre all’inquinamento è legato al fatto che la colorazione distrugge il potere riflettente della neve che dovrebbe restituire luce e calore all’atmosfera, ciò significa che la neve colorata in generale assorbe il calore e accelera il riscaldamento globale. Uno dei segnali più potenti dell’emergenza climatica.

Neve nera, neve tossica, neve verde, riscaldamento globale


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter

[newsletter_signup_form id=1]