ialuronano

Ialuronano: è efficace nel trattamento della malattia polmonare cronica. Lo studio

Prodotto naturalmente dall’organismo, lo ialuronano rappresenta una nuova classe di sistemi biologici che migliora significativamente la salute dei polmoni nei pazienti con BPCO grave. La ricerca mostra che l’inalazione di acido ialuronico interferisce in quasi ogni fase del ciclo della BPCO, rendendolo un potente trattamento per la malattia polmonare cronica

I ricercatori del National Institutes of Health e dei loro collaboratori hanno scoperto che l’inalazione di acido ialuronico non frammentato migliora la funzione polmonare nei pazienti che soffrono di grave esacerbazione della broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO). Lo ialuronano, uno zucchero secreto dal tessuto vivente che funge da impalcatura per le cellule, è anche usato nei cosmetici come idratante per la pelle e come spray nasale per idratare le vie respiratorie polmonari. Utilizzato come trattamento, l’acido ialuronico ha ridotto il tempo in cui i pazienti con BPCO in terapia intensiva avevano bisogno di supporto respiratorio, ridotto il numero di giorni in ospedale e risparmiato denaro riducendo la degenza ospedaliera.

Lo studio, pubblicato online su Respiratory Research, è un buon esempio di come l’esame degli impatti dell’inquinamento ambientale sui polmoni possa portare a trattamenti praticabili. Diversi anni fa, l’autore co-senior Stavros Garantziotis, MD, direttore medico dell’Unità di ricerca clinica presso l’Istituto nazionale di scienze della salute ambientale (NIEHS), parte dell’NIH, ha dimostrato che l’esposizione all’inquinamento provoca la scomposizione dello ialuronano nei polmoni frammenti più piccoli. Questi frammenti irritano il tessuto polmonare e attivano il sistema immunitario, provocando costrizione e infiammazione delle vie aeree. Ha stabilito che l’inalazione di ialuronano sano e non frammentato riduce l’infiammazione superando i frammenti di ialuronano più piccoli.

“Questi pezzi più piccoli irritano il corpo e attivano il sistema immunitario, portando all’infiammazione”, ha detto Garantziotis. “Reintrodurre lo ialuronano a tutta lunghezza, come un nuovo strato di malta, significa che è meno irritante e riduce la quantità di infiammazione”.

Poiché lo ialuronano è stato approvato in Italia per l’idratazione delle vie aeree, Garantziotis ha lavorato con i colleghi a Roma per vedere se l’inalazione di ialuronano a grandezza naturale potesse migliorare la funzione polmonare nei pazienti con BPCO in condizioni critiche. Ha spiegato che i pazienti stavano usando un apparato respiratorio simile a una macchina per la pressione positiva continua delle vie aeree (CPAP) per trattare la loro esacerbazione acuta della BPCO. Questo apparecchio ha fornito supporto respiratorio soffiando aria nelle vie aeree attraverso una maschera.

“Lo ialuronano inalato si qualifica come un aiuto stimolante per i pazienti con BPCO esacerbata, in quanto è sicuro e facile da somministrare”, ha detto il co-autore senior Raffaele Incalzi, MD, Dipartimento di Medicina, Università Campus Bio-Medico e Ospedale Didattico, Roma “. Inoltre, agisce localmente, solo nell’albero bronchiale e, quindi, non può interferire con nessun farmaco sistemico “.

Garantziotis voleva anche sapere cosa produceva la costrizione delle vie aeree nei polmoni dei pazienti con BPCO. Ha teorizzato che potrebbe essere coinvolto muco denso. Collaborando con scienziati dell’Università dell’Alabama a Birmingham (UAB), hanno coltivato cellule delle vie aeree da pazienti con enfisema in coltura e hanno esaminato il modo in cui il muco si muoveva nelle cellule. Hanno visto che il muco scorreva più facilmente dopo la somministrazione di acido ialuronico.

Il coautore Steven Rowe, MD, direttore del Gregory Fleming James Cystic Fibrosis Research Center presso l’UAB, ha detto che se i pazienti con BPCO grave assumessero ialuronano, il trattamento migliorerebbe il trasporto del muco e aiuterebbe il loro recupero.

Gli attuali trattamenti per la malattia polmonare includono steroidi per via inalatoria, antibiotici e broncodilatatori, quindi l’utilizzo di una molecola che si trova già nel corpo è un nuovo concetto. L’obiettivo ora per Garantziotis è studiare questo trattamento in più pazienti negli Stati Uniti, in modo che possa comprendere le condizioni ottimali e il dosaggio che produrranno il massimo beneficio.

BPCO, ialuronano, malattia polmonare


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto