Home Nuove Scoperte Bloccate ricerche su rimedi naturali che potrebbero aiutare la depressione

Bloccate ricerche su rimedi naturali che potrebbero aiutare la depressione

501
3
CONDIVIDI

Secondo uno studio inglese, i funghetti allucinogeni potrebbero essere usati per curare la depressione. Riguardo a queste ricerche in merito ne aveva già parlato un articolo del Times ancora un anno fa, si aspettavano ulteriori approfondimenti ma le nuove ricerche all’avanguardia sulla psilocibina sono state bloccate dal Regno Unito. Tutti i test relativi a queste ricerche sono stati bloccati. I moderni farmaci antidepressivi non riescono a trattare in modo efficace le persone  e la ricerca in questione avrebbe potuto portare a un giovamento, con minori effetti collaterali e costi minori. Il presidente della British Neuroscience Association, David Nutt ha in precedenza  effettuato piccoli esperimenti su volontari e ha scoperto che la psilocibina riesce ad alleviare forme gravi di depressione in persone che non rispondono ad altri trattamenti.

E’ facile comprendere come le sperimentazioni su questi rimedi naturali vengano bloccate, se pensiamo alla quantità di denaro che gli americani spendono in antidepressivi, tanto che  hanno raggiunto annualmente circa dieci miliardi di dollari.

Gli effetti collaterali di questi farmaci sono ben noti:

  • • Nausea
  • Insonnia
  • Ansia
  • Irrequietezza
  • D diminuzione del desiderio sessuale
  • Vertigini
  • Aumento di peso
  • Tremori
  • Sudorazione
  • Fatica
  • Diarrea
  • Stipsi
  • Mal di testa

Vista la lista di effetti collaterali, che non si ferma comunque a questi, ci viene da domandarci come sia possibile che non passare ad un alternativa naturale che cura in modo migliore e non crea tutti i disagi che creano questi composti chimici. I governi si permettono di fermare la ricerca su dei semplici rimedi naturali a che pro? E qui tiriamo in ballo tutto l’introito delle industrie farmaceutiche. Il dominio delle industrie farmaceutiche sulla salute delle persone. E quante volte questi farmaci ci portano alla guarigione? per quanto tempo una persona li deve usare e quanti gli effetti collaterali? 

Ormai per qualsiasi problema ci prescrivono farmaci su farmaci, iniziamo una catena composta da farmaci che curano malattie, creano altre malattie e ancora farmaci. Quello di cui il genere umano necessita è l’aiuto che la Terra, la Natura ci offre. Molti sono gli aiuti che associati insieme possono ridurre l’uso di farmaci.

  • La vitamina B-12 è importante per la produzione di sostanze chimiche che regolano la funzione del cervello.
  • Gli studi indicano che la vitamina D aiuta a prevenire la depressione o migliorare degli stadi di depressione.
  • Il magnesio, ferro e potassio lavorano insieme per curare la depressione. 

La verità non può essere sempre messa a tacere. Le case farmaceutiche per quanto avranno ancora la meglio?

3 COMMENTI

  1. per me che soffro del disturbo bipolare sarebbe una grande scoperta visto e considerato che con la depressione ci convivo e i farmaci che prendo non mi risolvono il problema

  2. L’ Ayurveda aiuta molto anche nella cura dell’ ansia e depressione.
    La famosa withania somnifera ( ashwaganda ), Brahmi ( simile al gotu gola ) convolvulis pluricaulis ( mi pare si chiami così ) e tante altre piante ayurvediche, possono aiutare a modulare si sintomi ansioso-depressivi, o squilibri dovuti ad alterazione della biochimica cerebrale.
    Possiamo fare sport, per stimolare endorfine ( le molecole del benessere ) a livello appunto endogeno ( interno ), possiamo fare meditazione e tecniche di rilassamento, possiamo curare bene l’ intestino attraverso dei buoni probiotici ( fermenti lattici )e con l’ uso dell’ aloe barbadensis ( il filetto o gel interno della foglia ), dato che purificare bene l’ intestino è essenziale per migliorare pure lo stato mentale. Ormai tanti studi parlano dell’ importanza di avere un intestino sano, per la salute generale. Purificare la dieta , eliminando o riducendo le proteine animali. Insomma possiamo veramente fare tanto, basta solo studiare un pò, documentarsi, volersi bene un pò di più, innamorarsi di se stessi, della Vita………..

  3. Tutti quegli effetti collaterali indicati si presentano anche con l’utilizzo dei funghi allucinogeni
    Diversi farmaci contro depressione e cefalee sono difatti derivazioni delle triptamine. La psilocibina, psilocina e baosticina, ovvero i principi attivi dei funghetti sono triptamine

    Tolto questo la mia opinione è che i viaggi mentali e la rielaborazione che si fa di essi da lucidi, a partire dalle ore successive fino ad anche un anno, influiscono sul modo di ragionare degli utilizzatori, aiutandoli a trovare nuove vie e diverse conclusioni sugli stessi argomenti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here