Bioplastica dalle olive

Il mondo della bioplastica è in continua e costante evoluzione. Ogni giorno siamo circondati da nuove e continue idee per polimeri realizzati da scarti di materie prime o anche scarti di produzione naturali. Tutto questo comporterà nel tempo un minor impiego di petrolio per la realizzazione della plastica. Degna di nota è da ritenersi una ricerca spagnola molto interessante, dove è stato realizzato un polimero, per la produzione di bottiglie di plastica, dalle bucce di olive derivate dallo scarto nella produzione dell’olio.  Il ricercatore Jesus Zorrilla, stima che  dall’utilizzo 10.000 tonnellate di olive oltre alla produzione di olio si potrebbe ricavare una media di 30 tonnellate di bioplastica, e un ricavo di 200.000 di euro. Un notevole incentivo anche per le aziende agricole, che potrebbero vedere il loro futuro anche in ottiche diverse e sviluppare ulteriormente le loro potenzialità.



bioplastica, olio d'oliva


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter