Home Alimentazione Biologica Il carico di licopene che viene dal cocomero

Il carico di licopene che viene dal cocomero

683
0
CONDIVIDI

Bomba vitaminica, il cocomero è una fonte importantissima di licopene, l’antiossidante alleato contro i radicali liberi e i trigliceridi.

Quando parliamo di licopene, difficilmente ci viene in mente il cocomero. Eppure, molti non lo sanno, ma l’anguria può essere un’ottima fonte alternativa, in un certo senso migliore dei pomodori.

Il licopene è un potente antiossidante appartenete alla famiglia dei carotenoidi. È un prezioso alleato contro i radicali liberi, ma aiuta anche a ridurre i trigliceridi e il colesterolo cattivo, favorendo quello buono.

In genere, come fonte principale di licopene vengono indicati i pomodori, soprattutto cotti. Questa sostanza è infatti responsabile del loro tipico colore rosso.

Eppure, secondo Penelope Perkins-Veazie, docente della North Carolina State University e consulente scientifica non retribuita del National Watermalon Promotion Board, il cocomero potrebbe essere una fonte di gran lunga migliore per integrare questa sostanza nella nostra dieta.

Questo perché, dal punto di vista del contenuto, dice la nutrizionista, il ‘melone d’acqua’ rosso è il più indicato e “la varietà senza semi ne contiene ancora di più”.

Il licopene del cocomero risulta inoltre più facilmente assorbibile dall’organismo, come dimostra una ricerca condotta somministrando a due gruppi di volontari succo di pomodoro o cocomero. La ricerca ha evidenziato che i livelli ematici di pigmento erano gli stessi in entrambi i gruppi, però il succo di pomodoro era stato sottoposto a trattamenti termici per migliorare la biodisponibilità della sostanza, mentre il cocomero era stato consumato ‘in purezza’.




Una o due tazze di anguria matura contengono 9-13 milligrammi di licopene, circa il 40% in più di un pomodoro crudo. Anguria, quindi, batte pomodoro.

I benefici di mangiare cocomeri sono notevoli. In un nostro precedente articolo, ad esempio, ne abbiamo contati almeno 11, tra cui: benefici a carico del cuore, della linea, delle ossa, del sistema immunitario, dei muscoli.

Per la National Watermelon Promotion Board (Commissione per la promozione nazionale dell’anguria) l’anguria è “un integratore multivitaminico”: priva di grassi, ha un basso contenuto calorico e contiene vitamine A, B6 e C.

Molti temono che la sua dolcezza sia sinonimo di un eccesso di zuccheri e che quindi metta a rischio la dieta, ma non è assolutamente vero: mentre una tazza di cocomero apporta circa 9 grammi di zucchero, una banana di taglia normale ne contiene 14-15 grammi, come pure una tazza di mirtilli.

Un alimento estivo gustosissimo, quindi, ed essenziale che può inoltre essere preparato in tanti modi diversi.

(Foto)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here