coronavirus

Come avviene la trasmissione di Coronavirus / Covid-19 / SARS-CoV-2: gli ultimi aggiornamenti

“Il COVID-19 è una nuova malattia e stiamo ancora imparando come si diffonde ” secondo i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) [ fonte ]”

In generale, l’infezione da virus respiratorio può verificarsi attraverso: [ fonte ]

  • contatto (diretto o indiretto)
  • spray a goccia nella trasmissione a corto raggio
  • aerosol nella trasmissione a lungo raggio e (trasmissione per via aerea)

Contatto ravvicinato (1,8 metri) e goccioline respiratorie

Si pensa che il virus si diffonda principalmente da persona a persona.

  • Tra persone che sono in stretto contatto tra loro (entro circa 1,8 metri)
  • Attraverso goccioline respiratorie prodotte quando una persona infetta tossisce, starnutisce o parla “[ fonte ]

Questa idea, secondo cui grandi goccioline di muco carico di virus sono la principale modalità di trasmissione, guida il consiglio del CDC statunitense di mantenere almeno una distanza di 1,8 metri: “Mantenere una buona distanza sociale è molto importante nel prevenire la diffusione di COVID-19 “[ fonte ]

1,8 metri sono sufficienti?

Alcuni esperti contattati da LiveScience pensano che 1,8 metri non siano sufficienti [ fonte ]

Correnti d’aria

” Le goccioline respiratorie più grandi (> 5 μm) rimangono nell’aria solo per un breve periodo e viaggiano solo per brevi distanze , generalmente <1 m” (meno di 1 metro) [ fonte ] [ fonte ] [ fonte ]

“Le goccioline aerosolizzate piccole (<5 μm) cariche di virus possono rimanere nell’aria e percorrere lunghe distanze ,> 1 m” [ fonte ] [ fonte ]

Uno studio sulla trasmissione che si verifica in un ristorante tra persone a una distanza superiore a 1 metro, ha osservato che “un forte flusso d’aria dal condizionatore d’aria potrebbe aver propagato goccioline ” [ fonte ]

Umidità (meglio se tra il 50% e l’80%)

“Si presume che la temperatura e l’umidità modulino la vitalità dei virus influenzando le proprietà delle proteine ​​della superficie virale e della membrana lipidica” [ fonte ]. L’ umidità relativa (UR o Rapporto di saturazione: lo stato di equilibrio del vapore nell’aria ambiente) influenza tutte le goccioline infettive con virus respiratori , indipendentemente dalla loro fonte ( tratto respiratorio o aerosol da qualsiasi fluido) e posizione (in aria o stabilita su superfici ). L’umidità relativa influisce pertanto su tutti i modi di trasmissione ma ha l’effetto più pronunciato sulla trasmissione aerea. [ fonte ]

Gli esperimenti condotti in uno studio hanno indicato “una sorprendente correlazione della stabilità dei virus invernali a bassa umidità relativa ( 20-50% ), mentre la stabilità dei virus estivi o per tutto l’anno è aumentata a una maggiore UR (80%) ” [ fonte ]

Trasmissione aerea

L’OMS afferma che “Le infezioni respiratorie possono essere trasmesse attraverso goccioline di dimensioni diverse: quando le particelle di gocciolina hanno un diametro> 5-10 μm vengono chiamate goccioline respiratorie e quando hanno un diametro di <5μm, vengono indicate come nuclei delle goccioline . Secondo le prove attuali, il virus COVID-19 viene trasmesso principalmente tra le persone attraverso goccioline respiratorie e vie di contatto “[ fonte ]

L’OMS definisce la trasmissione aerea come “la diffusione di un agente infettivo causato dalla diffusione di nuclei gocciolanti che rimangono infettivi quando sospesi nell’aria per lunghe distanze e tempo” [ fonte ]

Distanza aerea: potrebbero essere possibili fino a 4 metri (negli ospedali)

” La distanza massima di trasmissione dell’aerosol SARS-CoV-2 potrebbe essere di 4 metri ” secondo uno studio pubblicato il 10 aprile sulle malattie infettive emergenti , un giornale del CDC statunitense che ha anche scoperto che “SARS-CoV- 2 era ampiamente distribuito nell’aria e sulle superfici degli oggetti sia in terapia intensiva che in reparto generale (GW), il che implica un rischio potenzialmente elevato di infezione per il personale medico e altri contatti stretti “[ fonte ]

Questo è vero in ambito ospedaliero e non si applica necessariamente ad altre impostazioni. L’OMS afferma che “nel contesto di COVID-19, la trasmissione aerea può essere possibile in circostanze e contesti specifici in cui vengono eseguite procedure o trattamenti di supporto che generano aerosol ; ovvero intubazione endotracheale, broncoscopia, aspirazione aperta, somministrazione di trattamenti nebulizzati, ventilazione manuale prima dell’intubazione, rotazione del paziente in posizione prona, disconnessione del paziente dal ventilatore, ventilazione a pressione positiva non invasiva, tracheostomia e rianimazione cardiopolmonare “[ fonte ]

E conclude che ” sono necessari ulteriori studi per determinare se è possibile rilevare il virus COVID-19 in campioni d’aria provenienti da stanze dei pazienti in cui non sono in corso procedure o trattamenti di supporto che generano aerosol ” [ fonte ]

Durata dell’aria: fino a 3 ore (ma non in condizioni normali, secondo l’OMS)

Il virus può rimanere vitale “negli aerosol fino a 3 ore ” ha trovato uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine il 17 marzo [ fonte ]

L’OMS osserva che questi risultati devono essere interpretati con attenzione: “in questo studio sperimentale, gli aerosol sono stati generati utilizzando un nebulizzatore a tre getti di Collison e immessi in un tamburo Goldberg in condizioni di laboratorio controllate. Questa è una macchina ad alta potenza che non riflette condizioni normali di tosse umana . Inoltre, la scoperta del virus COVID-19 in particelle di aerosol fino a 3 ore non riflette un contesto clinico in cui vengono eseguite le procedure di generazione di aerosol – ovvero, si trattava di una procedura di generazione di aerosol indotta sperimentalmente “[ fonte ]

Oggetti e superfici

Il virus potrebbe diffondersi toccando un oggetto o una superficie con un virus presente da una persona infetta, quindi toccando la bocca, il naso o gli occhi .

Contaminazione superficiale osservata nello studio sopra citato [ fonte ]:

  • Mouse del computer (ICU 6/8, 75%; GW 1/5, 20%)
  • Pattumiere (ICU 3/5, 60%; GW 0/8)
  • Corrimano malati (ICU 6/14, 42,9%; GW 0/12)
  • Maniglie delle portiere (GW 1/12, 8,3%)

Il 76,5% di tutti gli oggetti personali campionati presso il Medical Center dell’Università del Nebraska (UNMC) è risultato positivo per SARS-CoV-2 [ fonte ]

Di questi campioni, l’81,3% degli articoli personali vari era positivo per PCR, che comprendeva:

  • Attrezzature da palestra
  • Attrezzature mediche (spirometro, pulsossimetro, cannula nasale)
  • PC e iPad
  • Occhiali da lettura

    Altri risultati:
  • Telefoni cellulari (83,3% positivi per RNA virale)
  • Telecomandi per TV in camera (64,7% percento positivo)
  • WC (positivo all’81,0%)
  • Superfici della stanza (80,4% di tutto il campione)
  • Comodini e spondine (75,0%)
  • Davanzali (81,8%)

Durata della contaminazione su oggetti e superfici

Sebbene il titolo del virus sia stato notevolmente ridotto, SARS-CoV-2 praticabile è stato misurato per questo periodo di tempo:

  • Plastica : fino a 2-3 giorni
  • Acciaio inossidabile l: fino a 2-3 giorni
  • Cartone : fino a 1 giorno
  • Rame : fino a 4 ore

fonte ]

Pavimento

“Il tasso di positività è stato relativamente alto per i campioni di tampone da pavimento (ICU 7/10, 70%; GW 2/13, 15,4%), forse a causa della gravità e del flusso d’aria che hanno causato il galleggiamento a terra della maggior parte delle goccioline di virus .

Inoltre, mentre il personale medico cammina per il reparto , il virus può essere rintracciato su tutto il pavimento, come indicato dal tasso di positività del 100% dal pavimento della farmacia, dove non c’erano pazienti .

Inoltre, metà dei campioni provenienti dalle suole delle scarpe del personale medico dell’ICU sono risultati positivi . Pertanto, le suole delle scarpe del personale medico potrebbero fungere da portatori. I 3 risultati positivi deboli dal pavimento dello spogliatoio 4 potrebbero anche derivare da questi vettori. Noi Consigliamo vivamente che le persone debbano disinfettare le suole delle scarpe prima di uscire da reparti contenenti pazienti con COVID-19  .”[ Fonte ]


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.