Sri Lanka

Lo Sri Lanka affronta il disastro ecologico mentre la nave in fiamme sversa sostanze chimiche sulle spiagge

Sri Lanka: Una nave portacontainer carica di sostanze chimiche in fiamme da quasi due settimane sta affondando al largo delle coste, suscitando timori di un disastro ambientale in una delle località balneari più famose dell’isola.

I detriti hanno ucciso la vita marina e sono visti come la peggiore catastrofe ambientale del paese.

Lo Sri Lanka sta affrontando il peggior disastro ambientale della sua storia dopo che una nave mercantile che trasportava sostanze chimiche ha preso fuoco al largo delle sue coste, rovesciando microplastiche sulle spiagge incontaminate del paese e uccidendo la vita marina.

L’incendio a bordo della MV X-Press Pearl, una nave immatricolata a Singapore, è divampato il 20 maggio e da allora continua a bruciare. La marina dello Sri Lanka e la guardia costiera indiana stanno cercando di ridurre le fiamme da più di 10 giorni.

L’equipaggio di 25 persone è stato evacuato ma l’operazione antincendio è stata complicata dai venti monsonici e dal carico altamente infiammabile e velenoso. La nave trasportava 25 tonnellate di acido nitrico, idrossido di sodio e altre sostanze chimiche pericolose, nonché 28 contenitori di materie prime utilizzate per realizzare sacchetti di plastica. Aveva anche più di 300 tonnellate di carburante nei suoi serbatoi.

Sebbene i funzionari abbiano affermato che la parte peggiore dell’incendio è stata estinta, durante il fine settimana si sono continuate a sentire esplosioni e durante il fine settimana si sono potuti vedere fumo denso e piccole fiamme dalla nave, ancorata a nove miglia dalla capitale, Colombo.

Si teme che la fuoriuscita di sostanze chimiche abbia già causato danni incalcolabili alla costa dello Sri Lanka, comprese le famose località turistiche di Negombo e Kalutara, con spiagge fittamente ricoperte di microplastiche e una marea nera visibile nell’oceano circostante. Le palline di plastica usate per fare i sacchetti di plastica possono essere fatali per la vita marina e le tartarughe marine morte, i pesci e gli uccelli hanno già iniziato a finire sulle spiagge.

Alla popolazione locale è stato detto di non toccare nessuno dei detriti in quanto potrebbero essere altamente tossici e la pesca è stata vietata entro un raggio di 50 miglia dalla scena.

“Con le informazioni disponibili finora, questo può essere descritto come il peggior disastro della mia vita”, ha affermato Dharshani Lahandapura, presidente dell’Autorità per la protezione dell’ambiente marino. Il MEPA ha affermato che le sostanze chimiche sono trapelate in mare e contaminato l’acqua, probabilmente causando danni ecologici a barriere coralline, lagune e mangrovie che potrebbero richiedere decenni per la riparazione.

Migliaia di personale della marina in equipaggiamento protettivo sono stati schierati in un’operazione di pulizia per rimuovere lo spesso strato di inquinamento plastico e rifiuti chimici che ha iniziato a ricoprire le coste, con bulldozer usati per spostare i rifiuti.

Il governo ha promesso un’indagine sul disastro e una squadra speciale di polizia è stata riunita per interrogare il capitano e l’equipaggio. Le autorità ritengono che il disastro sia stato causato da una perdita di acido nitrico.

sri lanka


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto