Home Ambiente Lavori di bonifica sul lago Albano al Parco dei Castelli Romani

Lavori di bonifica sul lago Albano al Parco dei Castelli Romani

304
1
CONDIVIDI

Il Parco dei Castelli Romani interviene a tutela del suo territorio, attraverso il ripristino delle condizioni di sicurezza e di vivibilità del demanio lacuale del lago Albano di Castel Gandolfo.
“Un obiettivo importante – commenta il commissario straordinario Matteo Mauro Orciuoli – raggiunto grazie all’assegnazione da parte della Regione Lazio di  50mila euro per la sistemazione degli arenili. I lavori, svolti da una ditta esterna, inizieranno questa settimana e si concluderanno entro fine ottobre. I tempi, quindi, saranno serrati”.

La prima fase si concretizzerà con la rimozione di rifiuti, dalle carcasse di natanti all’immondizia generica come bottiglie, plastica e materiale vario; si passerà, poi,  ai lavori di rifinitura per restituire all’arenile del lago Albano la sua naturalità e, soprattutto, la sua vivibilità, per troppo tempo trascurata.
Con il Parco dei Castelli Romani collaborerà il Comune di Castel Gandolfo, che, nello specifico,  si occuperà dello smaltimento dei materiali raccolti: gli operai del Parco e del Comune lavoreranno insieme alla ditta esterna. Per Orciuoli “si tratta di un buon esempio di collaborazione fra Enti che porterà come primo risultato un vantaggio per tutta la comunità”.

“La situazione del lago Albano – sottolinea ancora il Commissario – era oggettivamente di emergenza. Uno dei luoghi più belli del Parco rischiava, infatti,  di soffocare a causa del degrado e dell’inciviltà di tutti coloro che hanno colpevolmente ridotto gli arenili in una discarica a cielo aperto, causando disagi non solo agli utenti, ma anche ai turisti che sempre numerosi arrivano per ammirare questo patrimonio naturale. Auspichiamo che, dopo questo consistente intervento, tutti collaborino affinché il lago Albano resti pulito. Le azioni di questo tipo non possono rappresentare da sole la soluzione definitiva a un problema di degrado e  di inciviltà. È anche grazie a  una coscienziosa educazione ambientale – conclude Orciuoli – che possiamo realizzare interventi duraturi e incisivi per preservare l’ambiente in cui viviamo”.

Redazione Roma 

Articolo originale “Ecoincittà.it

1 COMMENTO

  1. Per aiutare i visitatori a “fare i bravi” non sarebbe possibile installare delle telecamere in punti strategici, oltre ad avere dei vigilanti che pattuglino il lago?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here