fiocco neve microscopio

Fiocchi di neve fotografati al microscopio svelano la perfezione della natura

Con un prototipo fatto in casa che ha unito una fotocamera con un microscopio, è stata catturata la bellezza nascosta di un fiocco di neve.

Nathan Myhrvold è un fotografo e scienziato e durante la pandemia si è dedicato a catturare le foto più sorprendenti di cristalli di ghiaccio mai scattate. I fiocchi di neve si sciolgono e sublimano velocemente, provocando il degrado delle caratteristiche taglienti della struttura cristallina in un breve periodo di tempo. 

Durante la costruzione del suo metodo, Myhrvold ha dovuto considerare attentamente il tempo, la temperatura, le condizioni meteorologiche e l’attrezzatura. Per questo ha utilizzato un dispositivo ad alta risoluzione di sua progettazione, risultato della fusione tra un microscopio e una macchina fotografica.

Così ha catturato le immagini più dettagliate di fiocchi di neve mai viste, grazie a una fotocamera raffreddata ad alta risoluzione costruita su misura che ha realizzato per affrontare specificamente le numerose sfide di fotografare i delicati cristalli di ghiaccio.

Myhrvold è anche un inventore ed ex direttore della tecnologia in Microsoft, tutta la sua conoscenza lo ha portato a poter realizzare in 18 mesi un dispositivo con una risoluzione di 100 megapixel in grado di catturare anche il più piccolo dettaglio di un fiocco di neve.

Con la fotocamera ad alta risoluzione Myhrvold ha scattato circa 100 foto in modalità burst, ovvero quasi tutte contemporaneamente. Le ha quindi raccolte per ottenere un’immagine nitida con una buona risoluzione.

I risultati di questa tecnica sono di una bellezza sorprendente, con solo pochi millimetri di diametro, si potevano apprezzare le strutture di vari tipi di fiocchi di neve raccolti in Canada e Alaska.

Le caratteristiche tecniche della fotocamera

La fotocamera progettata da Myhrvold è composta da un microscopio da 100 megapixel in fibra di carbonio con una lente in zaffiro.

Il “palco” è stato adeguatamente raffreddato per mantenere intatti i fiocchi e l’illuminazione è stata realizzata con flash LED ad altissima velocità per evitare che si sciogliessero troppo velocemente.

Lo scienziato inventore ha spiegato che “ho aggiunto una fase di raffreddamento al microscopio, oltre a LED pulsati ad alta velocità, che hanno ridotto il calore emesso dal microscopio. Ciò ha contribuito a prolungare il tempo di congelamento dei fiocchi di neve e mi ha dato più tempo per fotografare e mettere a fuoco le immagini ” .

Fonte: Ecoportal.net

Foto: Nathan Myhrvold / Modernist Cuisine Gallery, LLC


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto