turisti rubano spiagge sardegna

Sequestrate tonnellate di souvenir illegali ai turisti che visitano la Sardegna. Bellezze naturali depredate dalle spiagge più preziose dell’isola

Anche le persone che si ritengono educate e rispettose, a volte avranno ceduto a questa tentazione: portarsi a casa dalle spiagge delle vacanze un souvenir naturale ( piccolo o grande ) come un sasso, conchiglie, sabbia, ma anche piante e animali. Poi ci sono invece i delinquenti veri e propri che cercano di trasportare abusivamente una grande quantità di queste risorse naturali per rivenderle e guadagnare denaro illegalmente.

Purtroppo spesso questo atteggiamento è anche accettato e coadiuvato dalle persone locali, che specie nel territorio costiero, sono abituate a considerare il mare come una risorsa infinita dalla quale si può attingere sempre e comunque, non tenendo in considerazione il suo delicato e fragile equilibrio.

I sequestri di bellezze naturali della Sardegna nell’estate 2019

Alcuni quintali di sabbia, conchiglie e sassi prelevati dalla spiagge sarde come souvenir da gruppi di turisti in partenza dall’Isola, sono stati sequestrati all’aeroporto di Cagliari-Elmas. I controlli risalgono a metà agosto 2019 e sono stati effettuati in più riprese: alla fine il materiale recuperato ha raggiunto il peso considerevole di alcuni quintali.

turisti spiagge sardegna rubate
Alcuni scatoloni delle tonnellate di materiale proveniente dalle spiagge della Sardegna sequestrato ai turisti

Fortunatamente, ormai l’allerta è alta in estate e tutto questo materiale grazie alle forze dell’ordine e al personale di controllo verrà riportato e riposizionato sui litorali violati. L’ultimo bottino arriva dalle spiagge di Villasimius, Chia, Costa Rei, Teulada, Piscinas, Is Arutas e Mari Ermi, Muravera, Geremeas e Porto Pino. Autori degli indebiti prelievi, turisti soprattutto stranieri provenienti da Francia, Spagna, Ungheria, Polonia, Germania, Svizzera e Regno Unito, ma tra i responsabili anche diversi italiani.

Perchè i turisti rubano dalle spiagge sarde

La pagina Facebook Sardegna rubata e depredata è stata pioniera assoluta ormai 5 anni fà nel divulgare questo criminale e pericoloso atteggiamento nei confronti dell’ambiente.

Da quasi 20 anni il personale Security dell’aeroporto di Elmas alla fine di ogni stagione estiva provvede in totale autonomia e grazie al prezioso contributo di validi amici come il Corpo delle #guardieambientalidellasardegna
a riportare tutto ciò che viene requisito nei luoghi di origine.

Tutto ciò avviene su base volontaria, nel tempo libero e sostituendosi di fatto agli Enti Regionali preposti a tale compito. Nella assoluta indifferenza della classe politica Regionale.

pinna nobilis spiagge sardegna
Gli esemplari di Pinna Nobilis ( specie protetta ) trafugate dai lidi sardi

Alcuni turisti che hanno trascorso le vacanze nella zona di Bosa, torneranno a casa senza gli esemplari di Pinna Nobilis e con una giusta sanzione da 3000 euro che siamo sicuri gli servirà da lezione.

Furti di immagini e scorci da altri luoghi turistici

Dai furti veri a quelli online. Il quotidiano La Nuova Sardegna riporta il caso di questi ultimi giorni. Un’agenzia greca collegata a siti internet e pagine Facebook ha infatti pubblicizzato alcune spiagge di Creta e Corfù ‘rubando’ però le foto di alcuni dei litorali più belli e suggestivi della Sardegna: Mari Ermi, sulle coste del Sinis, Cala Mariolu a Baunei, in Ogliastra, e Cala Coticcio a Caprera. E questo ha scatenato la ‘rivolta’ e la protesta vivace sul web di molti sardi.

sardegna spiagge rubate

Video sulle spiagge della Sardegna rapinata dai turisti

LEGGI ANCHE:

Perchè i datteri di mare non si devono comprare nè mangiare: sono illegali

La servitù silenziosa che sta uccidendo la Sardegna

Cosa si nasconde dietro alla svendita del mare di Sardegna alla Francia

 

bellezze naturali sardegna, conchiglie sardegna, sequestri sabbia, spiagge sardegna, turisti rubano


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto