pitture rupestri

12 Km di pitture rupestri scoperte nel cuore della foresta Amazzonica

Pitture rupestri: 500 chilometri a sud di Bogotá hanno scoperto la più grande galleria d’arte rupestre del Sud America. Decine di migliaia di dipinti dimostrano come l’uomo primitivo abbia affrontato gli enormi animali dell’era glaciale. 

Decine di migliaia di dipinti di animali e umani creati fino a circa 12.500 anni fa sono stati scoperti nella foresta pluviale amazzonica, su una serie di scogliere in Colombia che si estendono per 12 chilometri. Gli archeologi hanno già battezzato questa imponente scoperta “la Cappella Sistina degli antichi preistorici” . È una delle più grandi concentrazioni di arte preistorica finora documentate nel mondo.

Così, tutti gli occhi dei ricercatori di civiltà e culture primitive sono oggi puntati sulla Colombia, grazie alla scoperta di tre grotte nel nord dell’Amazzonia colombiana, in cui sono sopravvissute decine di migliaia di disegni per migliaia di anni.

La datazione è stata possibile perché le immagini rappresentano specie animali estinte dell’era glaciale , come il mastodonte, un mammifero simile a un elefante che non è conosciuto in America Latina da almeno 12.000 anni. In queste rappresentazioni sono stati identificati anche altri animali che non sono sopravvissuti fino ad oggi, come il paleolama, i bradipi giganti e i cavalli di quel periodo preistorico.

Arte preistorica: una scoperta importante tenuta nascosta

L’importante scoperta è stata registrata lo scorso anno nella Serranía de la Lindosa, un luogo in cui sono state documentate altre pitture rupestri , ma è stata tenuta segreta fino ad ora per essere rivelata a dicembre in una nuova serie di documentari sul canale britannico 4 con il titolo da  Jungle Mystery: Lost Kingdoms of the Amazon . Il team, composto da ricercatori del Regno Unito e della Colombia e finanziato dall’European Research Council, è guidato da José Iriarte, professore di archeologia all’Università di Exter e uno dei massimi esperti di storia amazzonica e civiltà precolombiane.

“Quando sei lì, le emozioni fluiscono … Stiamo parlando di diverse decine di migliaia di dipinti. Ci vorranno generazioni per registrarli tutti ” , ha detto Iriarte al quotidiano The Guardian . “Abbiamo iniziato guardando gli animali che ora si sono estinti. Le immagini sono così naturali e ben fatte che non abbiamo dubbi che stiamo guardando un cavallo, per esempio. Il cavallo dell’era glaciale aveva una faccia selvaggia e pesante. È così. dettagliato che possiamo persino vedere i suoi capelli. È affascinante. “

Un territorio pericoloso e impervio

Il sito in cui sono stati registrati questi reperti, un’area tradizionalmente dominata dalle FARC, è così remoto che dopo due ore di auto da San José del Guaviare, 400 chilometri a sud-est di Bogotá, il team di archeologi ha dovuto farlo camminare altre quattro ore evitando alligatori e serpenti velenosi .

Scoperta archeologica 2020: Pitture rupestri scoperte in Colombia, una mestosa opera d’arte preistorica di 12km

I dipinti documentati variano per dimensioni e tema : ci sono numerose impronte di mani e scene di persone che ballano . Altri animali che sono stati identificati sono pesci, tartarughe, lucertole e uccelli. Anche gli esperti sono rimasti sorpresi dall’altezza alla quale sono state realizzate molte di queste immagini. In effetti, alcuni sono stati in grado di vederli solo con l’aiuto dei droni. José Iriarte, il direttore delle indagini, ritiene che la risposta stia nella rappresentazione sui muri di quelle che sembrano torri di legno.

I dipinti hanno un colore terracotta rossastro e alcuni sono stati realizzati con ocra. Avevano uno scopo sacro? “È interessante vedere che molti di questi grandi animali appaiono circondati da piccoli uomini con le braccia alzate, quasi adorando questi animali”, ha detto il ricercatore, che crede che ci siano molte più immagini da scoprire … quando la pandemia lo potrà consentire. “Stiamo solo grattando la superficie . 


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto