DDT

DDT tossico: 25.000 barili trovati gettati nell’oceano

Gli scienziati marini affermano di aver scoperto quello che credono essere fino a 25.000 barili che potrebbero contenere DDT scaricati al largo della costa meridionale della California vicino all’isola Catalina, dove si sospetta da tempo un enorme sito di rifiuti tossici sottomarini risalenti alla seconda guerra mondiale.

Le 27.345 immagini “simili a barili” sono state catturate dai ricercatori della Scripps Institution of Oceanography dell’Università della California di San Diego. Hanno mappato più di 36.000 acri di fondale marino tra l’isola di Santa Catalina e la costa di Los Angeles in una regione che in precedenza si trovava per contenere alti livelli di sostanze chimiche tossiche nei sedimenti e nell’ecosistema.

I registri storici delle spedizioni mostrano che le aziende industriali della California meridionale hanno utilizzato il bacino come discarica fino al 1972, quando è stato emanato il Marine Protection, Research and Sanctuaries Act, noto anche come Ocean Dumping Act.

Leggi anche ——–>36 diversi pesticidi tra cui il DDT, trovati in migliaia di nidi di uccellini morti

Riposando in profondità nell’oceano, la posizione esatta e l’entità dello scarico non erano note fino ad ora.

Il territorio coperto era “sbalorditivo”, ha detto Eric Terrill, capo scienziato della spedizione e direttore del Marine Physical Laboratory presso Scripps Institution of Oceanography.

I droni sottomarini che utilizzano la tecnologia sonar hanno catturato immagini ad alta risoluzione di barili che riposano a 900 metri (3.000 piedi) sotto la superficie lungo il ripido fondale marino che è stato rilevato. Inoltre sono stati visti oltre i limiti della discarica.

“È stata davvero una sorpresa per tutti coloro che hanno lavorato con i dati e che hanno navigato in mare”, ha detto ai giornalisti lunedì.

L’indagine fornisce “una mappa ad ampia area” dei barili, anche se spetterebbe ad altri confermare attraverso il campionamento dei sedimenti che i contenitori contenevano DDT, ha detto Terrill. Si stima che nella zona siano state scaricate tra 320 e 640 tonnellate di DDT, a 12 miglia da Los Angeles e 8 miglia da Catalina Island.

L’impatto a lungo termine sulla vita marina e sugli esseri umani era ancora sconosciuto, ha affermato Lihini Aluwihare, oceanografo chimico e professore di geoscienze di Scripps, che nel 2015 è stato coautore di uno studio che ha trovato elevate quantità di DDT e altre sostanze chimiche prodotte dall’uomo negli animali marini.

“Questi risultati sollevano anche interrogativi sulla continua esposizione e sui potenziali impatti sulla salute dei mammiferi marini, soprattutto alla luce di come il DDT ha dimostrato di avere impatti multigenerazionali sugli esseri umani”, ha detto Aluwihare, che non ha partecipato alla spedizione del sondaggio.

Recente un articolo proprio che riguarda il DDT—->Uno studio innovativo mostra che il DDT è collegato all’aumento del rischio di cancro al seno fino alla terza generazione

Diana Aga, una professoressa di chimica presso l’Università di Buffalo che non è affiliata allo studio, ha detto che i risultati sarebbero stati scioccanti se fosse stato dimostrato che i barili contenevano la sostanza chimica tossica. “Questo è un sacco di DDT sul fondo dell’oceano”, ha detto.

Se i barili non fossero stati fuoriusciti, avrebbero potuto essere spostati in un luogo dove lo smaltimento fosse più sicuro, ha detto Aga. In caso di perdite, gli scienziati potrebbero prelevare campioni dall’acqua, dai sedimenti e da altre forme di vita marina per valutare il danno.

Gli scienziati hanno condotto il sondaggio dal 10 al 24 marzo a seguito di un rapporto del Los Angeles Times dello scorso anno sulle prove che il DDT è stato scaricato nell’oceano.

Terrill ha detto: “Sfortunatamente, il bacino al largo di Los Angeles è stato una discarica di rifiuti industriali per diversi decenni, a partire dagli anni ’30. Abbiamo trovato un vasto campo di detriti nel sondaggio su vasta area “.

Gli scienziati hanno iniziato la ricerca dove David Valentine, professore dell’Università della California di Santa Barbara, aveva scoperto accumuli concentrati di DDT nei sedimenti e individuato 60 barili circa un decennio fa.

Alti livelli di DDT sono stati rilevati nei mammiferi marini della zona e la sostanza chimica è stata collegata al cancro nei leoni marini.

I ricercatori di Scripps dicono che sperano che il loro sondaggio sosterrà gli sforzi di pulizia. La spedizione sulla nave di ricerca Sally Ride comprendeva un team di 31 scienziati, ingegneri ed equipaggio che conducevano operazioni 24 ore su 24 e due veicoli subacquei autonomi.

DDT


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto