rischio cancro al seno

Studio sul DDT: aumento rischio cancro al seno fino alla terza generazione

Uno studio pubblicato la settimana scorsa, su Cancer Epidemiology Biomarkers & Prevention, ha trovato un’associazione significativa tra l’esposizione di una donna al DDT durante la gravidanza e l’aumento del rischio di cancro al seno nelle loro nipoti.

Secondo un nuovo studio, l’esposizione di una donna al pesticida DDT durante la gravidanza può aumentare il rischio di cancro al seno di sua nipote decenni dopo .

Lo studio ha trovato un’associazione significativa tra DDT nel sangue delle nonne durante la gravidanza e obesità e primi periodi mestruali nelle loro nipoti – fattori noti per aumentare il rischio di cancro al seno, ipertensione, diabete e malattie cardiache.

“Questo è il primo studio di tre generazioni che dimostra come sia plausibile che una sostanza chimica ambientale in un nonno possa avere un impatto sull’obesità e sui tempi del menarca nel nipote”, Barbara Cohn, autrice e direttrice dello studio e ricercatrice senior presso la sanità pubblica dell’Istituto Child Health e studi sullo sviluppo (CHDS), ha detto Notizie Environmental Health.

Rischio cancro al seno: Impatti transgenerazionali del DDT 

I ricercatori hanno stabilito gli effetti sulla salute dell’esposizione transgenerazionale a sostanze chimiche negli animali da laboratorio, ma mai prima d’ora negli esseri umani. L’esposizione dei nipoti può verificarsi quando le loro madri sono in utero e gli ovociti della madre sono in fase di sviluppo.

I composti DDT sono sostanze chimiche che alterano il sistema endocrino che possono alterare e interferire con gli ormoni naturali essenziali per lo sviluppo. L’esposizione al DDT è stata collegata a cancro al seno , difetti alla nascita , ridotta fertilità e aumento del rischio di diabete . È stato vietato negli Stati Uniti nel 1972, ma è ancora utilizzato in altri paesi per uccidere le zanzare portatrici della malaria.

Condotto da ricercatori del CHDS e dell’Università della California a Davis, lo studio si è basato su campioni di sangue raccolti da donne incinte tra il 1959 e il 1967 come parte dello studio CHDS che ha seguito 20.000 donne incinte nella Bay Area della California e le loro famiglie, per ulteriori informazioni. di 60 anni. CHDS indaga su come la salute e la malattia vengono trasmesse tra le generazioni. La coorte originale di donne, le nonne, ha fornito campioni di sangue ad ogni trimestre durante la gravidanza e un campione subito dopo il parto.

L’attuale studio si basa su un sottoinsieme di 365 nipoti adulte. Il rischio di obesità (indice di massa corporea maggiore di 30 kg / m2) nelle giovani nipoti adulte è risultato essere da 2 a 3 volte maggiore quando le loro nonne avevano livelli più elevati di o, p’-DDT, un composto minore di DDT, nel loro sangue durante o subito dopo la gravidanza. Allo stesso modo, le nipoti avevano il doppio delle probabilità di avere un primo ciclo mestruale precedente (prima degli 11 anni) quando le loro nonne avevano livelli ematici di o, p’-DDT più elevati.

Precedenti studi CHDS hanno dimostrato che l’esposizione delle madri al DDT durante la gravidanza o immediatamente dopo la nascita è correlata all’aumento del rischio di cancro al seno e alla prevalenza di fattori di rischio di cancro al seno, inclusa l’obesità, nelle figlie adulte. Mentre le nipoti erano troppo giovani (età media 26 anni) per misurare il rischio di cancro al seno, i ricercatori affermano che “l’impatto non può essere escluso”.

Tempistica delle esposizioni tossiche

Lo studio apre un altro terreno importante, secondo Julia Brody, direttrice esecutiva del Silent Spring Institute, che non è stata coinvolta nello studio. In primo luogo, mostra coerenza che o, p’-DDT è il miglior indicatore per l’esposizione recente. La maggior parte degli studi precedenti, condotti dopo che il DDT è stato bandito negli Stati Uniti, hanno misurato il principale composto di degradazione (DDE) del DDT nel sangue delle donne e in gran parte non sono riusciti a trovare una connessione con il cancro al seno.

I ricercatori di CHDS si sono concentrati su o, p’-DDT, un contaminante che comprende circa il 15% del DDT di grado commerciale, come marker per l’esposizione attiva, ovvero l’esposizione durante la gravidanza molti decenni fa, perché viene metabolizzato più rapidamente dell’ingrediente principale del DDT ( p, p’-DDT) che si scompone in DDE.

In secondo luogo, ha detto Brody a Environmental Health News, lo studio mostra: “Non si può presumere che l’esposizione più avanti nella vita sia la stessa dell’esposizione all’inizio della vita”. L’esposizione al DDT durante la gravidanza sembra più incisiva rispetto alla mezza età, l’età in cui altri ricercatori hanno concentrato le loro indagini sul DDT e sul rischio di cancro al seno.

Cohn è d’accordo. La sua ricerca mostra che l’esposizione al DDT durante la gravidanza e la pubertà è particolarmente dannosa. “La questione della vulnerabilità di una donna incinta dovrebbe essere una parte importante della storia”, ha detto.

Politiche rivolte agli interferenti endocrini 

I ricercatori concludono inoltre che i loro risultati suggeriscono che l’esposizione ancestrale al DDT può essere un fattore che contribuisce alla tendenza globale dei tassi di obesità in aumento di oggi e dell’età in calo al primo periodo mestruale.

Sebbene non fossero in grado di tenere conto della dieta o dell’esposizione ad altri cosiddetti obesogeni (sostanze chimiche associate all’obesità), Cohn ha sottolineato la forte associazione che hanno trovato tra i livelli di DDT delle nonne e l’obesità delle nipoti e ha detto che altri fattori spiegano le nipoti ‘obesità, “solo le figlie le cui nonne sono state esposte al DDT dovrebbero essere esposte agli attuali obesogeni oggi”, e questo è improbabile.

Kelle Moley, vicedirettore di Reproductive Health Technologies, Bill and Melinda Gates Foundation, ritiene che la teoria abbia “plausibilità biologica”. Ha studiato i fattori dell’obesità transgenerazionale negli animali da laboratorio e trova interessante vedere un effetto simile negli esseri umani. “Lo studio, ovviamente, non spiega tutto, ma potrebbe essere un fattore che contribuisce all’aumento dell’obesità”, ha detto.

Andando avanti, sia Cohn che Brody vorrebbero che i responsabili politici considerassero lo studio come una prova del concetto che l’esposizione a sostanze chimiche che alterano il sistema endocrino può avere un impatto sulle generazioni e che inizino a guardare agli studi sugli animali che hanno documentato l’impatto degli interferenti endocrini sulle generazioni future per elaborare politiche che riducono l’esposizione umana.

“Non vogliamo aspettare le prossime tre generazioni per scoprire che le sostanze chimiche in uso ora causano il cancro al seno”, ha detto Brody.

DDT, interferenti endocrini, rischio cancro al seno


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto