artico

Artico: il ghiaccio è ai minimi storici

Artico: la copertura di ghiaccio minima di questa estate è stata la dodicesima più bassa di sempre e gli scienziati avvertono che la tendenza a lungo termine verso il restringimento continua.

Il ghiaccio marino artico ha superato la sua estensione minima per quest’anno, riducendosi a 4,72 milioni di chilometri quadrati il ​​16 settembre, secondo quanto riportato dal National Snow and Ice Data Center (NSIDC) degli Stati Uniti.

A causa di un’estate artica fresca e nuvolosa, il minimo annuale di quest’anno è stato il più alto dal 2014: il ghiaccio ha coperto quasi 1 milione di chilometri quadrati in più rispetto all’estensione dell’anno scorso di 3,82 milioni di chilometri quadrati, che è stata la seconda più bassa mai osservata (vedi “Copertura di ghiaccio ‘). Ma è ancora la dodicesima estensione di ghiaccio marino più bassa in quasi 43 anni di registrazioni satellitari e gli scienziati affermano che la tendenza a lungo termine è verso una copertura di ghiaccio più bassa.

“Anche con il riscaldamento globale e la tendenza generale al ribasso del ghiaccio marino, c’è ancora una variabilità naturale”, afferma Walt Meier, ricercatore senior presso NSIDC, che ha sede presso l’Università del Colorado Boulder.

L’estensione minima del ghiaccio marino artico sta diminuendo a un tasso del 13,1% per decennio. “Incluso quest’anno, gli ultimi 15 anni hanno registrato le 15 estensioni artiche minime più basse mai registrate”, afferma Meier. L’estensione minima più bassa mai registrata è stata registrata nel 2012, dopo che una tempesta molto forte ha accelerato la perdita di ghiaccio sottile che era già sull’orlo dello scioglimento.

“La media di tutti gli anni è in costante diminuzione mentre la temperatura media globale media è in aumento”, afferma Steven Amstrup, capo scienziato di Polar Bears International a Bozeman, nel Montana. Aggiunge che, sebbene ci possano essere estensioni di ghiaccio marino più elevate in un dato anno, la frequenza di anni glaciali “cattivi” con un’estensione minima di ghiaccio marino è in aumento. “Anni glaciali migliori sono sempre più anomali nella tendenza a lungo termine”, afferma Amstrup.

Le regioni artiche hanno sperimentato una stagione estiva più fresca e nuvolosa del solito quest’anno, in parte causata da modelli di bassa pressione atmosferica nell’emisfero settentrionale.

Leggi anche—>Artico, l’allarme degli scienziati: “Sotto il ghiaccio una bomba a orologeria”

A giugno e luglio, la debole bassa pressione nell’Artico centrale ha impedito che i venti meridionali più caldi venissero attirati nell’area. Ciò manteneva l’aria fredda e impediva a parte del ghiaccio di sciogliersi. La bassa pressione provoca anche la formazione di nuvole, che bloccano la luce solare. Questo può rallentare ulteriormente lo scioglimento.

Ad agosto, il sistema a bassa pressione si è spostato a nord dei mari Beaufort e Chukchi dell’Alaska, producendo temperature dell’aria inferiori alla media di 2-3 °C. E i venti invernali dell’anno scorso avevano spinto il ghiaccio più vecchio e più spesso in entrambi i mari. “Quindi durante l’estate, il ghiaccio era più spesso di quanto non fosse stato negli ultimi anni e questo lo ha reso un po’ più resistente”, afferma Meier. “Tuttavia, è probabile che vi sia anche un aspetto legato al cambiamento climatico”, aggiunge. “In generale c’è meno ghiaccio vecchio e la copertura di ghiaccio è più sottile. Il ghiaccio più sottile viene più facilmente spostato dai venti e dalle correnti”.

Leggi anche—->Plastica nell’Artico? Colpa del lavaggio dei vestiti

Un aumento transitorio del ghiaccio marino potrebbe creare condizioni migliori per le specie che usano il ghiaccio per cacciare, afferma Amstrup. “Ma è quella tendenza al ribasso del mare ghiacciato, causata da una crescente frequenza di anni di ghiaccio cattivo, che determina il destino finale degli orsi polari e di altri animali selvatici dipendenti dal ghiaccio marino”.

Artico, ghiacciai


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto