Home Alimentazione e Salute Mezzo avocado per tenere a bada il peso e il senso di...

Mezzo avocado per tenere a bada il peso e il senso di fame

3546
0
CONDIVIDI
senso di fame

Da un recente studio, sembra però che ci sia un frutto in particolare che ci può aiutare a limitare il senso di fame. Vediamo quale e perché.

La sazietà che si ottiene dai pasti consumati è un valido aiuto per il controllo del peso. Alcune volte, infatti, siamo assaliti da un forte senso di fame che può procuraci frustrazione e portarci a mangiare, in poco tempo, tutto ciò che invece ci eravamo ripromessi di evitare perché attentano alla nostra linea e al nostro benessere. E, si sa, non sempre le buone intenzioni sono così forti da portarci a resistere.

Controllare il senso di fame con l’avocado

Una buona notizia, in tal senso, ci viene da un recente studio condotto da un team di ricerca, coordinato dal prof. Joan Sabate, Presidente del Dipartimento di Nutrizione della Loma Linda University. Secondo questa ricerca, mangiare mezzo avocado durante i pasti ci può aiutare a controllare il senso di fame e, di conseguenza, il nostro peso.

Abbiamo già visto in un precedente articolo quali sono le proprietà di questo frutto e come utilizzarlo in cucina e per la nostra bellezza. Sappiamo che è un valido aiuto per il nostro cuore, che ci ricarica di energia e ha un forte potere antiossidante. Questa ricerca, però, ci fa guardare l’avocado sotto una luce nuova.

Leggi anche: Alimentazione bio: acqua e zenzero per dimagrire velocemente

Come si è svolto lo studio

Il team del prof. Sabate ha valutato gli effetti di questo frutto fresco nella dieta di 26 soggetti sani in sovrappeso. Questo, perché ciò che ci porta ad assumere cibo, fanno sapere gli esperti, è un processo complesso, che coinvolge fattori psicologici e biologici. Obiettivo della ricerca era capire la capacità dei nutrienti presenti nel frutto di influenzare il bilancio energetico del nostro organismo, il senso di sazietà, le risposte insuliniche e i livelli di glucosio.

I partecipanti allo studio sono stati così divisi in 3 gruppi di controllo, ai quali è stato chiesto di consumare 1 colazione standard, seguita un pranzo di prova dove era prevista, o meno, l’assunzione di mezzo avocado fresco.

Le persone coinvolte hanno poi valutato la propria sensazione di appetito, utilizzando una scala analogica visiva (VAS), prima del pranzo e a intervalli specifici oltre 5 ore dopo l’inizio del pasto di prova. Anche glicemia e insulina sono state misurate prima del pranzo e durante intervalli specifici dopo l’inizio del pasto.

Leggi anche: Il caffè verde, il chicco che ti aiuta a dimagrire


Controllare il senso di fame: i risultati

I risultati finali dello studio, pubblicati sul Nutrition Journal, hanno mostrato che i partecipanti a cui era stato chiesto di aggiungere la metà di un avocado fresco al loro pranzo avevano fatto registrare un significativo calo del 40% del desiderio di mangiare, per un periodo di 3 ore dopo il pasto. Una sensazione di sazietà che si è mantenuta nella percentuale del 28% per un periodo di 5 ore dopo il pasto. Il tutto confrontato con il desiderio di mangiare avvertito dopo un pranzo standard, che però non prevedeva l’aggiunta di avocado.

Il prof. Sabate ha così commentato i risultati dello studio: “La sazietà è un fattore importante nella gestione del peso perché le persone che si sentono soddisfatte hanno meno probabilità di fare uno spuntino tra i pasti. Abbiamo anche notato che, sebbene aggiungendo l’avocado vi sia stato aumento dell’apporto di calorie e carboidrati nei partecipanti, in base a quanto osservato non c’era stato aumento nei livelli di zucchero nel sangue dopo aver mangiato il pranzo. Questo ci porta a credere che l’avocado abbia un ruolo potenziale nella gestione degli zuccheri nel sangue che merita ulteriori indagini”.

Leggi anche: Come realizzare una tisana depurativa all’equiseto per dimagrire e rassodarsi

Fonte

Fonte

(Foto: Liz West)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here