Home Alimentazione e Salute La mela come alleato nel trattamento e prevenzione del cancro al colon

La mela come alleato nel trattamento e prevenzione del cancro al colon

802
0

Con le sue innumerevoli varietà, la mela è uno dei frutti che può apportare i maggiori benefici al nostro organismo.

Abbiamo visto come sia un cibo diuretico, utile a depurare il nostro corpo, come sia un antibatterico intestinale e possa aiutare nei casi di artrite e gotta.

Secondo una ricerca condotta dall’Università di Xi’an in Cina, le mele potrebbero ricoprire un importante ruolo anche nella cura del cancro al colon. Vediamo cosa hanno scoperto i medici in proposito.

I ricercatori si sono concentrati sulle mele come mezzo naturale per il trattamento e la prevenzione del cancro al colon, soprattutto perché questi frutti sono uno degli alimenti più consumati in moltissimi Paesi e alcuni dei loro composti più potenti possono essere ricavati anche dagli scarti dell’industria di produzione dei succhi di mela.

Questo frutto contiene al suo interno delle sostanze molto importanti nel trattamento delle cellule tumorali, chiamate oligosaccaridi. Gli oligosaccaridi sono glucidi formati dall’unione di un numero relativamente esiguo di monosaccaridi, sono molto presenti in natura e si trovano in frutta, verdura e piante comuni. Sono un alleato molto utile per la nostra salute. Le loro proprietà antitumorali erano già state investigate in studi precedenti.

I ricercatori dell’Università Xi’an hanno isolato gli oligosaccaridi, mediante la combinazione di idrolisi alcalina ed emolisi dei polisaccaridi mela, purificando poi la soluzione, mediante cromatografia su colonna anionica.

mele

Questi oligosaccaridi così ottenuti sono stati poi aggiunti a delle cellule tumorali umane del colon HT29, coltivate in vitro, in varie concentrazioni. A seconda del livello di concentrazione testato, gli oligosaccaridi hanno registrato esiti diversi sull’attività delle cellule tumorali.

I risultati hanno mostrato che gli oligosaccaridi della mela erano capaci di diminuire la vitalità delle cellule HT29 in modo dose-dipendente. Nel frattempo, hanno migliorato l’espressione di Bax e diminuito i livelli di Bcl-2 e Bcl-XL. Inoltre, gli oligosaccaridi hanno indotto l’arresto del ciclo cellulare in fase S.

In poche parole, questi risultati indicano che alcuni composti presenti nelle mele possono attenuare la vitalità delle cellule HT29 inducendo l’apoptosi (un processo di morte cellulare controllato geneticamente) e l’arresto del ciclo delle cellule tumorali.

Loading...

Una delle cose più importanti di questa scoperta è che gli oligosaccaridi della mela non sono tossici per le cellule sane del nostro corpo e possono essere utilizzati a concentrazioni superiori rispetto ai tradizionali farmaci usati per la chemio, che inducono invece terribili effetti collaterali.

Naturalmente, questi esperimenti sono stati condotti solamente in vitro. Per poter meglio comprendere il ruolo svolto dalle mele nella prevenzione e cura del cancro al colon, saranno necessarie ulteriori indagini, ma i ricercatori si dicono fiduciosi a riguardo.

La natura, lo sappiamo, ci fornisce innumerevoli strumenti, utili per prenderci cura del nostro corpo. A patto, però, che siano alimenti naturali, che non contengono pesticidi e sostanze tossiche come purtroppo avviene nella maggior parte della frutta prodotta e commercializzata nel mondo.

(Foto in evidenza: chelle_1278; foto interna: rumpleteaser)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.