bimbi e animali

I cani migliorano il benessere sociale ed emotivo dei bambini

I cani possono aiutare i bambini piccoli a imparare a gestire le proprie emozioni e a sviluppare relazioni più significative. In un nuovo studio pubblicato da Springer, i ricercatori hanno scoperto che i bambini delle famiglie con cani da compagnia hanno migliorato il benessere sociale ed emotivo rispetto ai bambini senza un cane a casa.

Gli esperti hanno analizzato i dati del sondaggio dello studio PLAY Spaces and Environments for Children Physical Activity (PLAYCE), che ha coinvolto 686 famiglie con cani di proprietà di bambini di età compresa tra i due e i cinque anni. Per lo studio PLAYCE, i genitori hanno valutato l’attività fisica e lo sviluppo socio-emotivo dei loro figli.

LEGGI ANCHE – Animali e bambini: come aiutano il sistema immunitario

I dati oggettivi dello studio

Dopo aver tenuto conto di altri fattori rilevanti, i ricercatori hanno scoperto che i bambini delle famiglie proprietarie di cani avevano il 23% in meno di probabilità di avere difficoltà con le proprie emozioni e interazioni sociali. 

Inoltre, i bambini con cani a casa avevano il 30% in meno di probabilità di assumere comportamenti antisociali, il 34% in più di probabilità di condividere e mostrare considerazione e il 40% in meno di difficoltà ad interagire con altri bambini.

Il co-autore dello studio, il professor Hayley Christian, è ricercatore senior presso il Telethon Kids Institute e professore all’Università dell’Australia occidentale .

“Mentre ci aspettavamo che la proprietà del cane avrebbe fornito alcuni benefici per il benessere dei bambini piccoli, siamo rimasti sorpresi che la semplice presenza di un cane di famiglia fosse associata a molti comportamenti ed emozioni positivi“, ha affermato il professor Christian.

Importanza di gioco e passeggiate con i cani

I bambini che sono cresciuti con i loro cani sono stati spesso trovati a raccogliere più frutti. Coloro che si univano alle passeggiate con i cani di famiglia ogni settimana avevano il 36 percento in meno di probabilità di avere un cattivo sviluppo sociale ed emotivo rispetto a quelli che non camminavano con il loro cane almeno una volta alla settimana. 

Inoltre, i bambini che giocavano con il loro cane di famiglia almeno tre volte alla settimana avevano il 74 percento in più di probabilità di impegnarsi regolarmente in comportamenti premurosi.

“I nostri risultati indicano che la proprietà del cane può favorire lo sviluppo e il benessere dei bambini e ipotizziamo che ciò possa essere attribuito all’attaccamento tra i bambini e i loro cani“, ha affermato il professor Christian.  

“Gli attaccamenti più forti tra i bambini e i loro animali domestici possono riflettersi nella quantità di tempo trascorso giocando e camminando insieme e questo può promuovere lo sviluppo sociale ed emotivo”

Secondo gli autori dello studio, la ricerca è limitata dalla sua natura osservativa e non stabilisce l’esatto meccanismo che collega la proprietà del cane ai miglioramenti dello sviluppo sociale ed emotivo nei bambini piccoli.

Sono necessarie ulteriori ricerche per valutare gli effetti socio-emotivi dei diversi tipi di animali domestici e la potenziale influenza dell’attaccamento che i bambini hanno sui loro animali domestici.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Pediatric Research .


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.