acquedotti italiani amianto

Amianto presente negli acquedotti italiani: il docu-film

“Lo sai che quasi tutti gli acquedotti italiani pubblici in Italia sono fatti di cemento-amianto?”. E’ con questa scioccante domanda che si apre “H2A. L’acquedotto in amianto“. Il documentario realizzato da due filmaker indipendenti, Giuliano Bugani e Daniele Marzeddu.

 “C’è amianto nelle tubature degli acquedotti italiani – scrive Rossella Lamina nel suo blog su Today.it -. Sì, avete capito bene: l’acqua che arriva nelle nostre case, che usiamo per bere, lavarci, cucinare, passa attraverso chilometri di condutture in cemento-amianto”. Il fatto che gli acquedotti sono in parte realizzati con amianto sarebbe nota agli addetti ai lavori, ma assolutamente sconosciuta al grande pubblico. I due filmaker hanno quindi realizzato un’inchiesta (qui il trailer) cercando di capire se la fibra di amianto ingerita, sia dannosa o se, solo se respirata, provochi il tumore? “La fibra di amianto può trovarsi nelle tubature? Sono informati i cittadini di cosa bevono? – si legge accanto al trailer che presenta il video -.Sapere cosa si beve è un diritto. In questo piccolo, grande, arco temporale di immagini, spuntano le dichiarazioni di oncologi e scienziati e spicca l’imbarazzato silenzio delle istituzioni”.

FILTRI biodegradabili per ACQUA del rubinetto: la SOLUZIONE SICURA ed ECONOMICA a portata di click. – LEGGI –

QUAL E’ L’IMPATTO DELL’AMIANTO INGERITO?

Bugani e Marzeddu iniziano ad esplorare “la questione partendo dall’ acquedotto dell’Emilia Romagna che, considerando la sola città di Bologna, vede 1.800 chilometri di tubature per l’acqua potabile costruite in cemento-amianto”. La questione, però, non riguarderebbe “solo l’Emilia Romagna ma l’intero territorio nazionale, dove negli anni ’60 e ’70 del 1900 il cemento-amianto è stato largamente utilizzato per gli acquedotti, le fognature, i tetti delle case – tanti quelli che a Roma circondano anche la mia abitazione” scrive sempre sul suo blog Rossella Lamina. D’altronde non è ancora chiaro quale sia l’impatto sulla salute dell’amianto ingerito. E’ certo, invece, che sia dannoso inalarlo e la “aerodispersione” sarebbe possibile anche “quando apriamo i rubinetti per farci una doccia o lavare le stoviglie”. Il documentario sarà presentato in anteprima nazionale il 15 ottobre al Cinema Europa di via Petralata 15a, a Bologna, dalle 19. “H2A. L’acquedotto in amianto” è stato realizzato grazie all’ Associazione Orfeonica di Bologna e al crowfunding tramite il sito di giornalismo partecipativo publicobene.it. Verrà distribuito attraverso licenza creative commons.

LEGGI ANCHE:  http://www.ambientebio.it/ambiente/sostenibilita/acqua-potabile-inquinata-il-gestore-deve-risarcire-i-consumatori/

acquedotti italiani amianto, Amianto, H2A, inquinamento acquedotto, inquinamento amianto, pericolo amianto


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto