curare la solitudine

Curare la solitudine: giovani e anziani vivono insieme in nuovi centri di aggregazione sociale

Un radicale esperimento di vita multigenerazionale a Helsingborg, nella nuova casa Sällbo, una piccola città portuale nel sud della Svezia. Il suo nome è un miscuglio delle parole svedesi per compagnia ( sällskap ) e vivere ( bo ) e riassume perfettamente gli obiettivi del progetto: combattere la solitudine e promuovere la coesione sociale offrendo ai residenti incentivi e spazi per un’interazione produttiva.

SällBo è un nuovo modo di vivere in cui i giovani e gli anziani vivono insieme. Qui generazioni e culture si incontrano e la vita sociale è al centro.

Sällbo, inaugurato lo scorso novembre, è composto da 51 appartamenti dislocati su quattro piani di una casa di riposo ristrutturata, e rappresenta un progetto di housing sociale. Più della metà dei 72 residenti ha più di 70 anni, come Ahlsten e Bacharach; gli altri hanno 18-25 anni. Tutti sono stati selezionati dopo un lungo processo di interviste per garantire un mix di personalità, background, religioni e valori, e tutti hanno dovuto firmare un contratto con la promessa di trascorrere almeno due ore a settimana socializzando con i propri vicini.

Affinché l’alloggio funzioni e gli inquilini prosperino, è importante che coloro che vivono a SällBo abbiano una personalità curiosa, la volontà di imparare cose nuove e siano pronti a condividere le proprie conoscenze ed esperienze. Agli inquilini vengono assegnati appartamenti tramite manifestazioni di interesse e interviste personali, afferma Dragana Curovic, sviluppatore bosociale a Helsingborgshem. Il progetto è amministrato da Helsingsborgshem , una società immobiliare senza scopo di lucro finanziata dal consiglio comunale, e nasce da un’idea che avevano nel 2016 tra la preoccupazione per la solitudine tra i gruppi più anziani. 

Il senso di isolamento rappresenta un vero problema e un pericolo per la salute, secondo l’ Istituto Karolinska , e rimane prevalente tra i pensionati. Il fatto che le persone anziane di sentano isolate dalla società può costiruire un problema, tendono ad aggregarsi tra loro e questo può comportare un ulteriore senso di isolamento.

C’è una palestra, una sala yoga, una biblioteca (fornita con i libri dei residenti) e una grande cucina comune su ogni piano. Lo studio di arti e mestieri è pieno di colori, lana e altri accessori creativi, mentre i residenti stessi hanno trasformato uno spazio in un laboratorio, completo di strumenti e attrezzature (uno dei pensionati, un ex capitano di mare, si è reinventato come un argentiere). Anche il salone principale al piano terra è uno spazio multifunzionale, con impianto hi-fi, calcio balilla e pianoforte, donato da uno dei residenti perché “tutti possano vivere la sua gioia”; spera di dare lezioni.

Gli affitti variano da 4.620 a 5.850 corone svedesi (da £ 409 a £ 518) al mese, il che è commisurato agli appartamenti di dimensioni simili in città (affitti privati ​​con una camera da letto nel centro costano tra 7.000 e 10.000 corone svedesi) .

L’intero edificio per come è strutturato e per come è il progetto da l’idea di un unica grande famiglia.

Anche prima della pandemia, Sällbo aveva attirato l’attenzione sia in Svezia che a livello internazionale. Tre comuni stanno lavorando per implementare direttamente il concetto e molti altri stanno valutando idee simili. Una delegazione dal Canada si è recata in visita a febbraio, mentre altre dall’Italia, dalla Germania e dalla Corea del Sud si sono messe in contatto per quanto riguarda le missioni di studio.


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.