Youtube

YouTube e i baby influencer: le pubblicità dei cibi spazzatura

YouTube e i baby influencer: Viviamo in una generazione che ha sempre meno il riferimento costante della televisione, ma sempre di più legata alla rete internet con i social, tra i quali spicca soprattutto YouTube.

Le aziende, per la pubblicità del cibo spazzatura dedicata ai più piccoli, solo negli Stati Uniti spendono ogni anno 1,8 miliardi di dollari. Il canale di riferimento e mezzo di comunicazione consolidato ormai è diventato YouTube.

I produttori si stanno adeguando e stanno reclutando le piccole (a volte piccolissime) star dei video e i loro genitori per pubblicizzare in modo pervasivo alimenti e bevande di pessima qualità, contro i quali combattono da anni tutti i pediatri e i nutrizionisti.

Leggi anche —>Il Junk food rende il sistema immunitario iperattivo e scatena infiammazioni: la ricerca

Uno  youtuber  va in un fast food e chiede a uno dei suoi follower di acquistare alcuni dei suoi prodotti se indovina il prezzo. Un altro lancia la sfida di ingerire cibi dello stesso colore per 24 ore. Questi sono solo due esempi di messaggi che i giovani più influenti del nostro Paese riversano attraverso i loro canali YouTube e che i loro coetanei ricevono senza lo stesso regolamento che regola la pubblicità sui media tradizionali.

Questo allarme viene lanciato anche da due esperti del Dipartimento di Comunicazione e Psicologia Sociale dell’Università di Alicante che hanno analizzato più di 47 ore di contenuti provenienti da 13 canali di marchi alimentari e 15 canali per minori su YouTube. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista  Gaceta Sanitaria.

I contenuti più frequenti nei 304 video analizzati sono le sfide, che occupano il 53,3% del campione totale. Queste sono sfide che i creatori di contenuti affrontano e raccontano al loro pubblico in un formato di intrattenimento basato sulla trama. Queste sono più frequenti nei canali dei piccoli youtuber (59% del totale) che nei canali dei food brand (37,8%).

I prodotti ultra elaborati compaiono nell’85,2% dei video di sfida, con marchi visibili in 117 di essi. In essi si contano 377 presenze di articoli (230 visive, 12 inclusioni nel titolo e 135 menzioni verbali).

Inoltre, nell’82,4% delle registrazioni condivise da minori, i genitori appaiono come complici che consumano e partecipano a sfide, mentre conversano con loro. Nel caso di questi la presenza dei gruppi di riferimento è ridotta al 25,8%, dove sono frequenti le scene in cucina o il divertimento con gli amici.

Leggi anche—->Carne e cibo spazzatura aumentano il rischio di Alzheimer

Prodotti che promuovono l’obesità infantile

Ragazzi e ragazze consumano cibo nel 66% dei video delle sfide e gli anziani nel 41,4%. Nonostante la grande presenza di articoli, solo in 68 su 162 (41,9%) è stata introdotta l’informativa sui contenuti commerciali.

Le registrazioni condivise dalle aziende alimentari combinano argomentazione razionale ed emotiva, mentre in quelle di minorenni predomina l’argomentazione emotiva.

Spicca la strategia del canale  The Phoskiters by Phoskitos , che copre i 31 video di sfide dei marchi alimentari, con un format ibrido – Phoskitos è colui che cerca lo  youtuber – basato sulla lotteria dei regali, che mira a incoraggiare il pubblico ad appendere le proprie registrazioni in cui svolgono la sfida proposta.

” L’associazione tra pubblicità e cibi ultralavorati in un formato comunicativo come le sfide mette a rischio le pratiche comunicative rivolte ai minori, che sono sempre più frequenti su YouTube ” , avvertono i ricercatori nel loro studio. ” Le sfide riguardano la verifica dei limiti umani, anche sfidando l’autorità o la dieta sana raccomandata, che mette a rischio la salute dei minori e aumenta in modo allarmante le abitudini obesogeniche “.

“ L’obesità è una pandemia globale ed è urgente aumentare il controllo di questo tipo di contenuti in ambito legale, autoregolamentato e deontologico dei media digitali. Creatività, divertimento o mero intrattenimento non sono argomenti sufficienti per promuovere in modo persuasivo comportamenti che mettono a rischio la salute fisica dei bambini ”, concludono i ricercatori.

Fonte:

Araceli Castelló-Martínez  et al . “Una combinazione di alto rischio: obesità, marchi alimentari, minori e sfide su YouTube”. Gaceta Sanitaria  202.


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto