Home Aziende Treedom pianta alberi per compensare le emissioni CO2

Treedom pianta alberi per compensare le emissioni CO2

588
0
CONDIVIDI

La deforestazione è una delle maggiori cause del rilascio di gas serra nell’atmosfera. Le foreste del pianeta preservano nel suolo un’enorme quantità di carbonio, stimabile intorno ai 500 miliardi di tonnellate, di cui gran parte si trova nelle foreste pluviali tropicali. Questa immensa quantità di carbonio supera l’intera massa dei carburanti bruciati in tutto il mondo negli ultimi cento anni.
L’Indonesia e il Brasile occupano rispettivamente il terzo e il quarto posto nella triste classifica dei paesi emettitori di CO2: insieme contribuiscono al 40% delle emissioni globali determinate dalla deforestazione.
La deforestazione deve essere fermata in tutti i Paesi in Via di Sviluppo. Sostieni un progetto e pianta un albero, guardalo crescere sul web, condividilo con il mondo! Dal 2010 ad oggi, Treedom (da “tree” albero in inglese), azienda italiana con base a Firenze, ha all’attivo circa 130mila specie, tra baobab, mango, mangrovie, piantate in Senegal, Camerun, Argentina, Malawi,  Haiti, Indonesia. Federico Garcea, 31 anni, cofondatore insieme a Tommaso Speroni, 26 ci spiega come è nato il progetto di Treedom? 

“Tommaso ed io, dopo una nottata di lavoro, giocavamo a Farmville (celebre gioco su Facebook in cui i giocatori piantano alberi). È stato allora che è nata l’idea: ci siamo detti “ci sono milioni di persone che si divertono a piantare alberi per gioco. Perché non dargli la possibilità di farlo davvero?”. Noi, d’altronde, già da anni partecipavamo a programmi di riforestazione nei Paesi del sud del mondo, collaborando con alcune Ong del Camerun e del Sud America”.

Con Treedom puoi dedicare un albero ad una persona speciale e scriverci sopra il tuo messaggio di auguri! Possono consegnare il regalo tramite email, o potrai consegnarlo tu con una gift card personalizzabile che riceverai per posta. E puoi calcolare le tue emissioni CO2 e decidere quanto vuoi contribuire.

Per saperne di più sulla loro esperienza e su come si struttura il progetto continua leggendo qui.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here