Home Animali Stati Uniti: 600 vittime fra cani e gatti dopo aver mangiato cibo...

Stati Uniti: 600 vittime fra cani e gatti dopo aver mangiato cibo essiccato Made in Cina

386
0
CONDIVIDI

Ha già causato oltre 600 vittime tra cani e gatti ed ora è scattato l’allarme. Il killer è un cibo essiccato per animali marchiato “made in china”. Questo è quanto emerge negli Stati Uniti.

Dal 2007 sono oltre 3.600 le segnalazioni di cani e gatti che hanno riscontrato problemi dopo aver mangiato cibo essiccato, quasi 600 tra questi non ce l’hanno fatta. Non si conosce ancora il nome del prodotto, tenuto segreto dalla Fda, ma le indagini proseguono. Per saperne di più è stato anche lanciato un appello: “Se avete un cane o un gatto che si è ammalato dopo aver mangiato cibo essiccato per animali domestici, la Food and Drug Administration vorrebbe parlarvi o parlare con il vostro veterinario”. 

Finora , la causa della mortalità rimane un mistero . La FDA dice che ha testato l’alimento per animali incriminato in tutti i modi, metalli pesanti , pesticidi , antibiotici , sostanze chimiche e anche Salmonella , ma non riesce a trovare la causa . L’ agenzia avverte i proprietari di animali domestici di osservare i loro amici a 4 zampe, nel caso ci sia una diminuzione dell’appetito, ridotta attività , vomito, diarrea ( a volte con sangue o muco ) , l’aumento del consumo di acqua e / o aumento della minzione .

Prestiamo attenzione quindi agli alimenti per animali made ​​in Cina.

Quello che ha tratto in inganno i consumatori era il fatto che il paese di origine del prodotto non era chiaro, vi era il logo del loro paese,  i prodotti provenivano dal paese ma poi erano trattati e imballati in Cina.

La FDA non ha potuto emettere un richiamo sulle marche sospettate di causare questi decessi, infatti il problema è questo, si sa già quali prodotti stanno uccidendo i cani , ma finora non è riuscita a rilasciare queste informazioni al pubblico in modo preciso .

Ancora un ennesimo e serio problema causato da prodotti alimentari prodotti in Cina.

Fonte

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here