fbpx
tecnoschiavi social networks

Spazzini del web: i tecnoschiavi al soldo dei Social Networks

Il primo Marzo 2021 appariva su l’Espresso un coraggioso articolo di Maurizio Di Fazio, il soggetto erano i cosiddetti moderatori dei contenuti dei social media, i guardiani clandestini della rete: da Instagram a Twitter, da TikTok a YouTube, una professione poco conosciuta, ma nevralgica. Cercherò di portare in risalto i passaggi principali di questo documento, già di per sé molto esaustivo e rivelatorio su un mondo sconosciuto a molti di noi.

Fedeli ad un solo dio: il politically correct

«Siamo pagati una manciata di euro e passiamo la vita a ripulire Facebook dall’orrore».

Queste le parole di chi compie un lavoro essenziale, segreto e stressante, tra fake news, revenge porn e video raccapriccianti: quello di spazzino del web, colui che ripulisce ogni informazione non “politically correct” o ancor peggio palesemente “oscena” dalla rete.

Queste le parole contenute in una lettera inviata l’anno scorso a Mark Zuckerberg e firmata da oltre duecento persone che lavorano alle principali piattaforme social del colosso di Menlo Park:

«Senza il nostro lavoro, Facebook sarebbe inutilizzabile. Il suo impero collasserebbe. I vostri algoritmi non sono in grado di distinguere tra giornalismo e disinformazione, violenza e satira. Solo noi possiamo»

Oggi è impossibile stabilire con certezza se una decisione di moderazione dipenda dall’intervento di un uomo o di una macchina. Imprescindibile, come è ovvio che sia, l’intervento umano. La grande dea Tecnologia, che cresce sempre di più, si arricchisce sempre di più, alla fine non può fare a meno dell’occhio attento di chi l’ha creata: l’uomo. Carne e ossa, sono necessarie mani che si prendano la briga di nascondere la spazzatura sotto il tappeto di questo enorme idolo su cui sono incollati gli occhi di miliardi di persone, compreso me in questo esatto momento. Un coltello può uccidere ma anche aiutarci a tagliare una cipolla, senza demonizzare nulla andiamo quindi avanti con l’articolo di Di Fazio.

Raccolta indifferenziata

Certe sfumature di senso la tecnologia non riesce a coglierle e chissà se le capirà mai. I moderatori digitali sono uomini e donne senza competenze o specializzazioni specifiche, e di qualsiasi etnia ed estrazione: una manodopera assolutamente intercambiabile.

Per essere assunti, basta essere subito disponibili e “loggabili”, avere una connessione stabile. Il lavoro infatti è piuttosto semplice: filtrare ed eventualmente cancellare l’oggetto dei milioni di quotidiane segnalazioni anonime che arrivano dagli stessi utenti. Ma questa spazzatura da eliminare in cosa consiste esattamente?

  • post e stories, foto e video ributtanti
  • immagini e clip pedopornografiche
  • messaggi d’odio e razzismo
  • account fake
  • bufale
  • revenge porn
  • cyberbullismo
  • torture e stupri
  • omicidi e suicidi
  • guerre locali
  • stragi in diretta.

Questo l’enorme caos che sfugge agli ormai sempre più umani algoritmi. Pensiamo per farci un’idea al crawler di Google, uno strumento sopraffino che è ormai al livello di una intelligenza umana e che serve a scansionare tutti i siti del web, catalogandoli e attribuendogli un punteggio in base alla qualità di contenuti e struttura percepita dall’algoritmo. Certo un prodigio della tecnologia, ma pur sempre mancante di un cuore che batte e di un cervello che pensa!

Quale il gioco quindi per mantenere questo mercato nascosto e allo stesso tempo potentemente attivo? Semplice, questo enorme meccanismo di filtro messo in piedi e sostenuto da mani e cervelli umani, stressati e sottopagati, viene attribuito alle macchine. Oltre al danno, la beffa…

Le testimonianze dirette

Uno dei tanti tecnoschiavi, Tarleton Gillespie, nel suo “Custodians Of The Internet” scrive:

«Ero pagato dieci centesimi a contenuto. Per questa cifra ho dovuto catalogare il video di un ragazzo a cui era stato dato fuoco, pubblicato dall’Isis».

L’importante è correre: una manciata di secondi per stabilire cosa deve essere tolto di mezzo dai nostri newsfeed e timeline. Non c’è spazio per riflettere: un clic, elimina e avanti col prossimo. Questo ricorda molto il “glitch” di matrixiana memoria: quel momento in cui l’utente riesce a spiare dietro le maglie della Matrix e intravederne la struttura portante. Un’ex moderatrice, Valera Zaicev, tra le maggiori attiviste della battaglia per i diritti di questa categoria, ha raccontato che Facebook conta persino i loro minuti di pausa in bagno!

Il tecnoschiavismo di Facebook

«Il nostro team di revisione è strutturato in modo tale da fornire una copertura 24/7 in tutto il pianeta», ha dichiarato a The Atlantic Monika Bickert, responsabile globale delle policy di Facebook.

Per fare alcuni numeri, si parla di 100-150 mila moderatori, ma non è stato mai chiarito quanti di questi siano assunti a tempo pieno dalle aziende, e quanti ingaggiati su piattaforme esterne. Restando a Facebook, si oscilla così dai moderatori più tutelati e con un contratto stabile negli Usa (15 dollari circa all’ora di salario) ai 1600 occupati dall’appaltatore Genpact negli uffici della città indiana di Hyderabad, che avrebbero una paga di 6 dollari al giorno stando a quanto rivelato, tra gli altri, dalla Reuters.

L’algoritmo

È un algoritmo a selezionare i tecnoschiavi su LinkedIn o Indeed attraverso offerte di lavoro volutamente generiche, è sempre un algoritmo a organizzare i contenuti dei social che possono essere segnalati dagli utenti, è ancora un algoritmo a pianificare le code di revisione ed è spesso un algoritmo a determinare il loro punteggio sulla base degli “errori” commessi e a decidere della loro eventuale disconnessione, cioè il licenziamento.

Into the Matrix

“La loro disconnessione…”, non vi ricorda nulla? Se si, allora avrete capito che non è più il futuro distopico quello presentato dal grande colossal hollywodiano del ’99, ma il presente che viviamo.

Il capo più autoritario di questo esercito di nuovi tecnoschiavi è sempre l’algoritmo. Un’entità matematico-metafisica che non dorme, non si arresta mai. Qualcosa di non umano, ma che di umano ha tutto. Un paradosso insomma.

Si entra qui in un campo etico e morale che spinge al limite il nostro orizzonte mentale, ma forse ancora di più ci mette davanti ad un grande bivio che, come tutti i bivi, è un concetto tipicamente occidentale: espansione disordinata o ritorno all’ordine?

L’uomo nella macchina

La risposta alla precedente domanda è l’unione delle due soluzioni: espansione ordinata per ritornare all’ordine. L’esatto opposto di quello che sta succedendo oggi insomma, dove il tumore sclerotico e in incessante crescita si espande senza senso nel nostro mondo esteriore, ma soprattutto interiore.

Il tema è stato affrontato genialmente da film come:

L’uomo si trova davanti ad un idolo da lui stesso fabbricato, che ad un tempo egli stesso si dimentica di aver fabbricato e dà quindi per scontato, come parte integrante della sua esistenza. Una massa superflua che si crede faccia naturalmente parte di noi, un tumore vero e proprio.

Come dice giustamente Di Fazio, l’uomo si trova davanti una forza bruta ma asettica, tirannica e prevedibile, da lui fabbricata e da lui fronteggiata con immensa fatica di corpo e mente.

Memoria e angoscia

Due sono i concetti che qui devono far rizzare le orecchie:

  • memoria
  • angoscia

C’è una forza indistinta, che ostacola ad arte la memoria e che amplifica angoscia e irrequietezza, la forza che la Babilonia tecnologica che abbiamo creato fuori e dentro di noi, sta trasferendo all’idolo: l’algoritmo. Attraverso questo strumento Babilonia sta inondando le nostre vite con acque sempre più velenose, a flusso continuo. Ma il capro espiatorio è diventato l’algoritmo da noi stesso creato.

Qualcosa gioca a inondarci di informazioni e pensieri per farci dimenticare chi siamo, e quindi ci rende inquieti.

O per meglio dire, la nostra isteria di massa, creazione continua dal greco hysterion (utero), è stata data in custodia all’idolo fuori controllo creato con le nostre stesse mani, l’algoritmo.

Capite?

Overdose informativa

Qui lascio completamente la parola a Di Fazio, che centra perfettamente il punto. Il moderatore di contenuti è uno dei new jobs più logoranti. Pochi resistono più di qualche mese, prima di essere defenestrati per performance deludenti o andarsene con le proprie gambe per una sopravvenuta incapacità di osservare il male sotterraneo del mondo senza poter fare nulla oltre che occultarlo dalla superficie visibile dei social.

Gli strascichi sono pesanti. Il contraccolpo a lungo andare è micidiale, insopportabile. L’accumulo di visioni cruente traccia un solco profondo. Quale altra persona si sarà mai immersa così a fondo negli abissi della natura umana?

«L’esposizione a contenuti complessi e potenzialmente traumatici, oltre che al sovraccarico informativo, è certamente un aspetto rilevante della loro esperienza professionale quotidiana, ma non bisogna dimenticare anche l’alta ripetitività delle mansioni», spiega all’Espresso Massimiliano Barattucci, psicologo del lavoro e docente di psicologia delle organizzazioni.

L’alienazione, l’assuefazione emotiva al raccapriccio sono dietro l’angolo.

Offline dall’orrore

Da questa attività disumanizzante può nascere un progressivo cinismo, una forma di abitudine che consente di mantenere il distacco dagli eventi scioccanti attinenti al loro lavoro, possono esserci ripercussioni e disturbi come:

  • insonnia
  • incubi notturni
  • pensieri o i ricordi intrusivi
  • le reazioni di ansia
  • disturbo post-traumatico da stress (PTSD)».

Nella roccaforte Facebook di Phoenix, in Arizona, un giorno, ha raccontato un’ex moderatrice di contenuti al sito a stelle e strisce di informazione The Verge, l’attenzione di tutti è stata catturata da un uomo che minacciava di lanciarsi dal tetto di un edificio vicino. Alla fine, hanno scoperto che era un loro collega: si era allontanato durante una delle due sole pause giornaliere concesse. Voleva mettersi così offline dall’orrore.

LEGGI ANCHE: Klaus Schwab e Bill Gates: i profeti della distopia per un futuro transumanista

Rivoluzione digitale: web, dipendenze e nuove generazioni


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter