Solvay

Solvay: per anni ha tenuto segreti i test con i rischi per la salute causati dai Pfas

Solvay Specialty Chemicals per anni ha mantenuto nascosto i documenti con i risultati dei test, riguardo ai Pfas, dove venivano chiaramente dimostrati i rischi per la salute dell’uomo e dell’ambiente.

Per molteplici violazioni del Toxic Substances Control Act, EWG (Un’organizzazione senza scopo di lucro e apartitica dedicata alla protezione della salute umana e dell’ambiente.  )ha chiesto all’EPA di imporre multe civili e penali per un totale di 434 milioni di dollari.

La petizione di EWG afferma che nel 2005 Solvay ha ottenuto i risultati dei test che dimostrano che la sua nuova sostanza chimica PFAS era tossica quanto un composto fluorurato che avrebbe dovuto sostituire: il PFOA di DuPont, utilizzato per produrre Teflon. Quell’anno, agendo su una petizione di EWG, DuPont è stata multata di 10,25 milioni di dollari per non aver divulgato gli studi sulla tossicità del PFOA. DuPont e altre società, tra cui Solvay, hanno successivamente deciso di eliminare gradualmente esso e composti simili entro il 2015 attraverso il programma di amministrazione PFOA.

Tuttavia, i documenti dell’EPA mostrano che Solvay non è riuscita fino al 2011 a riportare i risultati dei test su due varianti della sostanza chimica sostitutiva, il cloroperfluoropolietere carbossilato. I test di Solvay, che non hanno rilevato alcun livello del composto che non danneggia i ratti, sono stati resi pubblici solo due mesi fa, quando Solvay ha detto che stava eliminando gradualmente la sostanza chimica e quindi le informazioni sulla tossicità non erano più proprietarie .

Nel 2019, Solvay ha presentato un documento all’EPA che mostrava che aveva testato il sangue dei suoi lavoratori almeno dal 2011 e sapeva che i composti carbossilati del cloroperfluoropolietere si stavano accumulando nei loro corpi. I lunghi intervalli tra il momento in cui sono stati condotti i due round di test e quando sono stati segnalati – più di cinque anni per lo studio sui ratti e otto anni per lo studio sui lavoratori – violano la regola TSCA che richiede l’archiviazione immediata quando un’azienda viene a conoscenza di un sostanziale rischio.

“Solvay potrebbe aver ostacolato le valutazioni PFAS in corso da parte dell’EPA e messo a rischio la salute pubblica”, ha affermato Ken Cook, presidente di EWG. “Sospettiamo che Solvay abbia deliberatamente mantenuto questi dannosi studi sulla tossicità dall’EPA, una grave violazione della legge federale che richiede alle aziende di segnalare immediatamente qualsiasi prova scoprono che una sostanza chimica può rappresentare un rischio sostanziale per la salute”.

Le lacune tra i test e la loro segnalazione da parte di Solvay sono state notate per la prima volta dallo scienziato senior EWG David Andrews, Ph.D., nel suo esame dei documenti dell’EPA ottenuti attraverso il Freedom of Information Act.

“Chiediamo all’EPA di indagare su Solvay per apparentemente nascondere i risultati dei test che mostrano che la loro sostanza chimica PFAS sostitutiva è tossica e bioaccumulabile come PFOA o PFNA”, ha detto Andrews, riferendosi a un composto simile incluso nell’accordo di eliminazione graduale del 2005. “Solvay ha mantenuto segreti i suoi rapporti di laboratorio e allo stesso tempo ha partecipato pubblicamente al programma di amministrazione del PFOA dell’EPA, che aveva lo scopo di porre fine all’uso di PFAS tossici e bioaccumulabili. Nascondere questi dati probabilmente ha consentito e prolungato l’uso di PFAS, mettendo in pericolo in modo significativo la salute umana e l’ambiente “.

PFOA, PFNA e altri PFAS a “catena lunga” sono chiamati  “prodotti chimici per sempre”  perché non si degradano nell’ambiente. Alcuni sono stati collegati a cancro,  danni riproduttivi e dello sviluppo e problematiche al sistema endocrino. I composti carbossilati di cloroperfluoropolietere di Solvay sono tra le sostanze chimiche a “catena corta” che l’industria chimica sostiene essere meno dannose, sebbene alcuni studi dimostrino che potrebbero essere altrettanto dannose.

“Sebbene la gravità dei pericoli causati dalle nuove sostituzioni di PFAS, come i carbossilati di cloroperfluoropolietere, sia sconosciuta, l’EPA deve disporre di tutti i dati di tossicità rilevanti al fine di valutare con precisione i rischi per la salute posti da queste sostanze chimiche”, ha affermato Olga Naidenko, Ph .D., Vicepresidente per le indagini scientifiche presso EWG. “Gli studi sulla salute per ogni composto PFAS dovrebbero essere resi pubblici. Le affermazioni di riservatezza che nascondono l’identità di una sostanza chimica rappresentano una minaccia per la salute pubblica. Ogni volta che cerchiamo queste sostanze chimiche per sempre, le troviamo “.

Uno studio peer-reviewed dei ricercatori di EWG stima che più di 200 milioni di americani potrebbero avere il PFAS tossico nella loro acqua potabile a una concentrazione di 1 parte per trilione, o ppt, o superiore. Studi scientifici indipendenti hanno raccomandato un livello di sicurezza per PFAS nell’acqua potabile di 1 ppt, uno standard approvato da EWG .

Pfas, pfoa, solvay


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto