ciclone idai

Ciclone Idai in Mozambico: Niente cibo, case o soccorsi. Ecco come aiutare le famiglie in difficoltà con donazioni dirette.

I funzionari “sono sopraffatti” dalla portata del disastro causato dal Ciclone Idai in Mozambico, Zimbabwe e Malawi; purtroppo ci sono molti ritardi anche nelle missioni umanitarie e di salvataggio.

Sotto il portico fatiscente del palazzo municipale di Beira, in Mozambico, un gruppo di famiglie ha allestito un triste campo. Dormono su una pavimentazione di cemento sporco e cucinano con i rami degli alberi portati giù dal ciclone Idai che ha spazzato l’Africa meridionale la scorsa settimana.

Venti di oltre 100 miglia all’ora hanno provocato inondazioni devastanti e oltre 700 persone morte, secondo fonti governative, con un bilancio che tende ad aumentare e il rischio concreto di epidemie. Il ministro per la Terra e l’Ambiente, Celso Correia, ha affermato che la situazione nel paese è ora critica.

Le testimonianze dirette dal centro del Ciclone Idai

Laila Jorge, madre di tre figli, era una di quelle persone nel bel mezzo della tempesta. Una venditrice ambulante di bevande alcoliche, viveva nella Zona B, una zona povera della città portuale di Beira, dove una volta si trovavano baracche vicino al mare, e ci dice “Quando è arrivato il vento del ciclone, ha preso il tetto e ha fatto saltare le pareti di legno della mia casa. Dovemmo scappare perché pensavamo che saremmo morti. C’era acqua profonda fino alla vita per la strada, quindi siamo corsi qui. Non avevamo le nostre scarpe e i nostri piedi si sono tagliati dal vetro che non potevamo vedere. Ci siamo fermati quando siamo arrivati ​​qui perché era asciutto e perché era vuoto. ”

La mappa delle zone colpite dal Ciclone Idai

Jorge e gli altri hanno perso tutto. Tutto quello che possiede è stato donati dai lavoratori che hanno ripulito la zona e hanno avuto pietà di loro. A parte questo, non hanno ricevuto altri aiuti.

Jorge ha detto che l’acqua sporca viene raccolta e portata dai bambini della piazza per cucinare e lavare, e non  per bere, ma ha aggiunto che i suoi bambini di tre, cinque e sette anni hanno tutti avuto diarrea.

Nonostante l’enorme ricorso all’aiuto globale che ha sollevato decine di milioni in tutto il mondo, causa per la quale noi possiamo ancora fare molto,molti come Jorge non hanno ancora ricevuto assistenza. Da parte loro, i funzionari degli aiuti internazionali hanno ammesso di essere stati sorpresi dalla natura della catastrofe. Avevano concentrato i loro sforzi iniziali su Beira, che inizialmente la Croce Rossa pensava fosse in gran parte distrutta dal ciclone. Non prevedevano l’arrivo di devastanti inondazioni che avrebbero colpito enormi aree della campagna più di un giorno dopo.

ciclone idai
La gente del posto in attesa di essere salvata dopo le alluvioni colpiscono enormi aree della campagna. Foto: Andrew Renneisen / Getty Images

Il problema dei soccorsi di emergenza e la vastità delle zone alluvionate

E questo errore di valutazione ha avuto conseguenze drammatiche. Gli elicotteri di cui avevamo tanto bisogno, necessari per salvare le persone nelle campagne che si riparavano sugli alberi, sui tetti e sui tralicci elettrici, erano lenti ad arrivare. “Dalle nostre prime indagini aeree abbiamo potuto constatare che Beira era stata duramente colpita”, ha dichiarato all’osservatore Jamie LeSueur della Croce Rossa . “Quello che non eravamo in grado di prevedere era la portata delle inondazioni che sarebbero seguite”.

Anche ora i funzionari ammettono di non avere ancora un quadro completo della portata del disastro causato dal Ciclone Idai. Semplicemente lo descrivono come “travolgente”e “imprevedibile”.

E l’impatto maggiore potrebbe essere il meno visibile in una delle regioni più densamente popolate del Mozambico. Dopo diversi anni di siccità nell’Africa meridionale, gli agricoltori di sussistenza che popolano le pianure costiere hanno perso i raccolti al momento del raccolto. Non hanno cibo o prodotti da portare sul mercato.

Negli ultimi giorni gli sforzi di emergenza si sono spostati dalla ricerca e soccorso – guidati dai piloti e dagli operatori di imbarcazioni che hanno strappato la gente dalle inondazioni – all’assistenza umanitaria. Nei prossimi giorni un percorso stradale riaprirà a Beira, ponendo fine al collo di bottiglia delle scorte di cibo.

E mentre le acque hanno iniziato a ritirarsi, il numero di coloro che volevano essere evacuati in barca ha iniziato a diminuire, con molti che preferivano restare o trasferirsi nelle aree asciutte in espansione più vicine alle loro case.

“Abbiamo salutato gente dalle nostre barche”, ha detto un ufficiale della marina indiano coinvolto nelle operazioni di soccorso , “ma la maggior parte di quelli che abbiamo visto voleva rimanere dove erano”.

ciclone idai mappa buzi river
Il Fiume Buzi è protagonista dell’alluvione dopo il passaggio del Ciclone Idai

L’Ufficio delle Nazioni Unite per il Coordinamento degli Affari Umanitari ( OCHA ) ha detto ieri che dovrà aspettare che le acque si ritirino per comprendere la vera estensione e fare un bilancio della popolazione sfollata del Mozambico, mentre la Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa ( IFRC ) hanno avvertito che alcuni casi di colera sono stati segnalati a Beira.

Le donazioni a Cefa Onlus per un aiuto diretto in Mozambico

CEFA Onlus  è un’organizzazione non governativa che da 45 anni lavora per vincere fame e povertà. Aiuta le comunità più povere del mondo a raggiungere l’autosufficienza alimentare e il rispetto dei diritti fondamentali (istruzione, lavoro, parità di genere, tutela dei minori).

ciclone idai solidarietà
Uno dei tanti salvataggi nei confronti della popolazione colpita dal ciclone Idai da parte dei volontari soccorritori.

L’obiettivo di CEFA è creare modelli di sviluppo sostenibile, cioè mettere in atto iniziative che assicurino la crescita di un territorio, maggiore benessere e resilienza ai cambiamenti climatici, stimolando la partecipazione delle popolazioni locali affinché siano esse stesse protagoniste del loro sviluppo.

Desiderio di CEFA è che ogni persona, in ogni parte del mondo, diventi protagonista dello sviluppo, per essere soggetto attivo di democrazia e di pace.

Andate a questa pagina delle donazioni CEFA se volete dare un aiuto concreto e diretto attraverso questa organizzazione che da decenni è operativa in quello stesso territorio colpito da questa catastrofe.

LEGGI ANCHE:

Il drone che distrugge le mine antiuomo nelle zone di guerra

La solidarietà di un’infermiera israeliana che allatta un bimbo palestinese

Giornata mondiale dell’alimentazione: focus sui problemi del terzo mondo

Produzione di cacao: la piaga dello sfruttamento minorile

catastrofe, CEFA onlus, Ciclone Idai, donazioni, povertà, rischio di epidemie


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto