Home Società Shopper biodegradabili a pagamento: alla fine la legge danneggia l’ambiente

Shopper biodegradabili a pagamento: alla fine la legge danneggia l’ambiente

1196
0
CONDIVIDI
shopper biodegradabili

Dall’entrata in vigore della legge sull’obbligo degli shopper biodegradabili si è verificato un paradosso che ha portato i consumatori non solo a spendere di più, ma anche a inquinare di più. Ecco perché

Dal primo gennaio 2018 è entrato in vigore l’obbligo di usare shopper biodegradabili e compostabili, rigorosamente usa e getta e a pagamento, per i generi alimentari. Ma cosa è successo dall’entrata in vigore della legge? Davvero abbiamo aiutato l’ambiente con la nuova norma? Ci aiutano a fare chiarezza i dati Ismea sugli acquisti degli italiani nel reparto ortofrutticolo.

Shopper biodegradabili: se i consumatori scelgono di spendere di più

A partire dal primo gennaio di quest’anno, è diventato obbligatorio l’uso di shopper biodegradabili per alimenti come frutta e verdura, generalmente acquistati in modalità sfusa al banco alimentare.

La norma è abbastanza chiara: non solo i sacchetti biodegradabili e compostabili sono obbligatori, ma devono essere anche a pagamento. Un costo, in media di 2 centesimi e indicato chiaramente nello scontrino, che pesa sul consumatore finale.

Quando è stata diffusa, la normativa ha suscitato non poche polemiche tra i consumatori, indignati dal fatto di dover obbligatoriamente pagare di più, senza poter scegliere altre soluzioni altrettanto sostenibili, ma a costo zero.

Quello che è successo dopo l’applicazione della norma, però, ha veramente dell’incredibile.

L’inganno di un finto risparmio

A partire dal primo gennaio scorso, è accaduto quello che era già stato previsto: i consumatori si sono accontentati di pagare di più un prodotto, piuttosto che spendere 2 centesimi a sacchetto (il prezzo che mediamente è richiesto dalle catene distributive per utilizzare i nuovi sacchetti biodegradabili). Sì, perché i consumatori hanno preferito comprare prodotti ortofrutticoli già imballati, che costano mediamente il 43% in più rispetto a quelli sfusi.

Una conseguenza già prevista da Il Sole 24 Ore, che scriveva: «Molti consumatori abbandoneranno il prodotto sfuso e si rivolgeranno ai prodotti già confezionati. Invece di prendere i frutti con il guanto usa e getta, pesarli nel sacchetto biodegradabile, etichettarli e poi alla cassa pagare il sacchetto, molti consumatori prenderanno la vaschetta di polistirolo con i frutti già imbustati. In altre parole, più imballaggi in circolazione». Un paradosso in termini di costi, ma anche sostenibilità ambientale.

I dati Ismea

A svelare la contraddizione sono i dati Ismea sugli acquisti degli italiani nel primo trimestre del 2018.

I numeri sono chiari: l’entrata in vigore degli shopper biodegradabili ha portato a un sensibile arretramento degli acquisti di ortofrutta sfusa, in favore di prodotti ortofrutticoli preincartati. Nello specifico: i primi tre mesi del 2018 hanno visto un calo del 3,5% in quantità e del 7,8% in valore delle vendite di ortofrutta sfusa.

Allo stesso tempo, l’acquisto di ortofrutta fresca ma confezionata è cresciuto dell’11% in quantità e del 6,5% in valore.

«Si tratta – sottolinea l’Ismea – di numeri che evidenziano come la reazione dei consumatori, anche a seguito del tam tam sui social network, abbia impresso un’accelerazione a un processo di sostituzione di per sé già in atto. Il peso degli ortofrutticoli confezionati sulle vendite del comparto è salito oggi infatti al 32% contro il 29% del primo trimestre 2017, nonostante, a parità di prodotto, i confezionati costino mediamente il 43% in più degli sfusi».

Una legge frettolosa

Secondo l’analisi de Il Sole 24 Ore, il paradosso è il frutto di una legge fatta in maniera frettolosa. Seppur spinta da un principio importante, quello di avere un impatto positivo sull’ambiente, la fretta ha portato in effetti a una normativa con conseguenze controproducenti sia per i consumatori che sull’utilizzo di involucri potenzialmente inquinanti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.